LUARTIS & PAROLE

luartis1 copia

COSA SONO I LUARTIS?

I “luartis” sono i germogli del luppolo selvatico (Humulus lupulus), una pianta spontanea che in primavera nelle campagne del mantovano e della pianura lombarda crescono in mezzo alle siepi e lungo le rive dei fossi.

Le loro tenere cime assomigliano a dei piccoli asparagi selvatici e,  una volta raccolte, si possono  preparare per fare un buon risotto o una gustosa frittata e qui di seguito, le ricette di entrambi.
FRITTATA   difficoltà: FACILE

Ingredienti per 3-4 persone:1 mazzetto di luartis (luppolo selvatico),1 piccolo scalogno o 1 cipollotto, 4 uova, 2 cucchiai di Parmigiano Reggiano, burro/olio 100, vino bianco secco, sale e pepe

Preparazione: Tagliare lo scalogno finissimo e rosolarlo in padella con il burro o con l’olio (a seconda dell’abitudine).

Quando inizierà a rosolarsi sfumare con poco vino bianco e lasciare evaporare a fiamma alta. Aggiungere i germogli di luppolo lavati e tagliuzzati grossolanamente. Salare, pepare, mescolare e abbassare la fiamma. Aggiungere qualche cucchiaio d’acqua, se necessario. Lasciare cuocere per 5 minuti circa, fino ad assorbimento della loro acqua. Nel mentre, rompere le uova in una ciotola, salare pepare, aggiungere il formaggio grattugiato, battere per bene e poi aggiungere i luartis che era stati precedentemente cotti. Sciogliere ancora un pezzetto di burro in una padella antiaderente e versare il composto, mescolare per aiutare le uova a rapprendersi e attendere affinché la frittata si stacchi dal fondo della padella cuocendola da entrambi i lati.

Ottima anche al forno dove risulterà più spessa e meno unta.

luartis

RISOTTO  difficoltà: FACILE

Ingredianti: un mazzetto di luartis, uno scalogno, riso Vialone nano, Parmigiano Reggiano grattugiato, olio EVO o burro, sale, acqua salata q.b.

Preparazione:  Per prima cosa fare imbiondire lo scalogno tagliato a rondelle sottili in poco burro o olio.

Aggiungere i “luartis” e saltarli brevemente a questo punto incorporare il riso, tostarlo qualche minuto, aggiungere con il mestolo poca acqua bollente già salata. Portare avanti la cottura aggiungendo acqua bollente sempre poca alla volta fino alla cottura senza dimenticare di  mescolare per favorire il rilascio dell’amido dal riso.

Quando il riso con i luartis sarà quasi cotto (11/12 minuti circa), spegnere e mantecare con un una noce di burro e buon Parmigiano.


Cibo per la Mente  di  Mendes Biondo phpThumb_generated_thumbnailjpg

Per accompagnare la ricetta dei Luartis ad una coccola culturale si consiglia la lettura de “Il diavolo in corpo” di Raymond Radiguet.

Il romanzo, facilmente trovabile nell’edizione Garzanti assieme alla seconda fatica letteraria del giovane scrittore intitolata “Il ballo del conte d’Orgel”, narra le vicende amorose della diciottenne Marthe, fidanzata con Jacques, un soldato.

L’ambientazione è la provincia francese degli anni ’20 dello scorso secolo, periodo in cui visse e morì a soli venti anni l’autore stesso.

La protagonista della storia mantiente un rapporto sessuale con il narratore, allora quindicenne, ancora troppo giovane per essere arruolato. Ne segue una storia d’amore tra due personaggi disturbata dalle convenzioni sociali e dai comportamenti bizzarri e possessivi degli amanti, troppo giovani per entrare nella logica di una relazione duratura. Il personaggio maschile che narra la vicenda non possiede un nome ma pare che in una delle stesure realizzate dal Radiguet venisse indicato quello di Francis.

Intorno a questa trama ruota il punto di svolta che segna il passaggio dall’infanzia alla maturità, descritto con cinismo e disillusione, nonché le situazioni di difficoltà che la società comporta e i calcoli strettamente egoistici cui costringe. Per tutta la durata del romanzo si assiste alla disgregazione del nucleo familiare del narratore, alla destabilizzazione delle istituzioni e del valore intrinseco dell’uomo.

Rispondi