I POETI DIALETTALI MANTOVANI DI IERI

  • Nello ALDROVANDI
  • Pierina ANCELOTTI
  • Fulvio BALISTI
  • Fausto BARALDI
  • Gianluigi BENZONI
  • Alfredo BERNI
  • Don Doride BERTOLDI
  • Eros BIASETTI
  • Enzo BOCCOLA
  • Arturo BONOMI
  • Bruno BONORA
  • Gilberto BOSCHESI
  • Teresa BUELLONI
  • Francesco CAMPOGALLIANI
  • Enrica CANNETI
  • Gino COSTA
  • Enrica CANNETI
  • Gino COSTA
  • Luigi GIOVETTI
  • Dino GUERESI
  • Ledo IORI
  • Enzo LUI
  • Luigi MADELLA
  • Luigi MODE’
  • Adone NOSARI
  • Rita PROTTI TOSI
  • Francesco REGGIANI
  • Cesare RUGGERI
  • Tarcisio TIZZI
  • Adriano TOMASELLI

NELLO ALDROVANDI

Nato a Guastalla nel 1924, in campagna, ha condotto vita vagabonda passando dai campi alla fabbrica.

È emigrato in Germania, come barista, “assimilando” la lingua. Dopo il servizio militare “43-46) è stato prigioniero di guerra con gli Americani in Algeria dove ha imparato il francese. Ha frequentato la scuola alberghiera, a Sanremo ed è passato da lavapiatti a direttore di albergo sino alla gestione diretta. Da agente di commercio nel settore del legno per quattordici anni alla pensione. Era di spirito indipendente, odiava il conformismo, propendeva alla “trasgressione”. Si era avvicinato al dialetto scritto più per curiosità che per convinzione, però affascinato e scoprendo un mondo del tutto sconosciuto. Ha partecipato a diversi concorsi ottenendo soddisfacenti riconoscimenti.

Ha pubblicato i libri: “Na calda e na freda” “La mia guerra” e “Al fruschin e la fòia”. Scriveva molto bene in italiano ma si distingueva anche in dialetto con una forma e un modo di esprimersi accattivante, deliziando con spaccati di vita e costumi. Viveva alla “Fraccalina” un loghino di Cappelletta di Borgo Virgilio, al quale ha dedicato molte liriche. Nello recitava con disinvoltura, da vero attore, padrone del palco.

Ha lasciato il mondo terreno nel 2016 all’età di 92 anni.

La Chìcara

A vegn da na familia ad cuntadin
inpastà d’èrba e d’tèra genüina
ad pulenta taiada cun al ref.
Agh ho tant rispèt par l’àqua santa
e bef luntera un gusin d’ vin.
Am sun vià ch’a tögh anca ’l cafè
ma mia in chi sarvesi ch’a s’üşa adès.
In bèla mostra agh n’ho in tœt i cantun:
in dla vedrina, in sla cardensa e stracantun.
Agh n’ho di bianch şmaltà
ad i àtar a fiurin o culurà,
tœti ben giüstà e mes in fila
ch’i par plutun d’suldà.
Ma me’1 cafè al tœgh in na tasina vècia,
la gh ’ha ’1 mànach rot e sculurida
un po şgarblada inturn al làbar,
ma me ’m pias tant a töraI lé
parche cla lé
…. l’era la chìcara ’d me màdar.

Vintün Santin

Mişürar al tenp ’è dventada n’usesion:
agh è i minüt sénpar cuntà, par magnar,
cuminciar a laurar o lasar lé,
alvàras sö o ndar a lèt,
star in ca in savati o ndar föra in dopi pèt.
Ai me tenp, l’urari,
al mişüràum a spani o a ciòpi ad pan,
cun al mètar dla fam,
precişa quaşi töt al tenp ad l’an.
Al mişüràum dal spesur dla söla,
da la dürada dal vistì.
dal bagn in dla mastèla,
dal crésar di ongi o di cavii.
Am arcòrd che al prim vistì da la fèsta
a l’hò spinà a sèt an cunpì,
grand da spali, longh ad mandga,
li braghi l’im rivava sot al snòc
e al bàvar tacà in sö, l’am quaciàva fin a i òc.
In dla bisaca ’d déntar dal gaban
agh meteva i lünari prufümà
ch’am dava ‘l barber dal me paes,
quand andava a fam tuşar ògni sié mes.
Na tuşada a pom o a spaseta
l’am fava na mlona lesa cme na söca maravèla
e se i cavii i carseva tròp
am tuşava i me cun la scüdèla.
In dli bisachi dli braghi
agh meteva bucini e figürin
e in dal bisachin in sla mansina
agh meteva i me Santin.
Tri Sant a l’an:
Pasqua, Nadal e par la sagra,
quaşi sénpar şbrudulà ’d caplet
ma chi àtar dé l’era pran magra!
Eh, anca alura ’l tenp al pasava,
i genitur i dventava gris,
vün a la vòlta i nònu in gh era pö
e nuàtar pütlet a la bèl e mèi a gnéum sö.
Ma ’l vistidin al sa strenşeva
l’am tirava sot a li laşeni e in dal caval,
da ’d sa, da ’d là, na qual padèla, lis e macià
ma ’n so mia quanti an al m’è dürà.
A quatòrdş’an d’età cun un pò ad malincunia
bucini, figürini e lünari prufümà
a i hò bütà via.
Ché in sla mansina,dal me bisachin
a i hò tirà föra, a i hò cuntà trè vòlti:
i era giöst, vintun Santin!


PIERINA ANCELOTTI

Era nata a Gonzaga il 12 ottobre 1923 e in seguito, si era trasferita a Pegognaga. Già in età scolare rivelava versatilità nelle materie umanitarie e si cimentava con la poesia, senza peraltro poter dare un seguito a questa sua attitudine per impegni di lavoro e di famiglia. All’età della pensione, aveva ricominciato con la sua antica passione scrivendo sia in lingua sia in dialetto.

Ha partecipato ad alcuni concorsi ottenendo, nel 1994 il “Premio Petroselli” con “Li man di vèc”, nel 1999 il terzo premio al concorso “Costantino Canneti” di Mantova con “Serchi”, nel 2005 il Premio speciale al concorso nazionale “La Carica” di Pastrengo ed altri riconoscimenti e segnalazioni. Pierina aveva un tipo di poesia moderna, a verso libero ma con effetti piacevolmente gradevoli e musicali che conferivano il giusto ritmo all’assunto. La sua era la poesia del cuore, dei sentimenti che lei con maestria sapeva confezionare e incorniciare. È stata socia del Fogolèr e alcune sue poesie sono state inserite nell’antologia “W al dialet” del 1997. Stava lavorando per pubblicare una sua raccolta di poesie, quando una dozzina di anni fa è stata chiamata lassù…

Paròli delicadi

Stasira al nòstar cel
l’è pin d’nìuli negri.
In di uri pegri
sarà ’l tenpural
föra, dla pòrta,
par scaldar
l’ànima şmòrta,
supiarò cun te, fòrt,
in sla sénar
di bröt ricòrd.
Starem a scultar, curius,
al parlar silensius
d’onbri lugadi
in di cantun dli canbri.
E strulicar àtar şöch,
nuàtar dü vèc sòch
par far pü viv
al nòstar föch.
Forse dman
i nòstar plun
i daró fiur d’mel:
paròli delicadi
par s-ciarir al cel
d’àtri giurnadi.

Serchi

Dré dal védar, serchi
in di culur dl’aftœm
al fiur dal girasul
e la sutana rosa,
granda
in di gir ad vàlser.
Serchi in si ram nüd
an segn piculin
ad fòii ch’a gniró,
par rinverdir
sti uri lunghi…
ad nœvi speransi.

La cadena

Cantava dal pos la cadena
d’aqua fresca bagnada
a la tö facia speciada
ai risulin şbarüf’a dal vent
che in fond sa vdeva apena.
Cantava la sidèla dal pos
insiem a te cürva in sla vera,
cantava la rana in dal fòs
e ’l culur dli röşi a premavera.
An tuclin ad cel arversà,
na nìula cun la tremarèla
in l’àqua ingrispada,
l’era ’l tö mond incantà.
Adès, dla fàbrica, n’atra cadena
distaca i tö tenp inganà,
la prèsia, al bişògn,
in di caşermun a punsar
i ’t pòrta a pensar
a l’infànsia, al tö mond incantà;
a la cadena dal pos,
a la rana dal fòs,
al còcòdè dal pulèr,
al pruföm dal ruşèr.


FULVIO BALISTI

Nasce a Ponti sul Mincio nel 1890 e arriva a pubblicare i suoi versi in dialetto in età matura.

Per l’esperienza matura in ambito professionale riesce a esaltare con i suoi testi le sfaccettature di un vernacolo, quello mantovano, che risente delle influenze bresciane e veronesi e che per questo viene parlato in una piccola porzione dell’Alto Mantovano.

Dialeto e paes

En castel con le sue steme
de chi siori de Verona
toresign che liga ‘nsieme
cinque tor, una che sona,

tuta torno case ‘n masa,
poncc su l’acqua no ‘l ghe n’à
e gh’è ‘Mens che ‘n fondo ‘l pasa
tri chilometri lontà.

L’onda ruvida bresana
vers al Mens la se s-ciarìsi,
quela seca mantoana
certo ‘l lago ‘l la ‘ndolsisi,

co le mode e co la guera
che da secoli è pasà
su ste quattro camp de tera
tri dialet sìà mesià.

Però (no parché me vanta
par amor de campanil)
la natura chi la canta
sia d’otobre che d’april

e su moncc che se scarmèna
e le vegne i à dobà
rici ‘l cor de bona vena
quando ‘l vi no l’è taià.


FAUSTO BARALDI

Fausto P. Baraldi è nato a Mantova il 29 giugno 1938. Ha trascorso i primi anni della fanciullezza a Pegognaga, ospite di una zia. Nel gennaio del 1946 entra in un orfanotrofio a Cremona. A metà agosto del 1947 passa all’orfanatrofio “Istituti Luigi Gonzaga” di Via Frattini in Mantova. Esce nel novembre del 1956. In questi anni studia ed impara una professione. Ha lavorato alla raffineria I.C.I.P. per 36 anni in qualità di elettro strumentista.

Nello scrivere e nella pittura era autodidatta.

Nel febbraio dell’anno 1973, ha rappresentato l’Italia alla Seconda Edizione della Galleria Internazionale di pittori, organizzata a Parigi dalla C.F.P. È stato tra i fondatori del cenacolo dialettale mantovano “Al Fogolèr”, dì cui per diversi anni fece parte del Consiglio Direttivo.

Per più di trent’anni è stato responsabile della Multimediale Biblioteca Aziendale della I.C.I.P. Suoi scritti sono inseriti in libri e raccolte di poesie. Dal 1975 svolgeva attività di volontariato nel Gruppo Sportivo LA.C.P San Paolo, del quale fu vicepresidente. Ha collaborato nella sezione cultura del Club delle Tre Età.

Come scrittore, pubblicò “Emozioni” – Raccolta di scritti in italiano e dialetto – Rossi Editore –Aprile 2004; “La vite ed il vino nella cultura antica del Basso Mantovano – Opera didattica pubblicata dal “Club delle Tre Età” Maggio 2005; Traduzione in vernacolo mantovano delle Bucoliche di Publio Virgilio Marone. Questa opera, incisa anche su CDR, è costata anni di studio e di lavoro. Per il Comitato di Quartiere di Levata di Curtatone aveva fondato la Biblioteca e insieme ad altri validi collaboratori aveva organizzato anche gruppi di lettura e concorsi annuali di scrittura, disegno e giornalismo per i bambini della quinta elementare. Ha inciso pure il CD “Storia di Mantova dal 37 d.C. al 1870. È deceduto il 26 gennaio 2021.

A vòlte

A vòlte,
tra mi e Dio gh è ‘n vœt
misià a tanta confüşion,
sospir, e vòia da capir.
Intant,
cme i pipistrèi che
in al scür dla sera
i vola a taston,
la me tèsta la şvaşa
par troar ‘na solüsion.
A l’è on sü e şo
ch’am fa gnir al magon.
S’ha scolti la ragion … …
… ma,
cma faghi sensa at Ti, Signor.
Ala fin, chi sontia mi?
Gnint.
Ti ’t sè l’unica me speransa,
Ti ’t sè l’Amor!

Cme ’l vent

Cme ’l vent,
voria inbariagàram
a i-ültim başin ros dal sol.
Sfiorar i canpanii,
le rive di fòs,
le sime di piòp,
andar sii e şo
far le scavariœle,
şügar,
logarm nal son d’Ai Maria
e tornar fœra
pitürà ’d rşa,
e po’, sensa fià, ripoşar
in la ment d’on pütin,
picolin.

Serchi

Tra i rişvòlt di penser
serchi na farsa
ch’a şliga la lasa
ch’am tegn ligà ale paüre,
par poder scapar
in i-ültim barlüm
dal tramont
ch’a sa şmòrsa,
pian pianin,
tra le cane e i cüròt.
E lì, biüt biüt,
voria ponsar pran psolin,
e sognar ad ti,
finché an fioris ‘n’ àtar dì.


GIANLUIGI BENZONI

Era nato a Milano il 24 settembre 1938 da genitori mantovani, Gianluigi Benzoni associava la sua attività di maestro vetraio a quella di pittore, poeta e ricercatore storico. Si era cimentato per anni con lavori d’avanguardia nel campo serigrafico. Da sempre interessato all’arte, seguiva i corsi serali per artefici presso l’Accademia di Brera. La conoscenza del vetro diventa una vera e propria passione e lo porta a frequentare la scuola d’Arte di Murano. Amante della ricerca storica e del sapere, si era stabilito a Casalromano, luogo d’origine della sua famiglia, dove, dopo anni dedicati alla serigrafia su vetro, apre un laboratorio artigiano per la realizzazione di vetrate artistiche, lampade Tiffany, formelle e oggettistica in fusione.

Quando il lavoro glielo consentiva, si dedicava al dialetto. Ha pubblicato “Robe di noster temp” nel 1985; e “Retai de vita” nel 1990. Nel novembre 2000 Gianluigi è improvvisamene scomparso.

L’Amministrazione Comunale di Casalromano, certa dell’importanza culturale e storica dell’opera: “Ier, encö e forse dumà” – (Dizionario Casalromanese-Italiano e Italiano-Casalromanese), si è fatta carico della pubblicazione. Per rispetto dell’egregio e accurato lavoro svolto dall’autore, era stato deciso di editarlo come era stato preparato, senza variare alcunché. Essendo stato anche socio del Fogolèr, alcune sue poesie erano state inserite nelle antologie pubblicate dal Cenacolo: “Vint’an in dialet” nel 1992 e “W al dialet” nel 1997, Editoriale Sometti.

Caşarimà

En ciòp de caşe na ceşa, en canpanil
l’è töt ché, se ulì idil
na piàsa granda, el pont en söl Naìle
i toch de sinch canpane, che fa piaşer sintile.

El nòster fiöm, tranquil culur d’arşent
el gh è treèrsa el cör
alegher, d’istà el sul splendent
d’invèren, dala fümana enturciàt sö.

En paes rident e festus
pustat en mès a i canp, verd e riguglius
chée, viv en po de şent piena de uluntà
che da matina a sera sööta laurà
şent dal cör generus
strach mort, cui cai en sö le ma, ma urguglius.

En paes cume tanti se pöl truà
ma chesto l’è el pü bèl, l’è el me Caşarimà.

ESTEROFILIA
(parló’m èl nòst dialét) (1983)

En del popol italià
ghè ignìt la mania dè parlà
en dialét mia pö nustrà
cun parole furestére
töt per là stése robe,
ma duprà àtre manére.

I tè fa ‘na cunfüşiù
cun en möc dè parulù
i tè par pròpe istrüìt
ma i sa gna cuşa i ga dit
i pü tanc, en del scultà,
i resta lé ciarìt
ma i fa finta dè ìga capìt.

I ga cambiat el nom a tòö
consummé al post del bröd
hobby, ticket, omelette
spray, week-end e toilette
relax, pic-nic e budget
pü i ‘na sa, pü i ghè ‘na mèt.

En sandwich, mia pa e salam
e tè pàsa anca la fam.

A forsa dà ciamà le robe malamènt
chéste, le ga pèrs èl sò saùr
e le sa pö dè gnent.

I tè làsa lé interdèt
ma zent, parlom èl nost dialét
che töti i la capìs, perchè l’è s-cét.


ALFREDO BERNI

Nasce a Mantova nel 1879. Ottiene due lauree e si dedica all’insegnamento; è infatti professore delle superiori. Si avvicina alla poesia dopo essere cimentato nella scrittura di saggi e di altri libri.

Le sue poesie vengono pubblicate di volta in volta sui tanti settimanali che venivano pubblicati nel mantovano; riviste che avevano una vita non molto longeva.

L’umorismo, la battuta, l’ironia sono tra gli elementi che caratterizzano molto spesso le sue liriche; liriche che raccontano la vita quotidiana di Mantova e dei suoi personaggi più singolari.

I ’s roba al mester
I lament d’on proletari

Chi èri, Jusfet, ‘na volta i proletari?
sol i strason o noiàtar brasènt;
ma adès, pütasca! l’ è dventà n’afari
ch’ an s’ahg capis pü dentr’ on asident.

Tüti i’ s roba al mestèr, o sacratari!
Agh sema in tropi in da sto regiment;
i impiegà, i profesor, i afituari,
i pret, i sagrestan … on mond ad gent

che tüti i sa lamenta dal salari.
Mi dighi che s’ a düra st’ ingordişia,
par compagn gh’ avrem anca i milionari.

Alora morirema d’etichişia
e sensa tanti forse, se e magari,
a tornarà al trionfo dla sghipişia.



DON DORIDE BERTOLDI

Nasce a Quistello nel 1869 entra in seminario nel 1884 e viene consacrato sacerdote nel 1892. E’ considerato dal mondo della cultura mantovano l’esponente di spicco della poesia in dialetto. I suoi primi scritti vengono pubblicati nel 1904 con lo pseudonimo Anfibio Rana.

Don Doride Bertoldi a seguito della pubblicazione di questi testi viene considerato al pari di un sacerdote poco rispettoso delle regole. Sul versante artistico però le persone lo riconoscono come poeta brillante e conviviale. Non a caso dispone di un senso del ritmo e delle misura strofica non indifferente.

Di tutte le sue poesie scegliamo per questo “esordio” del “Parlar in mantoan”.

Al me ritrat

Nas ordinari, occ bianch, cavei castagn;
orece e boca medie, schena a archet;
con sinch o siè centimetri ‘d calcagn;
son alt on metr e mès e fagh al pret;
èco, letor, la me fotografia;
tegnla, s’l’at pias, o si no bütla via.


ENZO BOCCOLA

Nasce a Mantova nel 1893 e diventa con le sue liriche uno dei maggiori esponenti del dialetto mantovano, riconoscimento che arriva dagli appassionati di tutte le generazioni.

Che l’arte pervada tutte le sue vene è confermato anche dal fatto che insieme alle poesie e alle commedie egli viene apprezzato sia come pittore sia come disegnatore.

Il suo impegno nella valorizzazione della parlata locale lo ha portato, tra le altre cose, a dar vita a vari sodalizi che condividevano il suo obiettivo.

La pescadora

La doneta pescadore
(sota ‘l peso dle so sporte),
la s’ fermava ogni tre porte,
la pasava sempr’ a cl’ ora
con in testa on fasolet,
on po’ cürva, on po’ stralocia,
tonda, tonda cme ‘na bocia,
coi venun in di sghirlet.

L’era s-giunfa d’ far pietà,
tant ch’ a dsevi: che corgnola …
la so casa l’è ‘na scöla …

L’era ‘l simbol dla cità …
Con so bülbar e varon,
con le sporte rinforsade
par i bos e foraguadole,
par i lüs, tüt argenton.

Mi son miga ondoa la stava:
Cantarana o Sguasadora …?
in s’la Fera o in Quarantore?
mi so sol che le l’andava
da ‘ n cò a cl’altar dla cità.

L’era on tipo, ‘na figura
che in dal cör in mi la düra!
La sarà in mendicità
la sarà forse ad Sorgot …
s’è restà ‘l ricordo bon …
“Lüs e bülbar e varon …!”
E corèma vers la not!

Quatar note prolungade,
cantilene mantovane
da temp bèi, d’ore lontane,
ch’le sarà pü registrade …

“Lüs … e bulbar … e varon …!”


EROS BIASETTI

Nato nel 1960, di Roverbella. Associato al Fogolèr dal 1991. Era appassionato alla scrittura e lo faceva sia in dialetto che in lingua. Prediligeva la poesia dialettale in cui si trattava di amore di persone, di attualità e delle sue passioni.

I suoi versi erano pregni di sentimento e riflessioni ma essenziali e senza vincoli di metrica. Composizioni moderne a verso libero, proiettate al futuro. Si interessava di musica, di calcio amatoriale e di astronomia. Si è spento a 59 anni a causa di complicazioni legate al coronavirus.

Per anni aveva aperto il carnevale portando il gonfalone di Roverbella. Era da sempre impegnato nel volontariato. Lavorava come muratore, gli piaceva la musica dei Nomadi. Amava l’allegria e la compagnia e credeva nella fratellanza. È stato presidente del gruppo Bici Pazze e in televisione fu intervistato da Magalli.

Era un uomo positivo e amico di tutti. Alcune sue poesie sono state inserite nell’antologia del Fogolèr “ W al dialet” del 1997 e anche nel libro “Tra ricodo e fantasia” del Circolo poeti roverbellesi “L’Àncora” di cui ha fatto parte.

Come ’n putin

Incantà come ’n putin,
vardo le stèle in cel
par sercar, tra l’Orsa e Orion,
tra ’l Toro e ’1 Leon,
la luce de ’n pianeta,
catar Marte
e fermar la bicicleta,
pogiarla şo de strada
e mirar, tuta la nòte,
la olta stelada.
Incantà come ’n putin
pena desmisià,
vardo Venere, stèla del matin,
e Giove, lì de parte
e ’1 sol che nasi
con tuta la so corte.
Ma quando ven la sera,
par ògni inamorà,
l’è na gran fortuna
parlar d’amor
davanti al ciaro de la luna.
Incantà come ’n putin,
sògno de sbuşar el tenpo
e, veloce come’n lanpo,
de catar, en de ’n angolin dispèrso,
el solfanèl bruşà
che ha dato fogo a l’Univèrso.

L’òmo e la montagna

Sota le ponte de i to di,
la montagna
sbrişolada,
sàbia, pólver.
La montagna desfada
come nee al sol,
sota pe inpotenti,
la pòrta şo, a val,
na carga de vite andade,
fin a chel cel
ciaro e tèrso
che te volee tocar,
no ’l t’è vegnì adòso.
Chel cel lì,
par ’n àtimo sol
1’è stà tuo,
tuo,
par senpre…


ARTURO BONOMI (LUGRIN)

Era nato a San Benedetto Po nel 1923. Per molti anni ha fatto il campanaro (al canpanèr). È stato socio del Cenacolo dialettale mantovano “Al Fogolèr” diventando un personaggio di rilievo per le sue doti di recitare con disinvoltura e a memoria. Era molto espressivo e con i gesti e le facce che faceva, era in parte attore e in parte al parea an cuntafòle.

Il suo scrittoio era racchiuso nella testa, non consumava inchiostro ma attingeva per incanto nel calamaio del cervello. Era attento osservatore e le sue poesie o prose destavano interesse e curiosità accattivandosi la simpatia degli spettatori che avevano la fortuna di sentirlo e di vederlo e gli applausi (i piciaman) giungevano sempre copiosi. Una delle poesie qui inserite” la fin ad na rundanina” prende il cuore, richiama un po’ lo stile del Pascoli. Non ha pubblicato libri ma alcune sue poesie sono state inserite nell’antologia del Fogolèr “Vint an in dialet” del 1992.

Arturo si è spento nel luglio del 2005 all’età di 82 anni.

Amiga Şguasa

‘T è sentì al nòstar afèt,
‘t è sentì parlar d’amur,
testimòne ’t se stada dal nòstar ardir,
ades at cünti sul i me suspir,
amiga şguasa!
Parchè l’am ha lasà
‘1 è andada in cel, sun da par me.
Sénpar da par me
Intant che na preghiera al cel inalsarò
cun li me làgarmi, ricamarò
al vel d’argent
dal cör ch’al pàlpita
sul quand agh è li tènebri.
Rèsta ancura un pò cun me,
amiga şguasa!
Insiem a cüntaròm li stèli,
insiem a spetaröm, a spetarò.
A scultarò la us che dai
cunfin dl’ünivèrs
un giùran l’am dirà: «’L è ura»,
ch’at vegni sö anca te,
i ho tgnü un pòst darent a me.
Ma adès agh ho paura,
cun cal fred ch’am şela al cör
agh ho ’d bişògn dal to ristòr.
Amiga şguasa, dulsa e fresca cum an fiur,
rèsta sénpar che cun me!
Mia tremar se la us ’d na canpana
la nüncia ai vif al nàsar ’d na giurnada.
Quand al gal al cantarà,
sensa timur, ad pö cüntar i bòt,
parché inturn a me, amiga şguasa,
inturn a me ’1 è sénpar nòt.

La fin ad na rundanina

Una matina ’d primavera quand al cel
1’incumincia a bruntulà
hò incuntrà una rundanina
che dòp na lunga tapinada
la sercava la su ca.
Vispa e gaia cume sénpar
la saltava la rideva la ciarlava.
Sun turnada… sun turnada
a sun che, in sa ’l verd ad l’èra.
A pòrti pace e profüm ad primavera.
A l’hu vesta a sura al fich,
a saltar in sia sef a dl’òrt…
a balar insema ’1 pos
e po anca i fu ‘dia lüs.
Infilar na geluşia….
far un gir inturan al fnel…
scavalcar una fariada e
pugias in sa ‘n fnestrèl.
Al so cör l’era cuntent…
la şbirciava in sa ’n travèl
al so vèc apartament.
Cme un şlanpes la s’è lanciada,
cui pipin l’as gh è tàcada
e cun i ali l’al bràsava.
Cun al bèch la gurghegiava
chesta che l’è la me caşa.
Forse ad déntar la sa dşeva…
che farò la me famèa…
che farò un bèl letin
par scaldar i me pütin…
Ma la veta l’è dulur…
e mai pü le l’as pensava
che lugà dadre da ’n mur un pütlet
ch’a şügatlava ach tires na sfrinbulada…
e purtròp cun precisiun,
a m’al senti ancora che, cal brüt giaron,
cun un sfòrs l’è andada in sü
a başar par l’ültma vòlta cal bèl cel
ch’la’n vedrà pü. In sa’l travèl
agh è restà una màcia,
al sul da la vergògna ’1 s’è quacià la f’acia
e al cel al seguitava a bruntulà.
Dopo un pò, al s’è mes a lagrimar.
L’è turnada a la su tèra
ondegiando cme una fòia alşera… alşera.
Era fnì un bèl insòni ’d primavera.


BRUNO BONORA (BRÜNIN)

Nasce a Mantova nel 1910 sin da giovane gli viene attribuito il nomignolo di Brünin per via del suo fisico minuto. Si laurea a Bologna all’età di vent’anni in economia e commercio. La sua passione per la cultura e la tradizione popolare l’ha portato a cimentarsi in vari ambiti dalla poesia ai testi per commedie e canzoni. Uno dei suoi brani di successo è senza ombra di dubbio “La Tor dal Sücar”.

Vista la sua vasta produzione è considerato da molte persone ed anche dagli addetti ai lavori uno tra gli autori mantovani che con le sue opera maggiormente si è adoperato per mantenere vivo l’interesse di tutte le generazioni nei riguardi del dialetto.

La Tür dal Sücar

Luna, Vesuvi, Surent
canta i Napoletan
al Campanil ch’l’è pendent,
canta invece i Pisan …

E mi che a Mantüa son nat
vöi canta qualcosina par lè
a vöi cantar come on mat
ch’agh vöi ben, ma … saviv al parché.

Parché gh’è la Tür dal Sücar
ch’l’è dentr’in ogni cör
parché gh’è la Tür da Sücar
e chi la lasa mör.

S’at senti al cör, tut pien d’alegria
e n’at sé mia
perché … l’è
sta nostra Tür dal Sücar
ch’las völ content con lè?

Quand a t’at trövi lontan
Da sta vecia cità,
par che ün at tira al gaban
e ch’at diga: va là!

Torna tra trigoi e caplàs
ch’a t’aspeta le rane t’al sé …
cori rimetat in vias …

E ti at torni; saviva al parché?
Parché gh’è la Tör dal Sücar
ch’l’è dentr in ogni cör
parché gh’è la Tür da Sücar
e chi la lasa mör!

At vegn adosa na malinconia
ch’a n’at sé mia
cos’l’è … ma! …
sarà la Tür dal Sücar
ch’l’at völ visin a lè!


GILBERTO BOSCHESI

Il maestro Gilberto Boschesi è nato a Dosolo nel 1922, ma ha trascorso praticamente tutta la sua vita a Gonzaga, paese al quale ha dedicato la sua creatività e le sue energie fisiche e intellettuali; paese nel cui dialetto ha composto poesie venate di malinconia, nelle quali ha trasfuso le sue esperienze di giovane combattente, di insegnante elementare di amante della natura e delle sane tradizioni padane. Dal dopoguerra in poi Boschesi è stato instancabile ideatore di iniziative tese a valorizzare il folklore e la civiltà della Padania.

A lui si devono, nell’ambito delle annuali manifestazioni della Fiera Millenaria di Gonzaga, riuscitissime “invenzioni”, come “La bella del luna park”, gli incontri dei “Cantastorie”, il premio Campogalliani d’Oro con la partecipazione dei più famosi burattinai, concorsi di pittura, di scultura come “Creta del Po”. Fu una sua idea anche il premio letterario “Il bottone di latta”, dedicato allo scrittore bancarellaro Giovanna Piubello e mille altre iniziative.     

Ha collaborato per inventare” la Fera dal Palidan” con il maestro Lupatelli.

L’Incontro Nazionale dei Madonnari, nato da un’idea di Dino Villani, fu creato e inizialmente organizzato dai giornalisti Gilberto Boschesi e Maria Grazia Fringuellini, a Grazie di Curtatone, in occasione della “Festa dell’Assunta – Antichissima fiera delle Grazie“.  

Fondatore con Boccola e Fredón, del sodalizio del Cenacolo dialettale nantovano “Al Fogolèr” e suo primo presidente dal 1972 al 1978. È scomparso il 18 febbraio 1990.          

Durante le serate di dizione del Cenacolo, quando saliva sul palco, diventava un vero attore che sapeva gestire le tonalità della voce e che arricchiva le sue interpretazioni con gesti e pause da cuntafòle.

Bibliografia: Quaderno di poesie, Soc. Coop. Fera dal Palidan –  Ed Grafiche Sarti, 1990 (postumo). Il maestro racconta s.d. (postumo). Sue poesie sono state inserite anche in alcune antologie del Fogolèr.         

Sant’Antoni chisulèr

Sant’Antoni chisulèr
te dacàt al me pulèr!
A gh ho déntar li galini
Cui cicin e cu i uchini.
A gh ho déntar li pituni,
i capun, li farauni.
A gh ho déntar i galèi
e di nèdar tantu bèi!

Sant’Antòni a m’arcmandi,
ona roba me t’at dmandi:
do n’uciada ala mè stala,
a gh ho déntar la cavala.
A gh ho déntar anca i bö,
fa ch’i sia come tö!
Li me vachi te dacat
par ch’li faga dal bun lat!

Sant’Antòni on lüşurin
a metrò in sl’altarin
sa t’ingrasi ime curgnöi,
la mè roia, i me gugiöi
par far sö tanti salam
da magnari cun al pan.
Par far sö di bèi cudghin,
di parsöt e salamin!

Sant’Antoni chisulèr
che ad vé al darsèt da şnèr
fa ch’an gabia pr’al sumari
da mai ciamà’l vetrinari.
Fa ch’a rèsta sénpar san
i me gat e i me can.
Té luntan anca da lur
al cagòt e al simür!

Par fnir sta tiritera
sculta ancura sta preghiera,
ta’m fares on gran piaşer
a cla bèstia’d me muier,
la supina fa ch’agh vegna
e par sénpar la’s la tegna!
Sèt che pace in dla me caşa!
Sant’Antoni fa ch’la taşa!

Robi da scöla

A scöla, ’na matina
a vedi an me pütin
che, şvelt, a na pütina
a şlonga an bilietin.

“Ti volio bene amor!”
agh’era scret atsé
cun déntar un erór:
“Adés a v’al dagh me!

In pé a testa basa,
i dü inamura
i speta ’na scupasa,
’na nota da firmà.

Ma, intant ch’a i a vardava
a senti che la me ment
an fat l’am ricurdava
an fat an po spulvrent.

Ecu! Agh l’ho davanti
bel ciar e lücidà…
a n’è pasà pran tanti
a di an da cal tenp là!

La scena l’è cunpagna;
al post di me pütlét
‘gh sun me e la Giuliana
par via d’an bigliet.

E cla maestra vecia
ch’la’s met töt dü in şnoc,
l’as ciàpa par n’urecia:
( che lagrimun a i oc!).

Parchè l’as castigava,
cuşévum fat ad mal?
Ma si… a gh’a şlungava
’na ftina ad partügal,

an pom, ’na caramela,
an qual ciculatìn
(ma l’era tantu bela
patnada cui tarsin!).

E lé… un tuchlin ’d chisöla,
an bol. An figürin…
i e robi ch’as fa a scöla
l’è ben fra dü pütin.
Alura a la lavagna
Ti voglio bene ho scret
…e pensi a la Giuliana
e’m vedi mé pütlét…

“ Ma bravi i miei scolari”
a sun sta bon da dì
“a sì dü gran sumari,
al Voglio al völ la gi!”


TERESA BUELLONI

Teresa Buelloni, pressochè incontrastata voce femminile del Parnaso mantovano, appartiene a quella non folta schiera di poeti dialettali nati alla fine dell’Ottocento e inizi del Nove­cento come Enzo Boccola (1893), Martino Martinotti (1887), Bruno Bonora (1910).

È nata infatti il 27 maggio 1902 a Virgilio, come si evince dalle carte dell’anagrafe (an­che se lei, in una sua poesia scrive di essere nata “a Romanor, incanpagna in mèş ai fior”,mentre a Virgilio dice di aver ri­cevuto il battesimo).e si e spenta a Mantova, presso l’Istituto geriatrico dov’è stata ricoverata per lungo tempo, il 22 giu­gno 1989, a 87 anni. È stata anche socia dl Fogolèr.

II suo esordio poetico risale al 1929 con II canzoniere man­tovano, una silloge di trentaquattro poesie presentata, da Francesco Campogalliani e recensita sulla Voce di Mantovail 5 gennaio 1930 da un brillante giornalista e commediografo, Francesco Carli, che profetizza: ‘Avremo in lei una poetessa degna di star a fianco dinomi già celebri”.

Orfana in giovanissima età, la Buelloni ha avuto un’infanzia e una vita infelici. Ha vissuto in vari istituti, poi, a causa della sua malferma salute (“son on grèban”),ha trascorso lun­ghi anni in case di cura e nei geriatrici.

La sua poesia, tuttavia, non e fatta solo di malinconiche ri­flessioni sulla propria sofferenza, sugli affetti perduti, sul male di vivere che l’ha accompagnata, sulla sua sostanziale solitudine spesso confortata da altra povera gente che ne condivideva la stentata esistenza. Nei suoi versi c’e anche ricchezza di humour e di autoironia, ammirazione per la na­tura e per la voce delle povere cose, schietto rapporto con la quotidianità tra il riso e il pianto.

Alla fragilità fisica la Buelloni ha contrapposto grande forza d’ animo, trovando nella poesia una ragione di vita.

Bibliografia: IL Canzoniere mantovano, Mantova, 1929. – La me müşa la torna, presentazione di Francesco Campogal­liani, Mantova, 1931. – La cardensa in dal camin, Mantova, 1937. – I canti della via, Villafranca, 1947.   I  me fior in vedrina, Mantova, 1959. – AL me roşari, Mantova, 1969. – L’ultima stagione, Mantova, 1974. – Canti di una vita, Mantova, 1975. – Poeşie stramnade, Mantova 1980. – Poesie scelte, Mantova, 1988. – La me musa la torna, copia anastatica conforme all’ edizione del 1931, Mantova, Edizioni Tre Lune, 1997.

La cardenza in dal camin

Quand a piöf, quand tira’l vent
e la nòt la fa paüra,
senti sénpar on lament
par la capa negra e scüra.

L’è la os dal mè camin.

…Ona vòlta, anticament
dòne, òm, vèc e pütin
is sentava chì darent.

E la sera is la contava
e mi sera in conpagnia;
e la legna la brüşava…
oh, che bèla poeşia.

Adès invece varda chì…
I m’ha pròpia bandunà.
E parchè? – Rispondi mi

parchè i tenp i s’è canbià.

S’è canbià le üşanse, si,
parchè sema in dal progrès
e la gent a i nòstar dì
i va, i va ala “gran vitès”,

Anca mi, siben ch’am pias
cal foghin acsita bèl,
par far prèst inpisi al gas
parchè basta on solfanèl…

ma al camin dişocupà
as lamenta nòt e dì.
E mi alora ho strolicà,
e gh hò dit: Ben, fema acsì:

a sto mond agh völ pasiensa,
par intant… fa da cardensa.

Ma al cör l’è strach

Na caşa in sofita
vint an ad men
voleras ben.
Che bèla vita!
Ta’l dighi sénpar Tina:
ricòrdat cla caşina?

Alora sera pròpia na regina:
al cör l’era leger,
come a1 penser.
Stavi dle ore atach al finestrèl
a dociar la cüpola e i camin:
cal cel l’era pran bèl!
E la sera… che Fèsta i rondanin!
E le rane… che müşica in dal lach!
In meş a st’ armonia
a gh era al péndol ch’al faşea tich… tach!

Ma dòpo che sconquas!
Che finimond, Tina!
La guèra, la rovina.
Adès la caşa l’era in d’on palas,
ma la regina l’era sensa regno.
Ma ’1 cör, on peşo, on peşo,
l’era dventà on predon
a védar dapartüt
mişèria, distrüsion.

Se po at vardavi al cel,
Dio mama che spavent!
La mòrt!
Ricòrdat, Tina?

La gh eva a tradiment:
na brüta ghigna con un gran lament.
Quand la vdevi végnar sü dal lach
al me cör al faşea tich tach, tich tach!

Èh si, l’è pròpia acsì
come at la conti mi.
Che brüt ani, Tina, ch’em pasà!

E tich tach al péndol
e tich tach al cör
e paròle e paròle,
la machina da scrìvar…
al tenp l’ha portà via
la pagina pü bèla,
e csita son dventada na şitèla.
E malada par şonta e sensa cà.
La par na fòla e l’è la verità…

Ma intant ch’a staghi chì a filoşofar
al tenp al cor, sa scürta la güciada…
e in ültim cara Tina,
ciapem na gran fotada!

Al péndol? Dìşat ti,
ma quel a l’ho vendì
Anca al cristal, ta’l sè… quel dl’armoar!
Coma l’è brüta la vita! Coşa vöt far!

Dle vòlte pianşi e scolti al tich e tach.
Ma’l cör l’è malandà. Ma’l cör l’è strach.


FRANCESCO CAMPOGALLIANI

Nasce a Ostellato di Ferrara nel 1870. Costruisce la sua fama da prima come burattinaio e già in questo ambito si rivela uno dei nomi più illustri tra coloro che sono impegnati nella valorizzazione della parlata locale.

Arriva in terra virgiliana, per la precisione a Mantova, dopo la prima guerra mondiale raggiungendo così il fratello che invece vi risiedeva dagli inizi del secolo. La sua passione per il dialetto, e non solo quello mantovano, lo ha portato a scrivere numerose poesie che però non sono state raccolte in pubblicazioni.

Grazie alla sua consistente produzioni hanno portato una firma di rilievo della stampa mantovana, Giuseppe Guerra, ad apostrofarlo con l’appellativo di “uno dei più paludati poeti dialettali”. Pur sapendo scrivere nei dialetti più disparati a lungo andare s’innamora sempre più di quello mantovano e lo si comprende maggiormente leggendo il teste de: “La Regina dla Fera”.

Della sua ampia produzione abbiamo scelto queste poesie:

I dü arloi

Dentar in dla me camara da let
a gh’ho ‘n arloi in sima a ‘n tavolin
che con al so tich – tach l’am fa l’efet ….
‘d’na vos ca conta i pas dal me destin

Intant mi scolti al cör, in dal me pet,
ch’al bat i so colpet pianin, pianin …..
ch’al par l’eco dl’arloi, l’eco perfet …..
ch’l’am diga – Vecio …. ormai sem a la fin.

L’è sesant’ani ca cuntinui andar,
ca corì adrè a l’arloi, ….. ch’a faghi bel …….
ma …. a gh’ho ancora mi bisogn da riposar.

E … al mal …. l’è che l’arloi … s’al tira sü ….
Ma mi … s’am fermi, vecio, … adio batèl!!! …
An gh’è arloier al mond ch’am giusta pü.

Al frak

Mi ch’a sgolosi tant un frachetin
da metram quand a dighi i me sonet
e an poss mia farmal parchè San Quntin,
al protetor dei sghip, al n’am parmet,

ò dit al me sartor : – Scultè Carlin:
femal vü a credit, ch’a si un bon’omet.
Mi av daghi i vostar fenach pian pianin
E vü a tegnì la nota in s’al libret -.

Ah, sior!… (al m’a rispost), lü al s’è sbaglià;
gh’l’insegni mi al sistema pù sé bel
sal vol aver un frak …. a bon marcà;

lü al va a cantar a … quei dal manganel
“bandiera rossa la trionferà …”
e … al … frak … i gh’al da lor … ch’al gh’va a penel -.

La vita dl’om

La vita dl’om, l’è come na pipàda
fata con dal tabàch né moi ne süt;
prima ‘s carga la pipa, ben calcàda
e dopo a sa gh’dà föc e ‘s fua tüt.

Ma quand s’ ha finì da far la so fümada,
as capis ch’ l’ è un mestèr sensa costrüt,
un po’ da föch, dal fum in quantità
dla sènar e … “l’è fnida la cucagna!”.

Sol in dal bago gh’è na diferens:
che morèma e andèma a star da dlà,
al dvènta al bagolòs dla maldicènsa.

Se mi a fudes

Se mi a fudès par ‘n an o dü al Signor
(parland con tüt rispet dal Padreteran)
voria cambiar …, parola mia d’onor
voria cambiar … sistema da goeran.

Voria tüt i om al mond creari sior,
visto ch’ l’è so ideal ultra moderan
ch’i gh’es di besi tanti e di valor
da spendar fin ch’i crepa … e i va a l’inferan.

Voria che l’om, invece dal forment
(già che pr i besi al roba e al fa ‘l sasin)
al gh’es dle piante … da biliet da sent ….

e invece dl’ua, dal ris, dal formenton,
nases di franch, di scü …, di marenghin …
e dopo diragh: – Magna quei, coion!….


ENRICA CANNETI

Nasce a Mantova nel 1904 stimolata anche dall’esperienza artistica testimoniata dal proprio genitore ella si è adoperata con grande passione e talento nella valorizzazione del dialetto.

Il suo modo di raccontare la quotidianità la portata a rivestire un ruolo di primo piano nel mondo della cultura popolare locale.

A fornire gli spunti per le sue poesie è l’amore per la sua città ed i suoi personaggi oltre ad evidenziare un occhio attento nei riguardi dello scorrere delle stagioni.

Al ciapacan

Tra i mester da ricordar
a gh’è quel dal ciapacan
con careta e las inman
al vedèvan a pasar.

I òc atent e pront al las
par ciapar i poar can
ch’i s’andava, csi, a şgualas,
sensa far né mal né dan.

Però pensiche anca lü
al doveva pür magnar
‘na familia al ga’avrà vü
e on mester ‘s agh’l’ha da far.

In stì temp a sem rivà
con i can tüti a guinsai
e i balòs in libertà
ch’i combina on müc da guai.

Maria onta

“Maria onta” coi carton,
lòbia sbuşa e stivalon,
condanada dal destin
a cüciar al certin
cargà ‘d carta e ‘d roba strasa
ch’ la cantava sü par Piasa.

La pasava le so not in Miarè,
in on casot,
far ad lata, là d’par le
con i gat ad cò di pe.

La faseva compasion,
ma è sta dit che in dal paion,
con e carità,
al “magòt” gh’ era logà.


GINO COSTA

È nato a Mantova il 23 luglio 1936. Fu socio del «Fogolèr» dal 1973, di cui coprì la carica di segretario per diversi anni.

Ha pubblicato una trilogia di poesie, pensieri in dialetto e in lingua. Nel 1980 «Proar par crédar», nel 1985 «Crédar par capir» e nel 1991 «Capìr par patìr». Seguì nel 1998, «Par mia şmengar», tutti «Editoriale Sometti».

Con due anni di ritardo, sulla tabella di marcia, dei precedenti libri, finalmente sono riuscito a dare alla stampa il mio ultimo scritto dal titolo «Par mia mengar». In questa occasione, Gino scrisse: «come facilmente intuibile è il non voler dimenticare il cammino della mia esistenza, tracciando le traiettorie della mia vita, rivangando e proponendo sentimenti, emozioni, sensazioni e stati d’animo che sono stati e sono tutt’ora inseparabili compagni del quotidiano mio vivere.

Il soffermarmi a riflettere anche su piccole cose, il voler lasciare una piccola impronta nel tempo, un semplice pensiero, una frase, una sola parola che faccia pensare, meditare, per me è già una grande soddisfazione. Vorrebbe dire l’aver raggiunto lo scopo del mio scrivere!»

Nel 2007 pubblicò il suo ultimo libro “Dü pugn…na caresa” – Edidtore Publi Paolini.

L’anima di Gino è salita in cielo nel 2020.

A ti!

Vorìa… con le me man
spostar i to cavèi
ad la front.
Guardar la to facia…
pogiar an başin
in si to òc
in sla to calda boca.
Stricart fòrt
tra i me bras
par séntar
i bàtit dal to cör…
al vibrar
ad la to anima.
Vorìa insegnàrat
a far l’amor
e dìrat “ad vöi ben”…
e sentìrat dir: “Anca mi!

Rinpiant

A na cèrta età
quand ormai
al sol dla gioventü
l’è dre a tramontar
e n’al scalda pü…
mia cùrar a dré
ai bèi ricòrdi
d’an tenp lontan
o sercar ad métar
le to fòie ormai şalde
in aque fresche
e sperar ch’ le ritorna verde.
Mia voler rubar
quel ch’an 1’ è pü tuo
ma vivi a la giornada
e bina quel
che onestament t’aspèta!
Al voler… o ’1 sercar
an quèl ormai pasà
a n’at fè àltar
che réndarat la vita
püsè dùra… amara.

S.O.S.

Proar par credar…
credar par capir capir
par amar, patir!
Pòche paròle
ch’le decit na vita intrega
se capide in dla manera giüsta
tüt al rèst l’è fàcil.
Capir! Sofrir!
E poder far gninte
par canbiar.
Védar! Tàşar!
Par mia morir ancor püsè.
Chesto l’è mia ‘n vìvar…
ma sol penar.
Anca se al sol
al spunta ògni matina…
par mi acsì
l’è şa sera!


LUIGI GIOVETTI

Nasce a Mantova nel 1923. Ha rivestito il ruolo di insegnate e lo ha fatto con una passione e una vocazione che ha lasciato un segno indelebile nella mente di chi lo ha incontrato nel proprio percorso formativo. Nel 1965 pubblica la sua prima raccolta di componimenti dal titolo “Poesia per un anno” che lui ha dedicato ai suo scolari.

Lui in collaborazione con un altro culture dalla tradizione popolare quale Alfredo Facchini, Fredon per tutti gli appassionati del dialetto, e con i membri del Cenacolo dialettale mantovano “Al Fogolèr” ha dato vita ad un impegnativo lavoro di ricerca per giungere alla stesura di un’utile guida per uniformare la grafia della tipica parlata mantovana.

Le strade dla cità

A vaghi par le strade dela cità
dle volte n’an sò mia indoa son,
so indoa la via la taca e indoa la va,
ma quasi sempar n’an conosi al nom.

Epür pròpia in prinsipi gh’è on quadrèl
da marmol bianch con sü tant d’iscrizione;
pensì ch’a son on gran somèl,
in tanti an gh’ho mai fat atension.

Tito Speri, Bepe Garibaldi,
Finsi, Masini, Poma, Scarselini;
perché tüti i si a desmenga mia
i ti ha sbatì in sal canton d’una via.

Acsì, ona cità piena da storia
ch’a l’as dismenga incö i fat da ieri,
invece d’esar monüment da gloria
la dventa quasi quasi on simiteri.

Però türista ti vegni l’istes.
Col nas’ a l’aria varda i monument
Varda San Şors, al lach da Mès,
ad vedarè ch’at andrè via content.

Tito Speri, Bepe Garibaldi,
Finsi, Masini, Poma, Scarselini;
perché tüti i si a desmenga mia
i ti ha sbatì in sal canton d’una via.


DINO GUERESI -DiGu-

È stato co-fondatore del Cenacolo dialettale mantovano “Al Fogolèr” insieme a Boccola, Boschesi, Fredón, Baraldi ed altri personaggi del dialetto. Per molti anni ne fu il segretario, scrupoloso, preciso e ordinato. Sempre disponibile per consigli, chiarimenti e saggi pareri. Era senza dubbio la memoria storica del cenacolo, di cui per parecchi anni ne è stato il decano. Fin quando ha potuto seguiva il gruppo con entusiasmo e partecipazione. Ci ha lasciato all’età di 90 anni nel 2000. Abitava in città a Mantova e per diverso tempo ha fatto (al menavèscuf), nel senso che era l’autista del Vescovo Antonio Poma, poi divenuto Cardinale. Dino era una buona persona, sempre sorridente e positivo che diventava molto espressivo ed esilarante durante le recitazioni delle sue poesie, molte delle quali, dedicate al mangiare e alle tradizioni locali.

Pubblicò il Libro “magnema in dialet” – Edizioni Virgiliane. Quando declamava le poesie sui risotti, polenta, tortelli e ris e faşöi, riusciva con i suoi gesti a far venire l’acquolina in bocca agli ascoltatori. Simpatico e vero mattatore sul palco, probabilmente farà sorridere qualcuno anche lassù.

I rişòt mantuan

Un mès chilo da ris bun,
da buter un èto e mès
tri èti ad salamèla
ben taià cun na curtèla.

Dal furmai ben stagionà,
tri èti ben gratà
da bütar in sal rişòt
quand questo l’è şa còt.

S’a gh è ad banda na braşöla
da magnar asiem al ris,
l’è cunpida la magnada
anca sensa far al bis.

Se al pòst dal salamèl
a gh è pes, a les o frit,
questo ta’l pòs dir
l’è pü fàcil digerir.

Sti rişòt a la mantuana
i è pü fin, parchè nustran,
e ti magna vulentera
anca déntar in na süpera.

L’Àngil Cüstòdi

Ògni òm ‘l è cüstudì
da un àngil gnì dal cel
‘l è cun lü nòt e dì
tüt vestì cun un gran vel

al mio sun sicür
ch’l è ün da chi pü bèi
parchè anca quand gh è scür
as fa sentir ancura mèi.

Sul na sera sü in muntagna
a l’hu mia pü sentì,
a sera lì asiem a la Giüliana
e’ m sun acòrt quand ’l era lì

ch’l era lì murtificà
cun li ali vèrs in sü,
e’l m ha dit: ti ’t è pecà…
ma sta mia fàral pü.

Caru àngil prutetur
ma ’l è tua, anca la culpa
s’at m’è mis darent a un fiur,
parchè mi a öt ch’at a sculta

sta atenti a quel ch’at fè,
sèrti ròbi ch’li par mia
ma, par védar cuşa gh è
si l’è vera, a l’è vrità

ma sti rubini acsì carini
a vardàrli mia cum’as fa,
e pu gh hu dit: senti caru àngil

a stema sénpar ünì
e quand càpita sti ucaşiun,
lasa, ch’agh vaga da par mi!


LEDO IORI

Sebbene sia nato a Codisotto di Reggio Emilia, si sentiva per metà mantovano in quanto ha passato ben trentacinque anni a Mantova, impiegato presso due importanti imprese stradali.

Amante dell’arte in tutte le sue espressioni, gli piaceva in modo particolare il dialetto e ha fatto parte del Cenacolo dialettale mantovano “Al Fogolèr” dal 1979.

Ha scritto 3 commedie dialettali (rappresentate con successo, diversi bozzetti e molte poesie che a lui piace definire semplicemente composizioni dialettali. Solitamente prendeva spunto dalla vita vissuta, esaltando le tradizioni, le problematiche degli anziani e i comportamenti delle persone. Lui, attento osservatore riusciva a mettere su carta le sue riflessioni con una forma garbata ma che tra le righe nascondeva significati ben precisi.

Amava il suo Fiume Po, a cui ha dedicato parecchie liriche esaltandone la sua ricchezza ma anche per lanciare un grido di aiuto e di allarme per il suo cattivo stato di salute, causato dall’eccessivo inquinamento, ormai senza freni. Ha partecipato a diversi concorsi di poesia nelle province di Modena, Reggio Emilia, Mantova e Verona, conseguendo importanti riconoscimenti (medaglie d’oro, d’argento, targhe e diplomi).

Il suo dialetto è quello che si parla a Suzzara. Essendo stato socio del Fogolèr per tanti anni, sue poesie sono state inserite in alcune antologie del cenacolo: “T’al dighi in dialet”; La spòrta ad paveras”; “Tèra mantoana”; Vint an in dialet”; “W al dialet”. Il socio onorario Ledo Iori è deceduto a 96 anni nel luglio del 2017.

Se gnint sücéd

Da la cavdagna l’era ‘n piaşer
vardar cal mar d’òr undegiar,
spighi dreti, pini, prunti da taiar

N’an bun se gnint sücéd

ma dgéa sudisfat al cuntadin
urgulius, cumòs, i oc ch’agh lüşea.
Al rümur dli spighi cha sa sfrigulaval
l’era müsica che sultant lü al santéa

Bun racòlt se gnint sücéd al ripetéa.

Me vardava lü, vardava ‘1 cél e al capéa.
Aria peşa, rundun ch’a vulava bas,
na vantada, luntan al ciarur d’an lamp.
I néui che in cel i s’arvultulava
sensa pietà, şvèlt, i sa vşinava.
Al rümur dal furment sbatü dal vént
ades al n’era àtar che lamént.

N’àtim ad calma, impruvis un gran fracas.
Des minüt è dürà cla tampastada,
cal mar durà, mitralià, in deşèrt trasfurmà.

Pügn sarà, facia tirada, òc in piànşar .
al me arnich sensa parlar l’am vardava,
me, cui cör che fòrt piciava ‘1 capéa…

Bun racòlt, se gnint sücéd, al ma dgea.

Scüşam Lucèrna

Quàtar scragni spaviradi,
an stracantun sensa preteşi,
an camin négar dal föm
in mes na tàula şvigugnada,
in d’un cantun, sota la fnèstra,
na stüa quaşi sénpar freda,
an salga ’d predi, sfisürà,
che me màdar puvreta
sa sfursava ’d tegnar lüstrà,
tacà ’l mör dü ritrat,
me nònu e me nòna,
ch’a parea ch’it vardes
cuntent quand ‘gh era ’1 sul,
ingrügnì quand piuvéa.
A spiculun, tacada ’n travèl
na lücèrna che ala sira
fava lüs a töta cla mişèria.
Me, alura püdlet, la vardava
e ingurda, ingiösta l’am paréa
quand pian pian a vdéa
da la sö pansa in trasparensa
al petrolio sénpar calar,
anca alura par i puvret
tròp, tròp car.
Me, cun ràbia la vardava
sensa pansar che lé, unèsta,
la cunsümava col che ’l stupin,
anca se bas al ciamava.
Tanti an d’alura è pasà,
e ades che ‘1 petroliu
da stupin dişunèst, spüdurà,
al ven ciücià, rubà, traficà,
me, vècia lücèrna, ta dmandi scüşa,
te almen at brüşavi
petroliu südà, petroliu pagà.


ENZO LUI

Nato a Reggiolo (RE) nel 1938 da genitori contadini. Lasciò i campi e raggiunse la metropoli lombarda con uno dei tanti treni della speranza che, spesso, all’arrivo riservavano le più amare delusioni. Accadde anche a Enzo, il quale dovette ben presto tornare dov’era partito adattandosi a fare vari mestieri per sbarcare il lunario modestamente. Una certa tranquillità economica poté averla soltanto dopo aver conseguito, studiando e lavorando, il diploma d’infermiere che gli procurò un posto in un ospedale del veronese.

Pur attratto dal cinema e dal teatro, non tradirà il mondo contadino; adattandolo, lo porterà con successo in teatro. Molti scritti sono ispirati a personaggi del mondo rurale: La vaca’d Main, fòle e cante della campagna mantovana, la storia di Ernesto e Quintilia, per citarne alcune.

Ha pubblicato due volumi di poesie dai titoli: Vita da pòch e Dormir cun i òc vèrt.

Lo troviamo ancora in teatro con racconti scritti secondo il suo filone preferito: La fòla dal pit; I sòlit disprà; Ciro Picai; L’Oibèla la va al fòso; Şanitröch ovvero la fòla dal castrà; Quando i contadini vestivano casual e l’ultimo suo lavoro: Fòla fòla me dirò

Una lunga serie di poesie e di monologhi, hanno caratterizzato la produzione letteraria di Enzo Lui, validissimo personaggio, che anche nell’ambito del Cenacolo dialettale mantovano “Al Fogolèr” ha interpretato con squisite qualità di attore. Ha collaborato, inoltre, con Claudio Quarenghi e Franco Ferrari nella raccolta di preghiere dialettali per la pubblicazione del libro “Al ben di nòstar vèc”.

È deceduto nel gennaio del 2006.

Al Vèc dal ricòar

Qund a ghì da pasar
par al giardin vèc
vardè a drinpèt
che a gh è al ricòar di vèc.
Sintà in sema ala pòrta
a gh è sénpar an vèc
cun la facia şmòrta
cun l’aria un pò dulenta,
in boca al gh ha na caramèla’d menta:
cal vèc a sunt me.
A staghi sénpar lé parché am pias,
a vedi la gent a pasar
a senti i uşlin a cantar

che i ve pròpia ché at survia –
e a spèt, spèti che…
che a vegna l’ura d’andar.
Ché a sa sta ben, as magna, as bef
as tira sira ch’l’è an piaşer
e na’s fo gnint in töt al de
e a spèti, spèti che…
che i me sinch fiöi im vegna a catà…
Pansè, ho mes al mond sinch fiöi,
ho trebolà tot, par i sinch fiöi
e i sinch fiöi par ricunpensam
at quel ch ho fat
i m’ha ché şgnacà
e adès i m’ha gnanca cünà.
Eh, saì, i s’è spuşà
sinch fameie i ha furmà.
I ha spartì töt quel ch’i ha catà:
la tèra, la ca,
li scragni şgangheradi,
i sant e li madòni
e na patina vècia gh è armas.
Tròp brota, nisün a l’ha vrüda.
Cla patina vècia e brota
che nisün ha vrü
a sera me: al pàdar di sinch fiöi.
Eh, ma oramai l’è bèla fata,
star ché a sigar an cunta gnint.
Lur i gh ha àtar da pensar
E me a sunt an peşu sulament.
Ché, me a staghi ben
parché an gh ho spuşe che am varda
e fiöi che am brava,
ché a vivi sul,
intant che stu banadet Signur
as decida da gnim a tör.

L’indiferensa

La me pütina la m’ha dmandà:
cuş’èla l’indiferensa, pupà…?
L’è na parola, l’indiferensa
che in dialet mantvan
an gh è mia l’eşistensa.
Ma par me l’indiferensa
l’è cal fat che, che a gh hò cunta.

Dü an fó, d’invèran
ch’a gh era un fret da can
suta i pòrtach a dla piasa
gh era un vèc giramond
sintà in s’na lastraa’d marmo
che al dmandava la carità.
Un de pasand da’d le
come l’ho vest, al m’ha fat pietà.
Sóbit la man in bisaca
a sircar cent franch.
Ma è pasà dü siur inpelisà
i rideva cuntent tra lur
e in la gnanca vardà.
“Ma varda chi lé si è bè…
I gh ha pó bèsi che me
e pròpia me a def èsar quel
ch’a fa limòşna a cal ché…
Ma nò vè!”
Ho tirà föra’l fasulet,
am sunt spasà al nas
e ho tirà dret.
La sira dòpu, andant al cine,
a m’è capità da védar ad nöf al vèc
in sa cla lastra’d marmo
ch’al pareva na statua.
Cun al fret ch’a gh era
agh şöch ch’l era dür da gratar,
al tirava fià apena apena
cun la man steşa
e i òc giasà.
Pòvar òm, cuşa pudévia far,
purtàragh na quèrta
o dàragh da magnar quèl da calt
sinò purtàral a l’uspedal.
Ma ho pensà “cun töta la gent ch’è pasà,
pròpia me def èsar quel
che a gh ha da dàras da far
in na sira’d libertà
cun tót po quel ch’a gh hò par la tèsta”.
La me man l’ha mula cent franch
che sta òlta a i ho catà,
che in sa cla lastra’d marmo
i ha ciucà tant mal…
in cla sira atsé freda,
e via ch’a sunt andà par i me fat.
Al de dòpu intant che a laurava
a pensava a cal vèc giramond
parchè s’era invià na büfera
ad vent fret, nef e aqua.
Cume ha sunà la sirena
a sunt curs in piasa.
Staòlta a sera pròpia decis
a dar na man a cal giramond.
A Carlin, l’arluièr,
a gh ho admandà –“ In dua èl andà
cal vèc ch’a gh era ché sintà”.
Via i l’ha purtà, l’era mòrt!
“Mòrt” come se i m’es dat
na şbèrla in sal müs.
“Mòrt… ma varda che fat…”
A caminava cume inbariach.
“E pensar che ares pudü far…
forse, chi al só, a l’ares salvà
Inveci…inveci”

Ècu cuş l’è l’indiferensa.
L’erur ad custatar dòpo
quel ch’an s’è mia vrü far proma.


LUIGI MADELLA

Ex presidente del Fogolèr è morto a anni 98 anni, nel novembre del 2020.

Validissimo poeta, è stato presidente del Cenacolo dal 1985 al 1989.

Nell’estate del 2017 in occasione di un pomeriggio dialettale, presso i Giardini Valentini di Mantova, il presidente Sergio Aldrighi lo aveva omaggiato con un piatto in ceramica, a ricordo del 45° anno di Fondazione.

Geometra dell’Enel, coltivò la passione per la poesia facendo soprattutto riferimento al paese nativo, cui dedicò nei primi anni Ottanta: “Romanore, appunti per una storia” con in appendice alcune rime in omaggio agli extra muros romanoresi. Specialmente quelli le cui famiglie negli anni del fascismo erano state trapiantate a Bolzano e Merano. Madella organizzava incontri poetici tra i monti, replicati in pianura in forma di rimpatriate a base di chisuline, cudghin e quant’altro di squisitamente mantovano. Di Romanore conosceva ogni particolare della chiesa, di cui amava farsi cicerone.

Lo stesso amore nutriva per Mantova: un dattiloscritto del 2000 depositato in Biblioteca Teresiana è intitolato “Mantoa l’è caşa mia”. In città fu assiduo sostenitore del Centro Anziani di Via Mazzini. Il suo archivio poetico, inedito, è conservato al Fogolèr. Tuttavia alcune sue poesie sono state inserite nelle antologie del cenacolo: “T’al dighi in dialet” e “Tèra mantoana” e “I poeta dal Fogolèr”.

Sensa fin

Sa vardi al cel
l’è sensa fin
sa vardi i mar
i è sensa fin
sa pensi al tenp
l’è sensa fin.
E noiàltar?
Stema ’l mund
an puctin
par dar la mişüra
dal gnint d’ògni creatüra.
Granlin ad sàbia
dispèrs in dal vent
ma ch’a pòrta in dal cör
una vòia ’d PACE e ad BEN
sensa fin.

La sera

Am pias la sera,
parchè ad tüt la mè giurnada,
l’è l’ura pü sincéra;
l’ura ch’am fa pensà,
e ch’a dighi na preghiera,
par la vita che ’l Signur m’ha regalà.
Am pias la sera,
parchè ogni dé, lunga la strada,
l’am ricorda la gran onbra scüra,
ch’a m’aspèta,
ala fin dla caminada.
Sensa timur e cun l’anima alşera,
vardi al tramont,
e ’t porti l’ültim fiur,
cume m’è piaşì tant la mè giurnada,
e ringrsii al Signur.


LUIGI MODE’

Era nato a Castiglione Mantovano in un vecchio mulino in riva al canale Molinella. Ha cominciato a scrivere in dialetto allo scopo di “salvare”, fissandolo sulla carta, tutto quello che ruota attorno al dialetto, al mondo contadino cui appartiene, in particolare ed alle sue “radici”.     

Ha cercato di fissare modi di dire e di vivere ormai dimenticati e non più tramandabili oralmente. Le sue composizioni, infatti, sono una raccolta vera e propria di termini e di aforismi cercati con pazienza, umiltà e fatica. Ha pubblicato due di queste “raccolte”: “Li cansun pèrsi “e “I fiur d fil’d’fer”.

Successivamente pubblicò altri libri: “Infantüsmà” nel 2001 – racconti e poesie; del 2002 è la raccolta di poesie in italiano “Isola d’amore”, del 2007 il racconto “Tati e i fiori rosa”, del 2008 i racconti in dialetto “A Castelbàrach, tra l’aqua e li stèli”.

Ha ottenuto numerosi riconoscimenti per racconti e poesie dialettali e in lingua in vari concorsi. Tradusse in mantovano commedie scritte in altri dialetti curandone pure la regia.        

Ha diretto la filodrammatica “Al Filòs” che ha inaugurato, con successo, la serie di “spettacoli sotto le stelle” a bordo dell’ANDES 2000 in navigazione sui laghi di Mantova. È stato membro della giuria del premio “Merlin Cocai”. Era socio del Fogolèr di cui è stato consigliere per alcuni anni. 

Da qualche anno stava lavorando scrupolosamente alla compilazione di un suo dizionario dal dialetto mantovano all’italiano.

Il poeta contadino Luigi Modè se n’è andato nel maggio del 2019, a 86 anni. Viveva alla corte Castelbarco di Porto Mantovano, nella sua casa sulla sponda del Tartagliona, tra l’acqua e il cielo, le nebbie e i grassi terreni che aveva per lungo tempo lavorato.

I fiur ad fil ’d fèr

Tati,
a senti che la vita
l’as an va.
La şbrisia in di dì
cmé l’aria alşera
ch’a pasa in di ram
dla gianda
in fund a l’èra,
adès,
ch’l’è primavera.
Tati.
Quand sarà ura
e tüt finì,
vegni sut sera,
pian,
pr al vial di pin.
Pòrtam dü fiur
ad fil ’d fèr
chi dùrarà püsè
e meti in mès a l’èrba
in da cla tèra…
Mia piànşar.
Lasa ndar
la tu ànima
in cel
a başar la mia,
e csi tùti li seri,
e prumétam, in chi mument,
da purtar dü fiur
anca par ti,
che mai ’t al pensarè.

Sarò lì

Quand agh sarò pü
sércam,
mia in dal pòst
di mòrt.
Sércam,
là,
par cla canpagna,
avara da caresi,
in mès
a spighi grasi
che mi
ho sumnà par ti.
Sarò li.
Sércam
in gir,
suta li stèli,
a scultar la cansun
da cl’uşlin
ch’ha cantà
sul un mes in primavera
par ti.
Sarò lì.
Sércam,
lì, indua l’aqua
ch’a ciòca dla şvaşèra
tuca, rituca, cùna,
na macia
da fiurlin celèst,
mistùrà da ròşa,
che mi ho catà par ti.
Sarò lì.
Sércam
mia tant luntan.
Sércam
in dal tu cör;
sarò lì,
con ti.

Sperar

La vita, şa s’al sa
L’agh ha
i su drit e şvèrs
cume al güciar.
lntant però
che ta fnisi al gamisèl,
’s pö1 dar
ch’at rèsta in man
al fil
ch’al s’è spacà
e, d’an culp,
infin li stèli,
al sul, i uşlin
as è şmursà.
……………………
Mia sercar, alura,
’n pòst
in du pugiàrat, stràch.
Serca a calmar l’arsura
dal tu mal déntar da ti,
’n àntar fil;
lévat in pe
e cumincia da nöf,
pian, pian,
a caminar.


ADONE NOSARI

Nasce a Tabellano (Suzzara – Mn) nel 1875. Da subito riesce a ritagliarsi nell’ambito della poesia dialettale un ruolo di primo piano e a contribuire alla sua fama arrivò persino Giovanni Pascoli che in un suo intervento compiuto al Teatro Bibiena il 6 maggio 1906 lo definì il “malinconico cantore dei suoi tempi”. La sua attività di giornalista, ma ancor di più il suo pensiero ribelle gli fecero trascorrere anche un certo periodo dietro le sbarre delle carceri di Monza.

Per una settimana nel 1943, dopo una lunga esperienza giornalistica a Roma, riveste il ruolo di direttore de La Voce di Mantova. Il suo cammino di uomo e di poeta lo conclude fuori dai confini nazionali, emigrò infatti in Brasile dome morì nel 1957.

Gonzaga

Gonzaga l’è ‘n paes dla Lombardia
con na tor piena d’an, piena ‘d malan
ch l’è insima cme na specie d’altipian,
girada dai rondon ch’ì scapa via

şügand coma pütlet, al şögh dla strìa,
sigand, fasend i fiöi par tri mes dl’an
e fasendaş magnà dai barbagian …
Al barbagian l’è fürb: al sofia e ‘l spia!

Anca tra i òm as ved la stessa roba
e credi ch’la süceda dapartüt
agh sia Maomet o pür Gesù.

A gh’è i povret che tüt al dì i sgoba
e gh’è quei ch’an fa gnint … ma i cmanda a tüt;
gh’è quei ch’a magna e quei ch’a guarda in su.


RITA PROTTI TOSI

Nacque a Motteggiana nel 1932, poi si trasferì a Porto Mantovano. Insegnante, giornalista pubblicista, scrittrice e poetessa con una forte passione per la montagna. Collaborazioni giornalistiche con: La donna moderna, la Gazzetta di Mantova, Quadrante padano, alcune riviste scolastiche e, dal 1966, è stata corrispondente e redattore de “la Cittadella”. Nel teatro dialettale, con quattro commedie in tre atti ed alcuni atti unici, ottenne due “primi premi” Enal/Fita 1975- 76.

Fu coautrice di tre testi per musical giovanili di successo. Sue le Pubblicazioni: Motivi dell’anima (racconti), Tra sassi e sussurri (poesia), Il timido ragazzo del Mincio (biografia di Virgilio, per ragazzi), In sli ali dal povret d’Assisi (poesia), Il nonno racconta (storia, usi, costumi e tradizioni della gente di Porto), Il calendario (sussidio estivo per gli oratori diocesani), Fa la nana bèl pütin (filastrocche antiche per la prima infanzia).

Sue poesie in lingua italiana e in dialetto sono inserite in 18 antologie a livello nazionale. Dal 1970 in poi sono numerosissimi i premi di 1°, 2° e 3° grado che ha ricevuto in concorsi nazionali (poesia/letteratura/fotografia) ed internazionali (poesia).

È stata insignita del titolo di Accademico Teatrino (Roma) e di Accademico Valentiniano (Terni) per meriti letterari; sue la Targa d’argento del Presidente della Repubblica di Malta per la poesia, la Targa e diploma d’onore del Ministro Italiano Turismo e Spettacolo (Piacenza), il Trofeo del Canton Ticino per la poesia, il Premio della Cultura “La Quercia d’Oro” per il giornalismo (Bologna), la medaglia d’oro “Baradel” per il dialetto lombardo (Como), la medaglia d’oro dell’Accademia Catulliana di Verona per la poesia dialettale e la medaglia d’oro per meriti culturali del Comune di residenza. Fu Presidente del Cento Anziani e anche della Pro Loco di Porto Mantovano. Morì nel novembre del 2009. Il Comune le ha intitolato la Biblioteca di Soave.

Şmensa

Na fòia seca,
straca,
dupigada in s’na mólta
ch’a spèta’d magnàrsla
a brişi e a tuclin.
Na cüna da gnint,
indoa un granin
scapà da na mansa,
al red,
gras e turnì
cme na pèrla,
in dla lüs mulşina
d’an sul,
ch’al la còcula
e scalda.
In şnuciun,
am incanti.
E a sculti
e a respiri
e a tochi
al miràcol dla vita.

Cl’afari

A i ho şlongà la man
a na scragnà par tèra
cmè on sachèl şbüs
e am è ’rmas adòs
na sòrt at pólvar
ch’la gh ha saur ad crus.
A i ho firmà l’orécia
in sal fagòt di so lament
e am cati in gir par boca
suquanti brişi ’d pionb
ch’a ciòca sota i dent.
A i ho sircà in bisàca
on qual stupai par rimedià
e as m’è fat na pócia
ch’an so mia
da qual cò ciapà.
Vöt ascumétar che
’l vuler ben ’l è cl’afari
ch’a prèdica i Sant
parchè ’l dupìga cmè ’n sumari?

Prufesur at veta grama

FIORETTO 1° (Dei dodici compagni di santo Francesco a tutto il mondo meravigliosi… e come uno apostatò e impiccò per la gola) 

Al gœst sütil
at gnu àtar discantà
al filtra i inbutidüri
e i ricàm dia conpagnia,
con al nas
puntà a li scragni
ch’a faga püsè s-ciàs
par tsuravìa.
Francesco,
brœta copia ’t Nostar Siur
e gnint ladìn a la léngua
ch’a rüfiàna i bèi spüsur:
al s’è durnà d’una gulàna
at prufesur at veta grama,
sensa star lé tant
a tuntugnà se:
parfin on poar œndas
a gh’era dent lugà.


FRANCESCO REGGIANI

Reggiani ha salutato il suo pubblico, uscendo di scena in punta di piedi, strappando questa volta una piccola lacrima e andando a testimoniare la sua passione per la lingua mantovana su un altro “palcoscenico”.

È scomparso il 12 novembre 2020 infatti, all’età di 92 anni il noto e apprezzato autore, nato a Formigosa e residente da anni a Cerese, che con le sue opere, tra poesie e testi di commedie dialettali, regolarmente redatte con macchina da scrivere su semplici fogli e mai trasformate in raccolte o libri, ha raccontato quella Mantova genuina che ancora oggi affascina. 

Nel 2018 è divenuto socio onorario del Cenacolo dialettale mantovano “Al Fogolèr” e si è sempre distinto con la brillante recitazione, a memoria, di poesie ma soprattutto di esilaranti racconti in rima, che catturavano l’attenzione e gli applausi del pubblico. 

Nella sua Formigosa è stato per anni regista della locale filodrammatica. Aveva anche scritto numerosi monologhi in dialetto mantovano tra i quali: “La buleta ’d cunpagnament” e “Rè Carlo d’Inghiltèra”. Opera quest’ultima in cui a un certo punto, al ritorno dalle Crociate, c’erano i fabbri occupati a sbloccare la cintura di castità della Regina, che nel frattempo si era arrugginita. 

Una delle battute più spassose in tale contesto era certamente: “Tra le ganbe dla Regina, la pareva n’oficina!”. Purtroppo non ha mai pubblicato niente, però alcuni suoi scritti sono stati inseriti in diverse pubblicazioni del Fogolèr come: “1861 – 2011- 150° Anniversario dell’Unità d’Italia; “Il Mincio” nel 2011; “45° Anniversario” nel 2017; “Calendario 2017”.

Ad sicür al farà şganasar an qualdün anca lasü!

45° Aniversari dal Fogolèr

Parlar in dialet a völ dir
güstar al parfüm da cla tèra
ch’a s’ha vist nàsar e crésar,
far teşòr d’insegnament ricevü,
star insiem e vìvar in armonia.
Inparar a lèşar e srìvar
l’è sta on pas inans.
L’aver fondà al Fogolèr
völ dir aver dat na sàgoma
a un quèl ch’a pöl gnir bon
par i stüdios dal dialet,
par capir ch’l’è na vera lingua
ch’ha ligà la familia.
Quanti personi, gnidi anca da lontan,
i ha fat i Augüri
al Fogolèr e ai so 45 an.
Serchem, adès, tüti insiem,
da tégnaral vif.
Bütem in sal föch
an qual tuchèl da legna
parchè al sèita a dar:
Calor: pas scaldar i nòstar cör;
Lüce: par s-ciarir li ment;
Falivi: par dar tanta fantaşia.

La vendemia (settembre)

Atach a li tirèli dla vida
l’üa l’è sénpar pü colorida;
li s’n’è acòrti anca li galini
ch’li va a şbecular tüt li matini.

È rivà’l mument da vendümar,
li sisti sistemadi insima’l car,
li dòni con le fòrbas e’l podain
li taia i grap e i a pògia pian pianin.

As vöda li sisti in dla navasa,
i aşiöi atùran a l’üa ch’i şvulasa,
dòni e pütlet a pe nüt a folar
e’l most in dal mastèl al va a colar.

L’üa folada la va fnir in dal tinas,
la boi e l’odor al delisia’l nas,
al most al dventa vin, al canbia saor,
cume an rübin, al dventa’l so color.

E in novènbar daşnans al caminet
podem güstar an bicer da vin s-cèt
e insiem a na bèla castagnada
festegiar sta bona vendemiada.


CESARE RUGGERI

Figlio unico di agricoltori, è nato a San Martino dall’Argine nel 1934.

È stato presidente del Comitato Civico e corrispondente, per oltre un decennio, del giornale cattolico della Diocesi di Cremona: “La vita Cattolica”.

Era uno dei personaggi più caratteristici del paese e lui stesso si definiva un «poeta contadino, un ometto assai sobrio e pudico amante delle cose all’antica».

Nel 1977, coltivando da alcuni anni la passione di comporre versi in italiano e in dialetto, vinse il premio del concorso indetto dalla locale Biblioteca Comunale.

Socio del cenacolo dialettale mantovano “Al Fogolèr” dal 1979, partecipò a molte dizioni in provincia contribuendo alla divulgazione del suo dialetto. Dal 1981 si è dedicato alla raccolta di laterizi di varie epoche che si possono ammirare nella sua casa-museo regolarmente registrata nei cataloghi dei musei della Lombardia. Amava il suo territorio che ha declamato in decine di liriche.

Pubblicò nel 1989 il volume “Il vecchio credo” a cui è seguito nel 2003 il libro autobiografico “Il mio romanzo”. Il suo ultimo libro fu: “Pensieri in rima”, antologia di poesie in dialetto. È salito in cielo nel 2020.

Balàda dal paişan

La matina ’pena alvà
gh’è la stala da cürà,
gh’è dal lat da cunsegnà
e po in prèsia andà a magnà.

Ciàpa ché e mola lé,
p’r al paişan senpar acsé.

Dòpu l’erba gh’è da sgà,
ranghinà e da cargà,
tanti volti da voltà
e sj’l’è seca da inbalà.

Ciàpa ché e mola lé
p’r al paişan senpar acsé.

E la vaca l’è ‘dré a fa,
al bigén da daşlatà,
la manşöla da fecundà,
an turel da negusià.

Ciàpa ché e mola lé
p’r al paişan sempar acsé.

Quand al sul l’è tramuntà
an bucón al vó a magnà,
ma gh’è amò da balücà par la contabilità.

Ciàpa ché e mola lé
P’r al paişan, fèsta e bon dè.

Al sfòi

In dla vècia cuşina
’na dona la fó’l sfòil
la par la mé mamìna
cul màgar purtafòi.

Darent la farinèla
e i öv apena alvà
la dröva la canèla
el sfòi gh’è da tirà.

Incö l’è taiadèla
adman i maltaià
cul brö ad faşulina
e’l gras ’pena pistà.

Adès as vó in fàbrica,
’na machina la fó’l sfòi
la canèla l’è pö pratica
as varda sul l’orlùi!

Quand a canta al galèl!

Ma che fat, ma che ròbi
ch’è sücès longa ‘1 Caròbi,
an galèl al distürbava,
a bun’ura lü al cantava,
e par an qual chirichichì
al vicinato al s’è muvì.
Tira al còl al to galèl
che a bun’ura al fó mapèl,
quand cumincia a fa frischén
dopu al són, as fa al sunèn,
e a let sa sta da siur
sensa rumur e sunadur.
Sta prutèsta i’m l’ha cuntàda
in Cumön l’è pó rivada,
pr’al galèl l’è stada fata
dopu an pó l’è fnì in pügnata.
Mé, inveci, in sli canpagni,
in mèşa al verd e li cavdàgni,
quand a canta an qual galèl
a turni indrè, adventi pütèl!


TARCISIO TIZZI

Da una nota del Prof. Giancarlo Gozzi, tratta dal libro “Il Dialetto Mantovano – grande lingua di una piccola patria” sponsorizzato dal Cenacolo Al Fogolèr, si riporta quanto segue:

Esponente di spicco nella realtà culturale sabbionetana, Tarcisio Tizzi a partire dal 1982 iniziò la pubblicazione della collana <I Filòs> tramite il diretto intervento di Radio RC 29 che ne sollecitò la realizzazione in quanto (così scriveva in prefazione il presidente Norberto Gnaccarini) “Fra i compiti istituzionali che Radio RC 29 fin dal suo sorgere si è imposta, vi è certamente anche quello di riscoprire e valorizzare quel patrimonio di cultura di tradizioni, di storia strettamente legata alla nostra realtà che spesso e stato relegato ai margini.

I quattro volumi comprendono una notevole mole di filastrocche, aneddoti, proverbi, detti, preghiere raccolti dal Tizzi nel corso della rubrica radiofonica <Dialetto come cultura> gestita dall’emittente. Il nostro, in quest’opera data alle stampe quindici anni dopo l’edizione della collana di poesie <Fœra dal cavagn>, dà il segno esatto del suo straordinario sapere demologico proprio come ebbe a scrivere in prefazione al III volume (1990) l’allora Presidente del Consiglio Giulio Andreotti.

“Tarcisio Tizzi ripropone le impronte, i segni di quella saggezza attraverso la spigolatura preziosa e accurata delle voci, delle espressioni, dei proverbi popolari”. Ma è soprattutto in veste di studioso del dialetto della sua patria natale che Tizzi merita l’alto encomio della sua gente.

Gli piaceva dire che amava la lingua materna perché la riteneva indispensabile per comunicare con le persone più umili, la più adatta a manifestare con sincerità i sentimenti dell’animo. Alla fine consideriamo pienamente giustificato il detto che corre sulla bocca dei cittadini di Sabbioneta “Tarcisio l’era müt’ è al formai in sla mnèstra!”: il folklorista non poteva essere ignorato da chiunque intendesse riproporre l’accento sulle tradizioni e sulla parlata della gente locale. E nemmeno gli amanti della poesia vernacola perché il nostro era anche capace scrivere versi delicati e commoventi.

Tarcisio Tizzi, socio del Fogolèr, è deceduto nell’ottobre del 1996. L’amministrazione Comunale e la Pro Loco di Sabbioneta l’hanno ricordato con eventi dialettali sia in piazza sia nella splendida cornice del Teatro all’Antica.

Li dóni e la mòda d’incö

Quand at gir par la cità
par vardà dli nuità
te at rèsti an pu inbanbì
s’at at fermi ai vastì.
Me ch’a son ’n òm, (e stagiunà)
töt li dóni ’m pias vardà
e ’m la gòdi par dabon
quand as ved di bèi galon;
con al mond a son cuntent
che in mostra i met al bèl
dla ragasa e dal pütèl.
Da ’n pu ’d tenp as ved da töt,
an pu’ d bèl, na möcia’ d bröt,
ch’l’at fa dì, sensa criteri:
-Gh’è mia pö dli ròbi sèri!
Col, ch’agh ha adòs la dóna
i è i stras ch’l’agh ava pröma
quand l’andava in pe par tèra…
pröma amò dla pröma guèra…

dli sutani şvirgulenti
a pindulon e şmulasenti,
dli gabani ’d butigher
bèli prunti pr al strasèr,
cun an möc ad franbalà
che i pend dadsà e dadlà,
mèi amò s’i è ’n pu strüsiadi,
sculuridi e anca psadi.
Col che dòp, li gh ha ai pe?
L’è mèi tàşar e piantà le!
E po dòp, müt i è patnadi?
Li par piti ben scuadi!
L’è insoma an bröt vardà
se indré ’t at vö vultà
quand a pasa an möc da stras
mèşa dóna e mès ragas!
E par fnì, l’ültim panser,
s’af fa mia dispiaşer:
Na dona vastida ben, l’è bèla
e l’as guarda müt’è na stèla,
ma s’l’è bröta e vastida mal,
u diu mama che carnual!

I Sòld

I sòld, l’è vera, i è na gran cüra
ch’i è mia stà invantà da la natüra,
ch’i nas mia se te ’t i a vœ samnâ
gnanch se par fai crêsar at i a vœ daquâ,
ma i è stà fat e i vêin druà da i òm
anca s’i è brot, bèi, làdar, galantòm.

Par i sòld i òm i fa di vèrs da gat,
i è bon da masâ von tot det e fat,
i guarda po in fàcia ch’l’àtra gent
i capês po ’ngot e i vêin anca şò’d ment.
Ei pròpia cse inpurtant sti quàtar franch
par pèrdar la tèsta… e la fàcia anch?

Cèrtu ch’i gh vœl e i è anch necesari
e con lur ’s a şbarca ben anch al lünari,
m’as pœl mia müciai a toti i costi,
as pœl mia şgiüstâ li ròbi giosti,
as pœl mia trâ tot a cül in so
par vìgan apena ’n qualdon da po.

Da coi agh n’ha tròpi, da ch’i àtar mia,
l’è mia costa la giosta armunia.
E coi ch’agh n’ha tanti i gh arês da capî
ch’i pœl fa tant ben sensa mœrar lantì,
e ch’l ‘è mèi êsar siur dent in dal cœr
pütòst che vigh di franch parchè prèst as mœr.

Nota: questa poesia è stata recitata e registrata da sua figlia Raffaella,
per il progetto del Fogolèr “20 Righe per il mio dialetto” – scritto e parlato, in uscita a marzo 2021.


ADRIANO TOMASELLI “TOM”

Classe 1938, nato e sempre vissuto a Rivalta sul Mincio, impiegato. Appassionato del dialetto, nel 1973 ha iniziato la “ricerca” e lo studio della grafia. E’ stato vicepresidente del Cenacolo dialettale “Al Fogolèr”.

Nei suoi versi celebrava le bellezze di Rivalta ed il folklore locale. Legato al Mincio da un amore viscerale, usava spesso lo pseudonimo di “Tom della riva”. Tra le sue tante opere, ricordiamo “C’era una volta la Gènt dal Mèns” e “Al vucabulari dal nonu” nel 1992.

In questa circostanza scrisse: «Mi sono avvicinato a questo lavoro con curiosità e titubanza e mi sono reso conto di quanto si è perduto, alla fine posso dire di essermi arricchito notevolmente Mi sono trovato in un mondo di povertà e di grande dignità, di miseria e di ricchezza morale. Ho assaporato, ritrovando le radici del nostro ambiente, lo spirito di Rivalta, fiume e campagna. Ho gustato suoni, accenti, saggezza, sentimenti e semplicità con cui ho rivissuto gioia e malinconia, spensieratezza, rassegnazione, onestà ed amicizia, e amore, quasi mai manifestato.

Ho raccolto parole ed espressioni in disuso e sulla via dell’estinzione. Ho elencato parole, frasi correnti e modi di dire (aforismi, insomma) cercati nella mia memoria ed in quella di amici e di conoscenti (divertiti ed interessati). Questo lavoro, che non ha pretese cattedratiche né letterarie, e rivolto a tutti, grandi e piccoli.   

Vuol essere un pretesto d’incontro, di pausa’ e di, seppur breve, passatempo. Vuole raggiungere due scopi: far sorridere e far dialogare. Vuole fare riassaporare, in famiglia, il piacere delle quattro chiacchiere a “televisore spento”. È anche dedicato ai giovani in cui susciterà sorpresa e curiosità, sarà sprone a far domande (al papà, alla mamma ed ai nonni). Proporrà incognite e dubbi che sti moleranno, mi auguro, “ricerche” casalinghe e, perché no, tra le pagine del dizionario di scuola e dell’enciclopedia

Accanto alla scrittura, il Tom coltivava una passione per la grafica e negli anni ’70 fu uno degli speaker della radio locale denominata “Radio Rivalta”. Partecipava con passione alle attività delle associazioni di volontariato, portando un prezioso contributo di conoscenza delle tradizioni locali.  Adriano si è spento nel giugno del 2017.

Al Mens a Rivalta (sot sera)

Agh è gnint cume sta via ’n po par védar al me paes
püsè bèl amo… Ma ’1 è tant bèl anca dòp na giurnada e
’ndà a ca, sot sera, in batèl in mèşa i canèi. Védar, da
luntan al canpanil, la Cavana e Buchèra, po i masun in
s’i cavai e i carşèr ch’i è dre ’ndà a ca. ’L è bèl védar li
rundanini ch’li vula in cìrcul. ’L è pran bèl scultà al
ciòch surd dal rem ch’as pócia in dl’àqua calma. ‘L è bèl
séntar i süsur d’ali e i riciam di uşèi ch’i sa scond al
sicür dli fòsi e di canalet. ’L è bèl séntar l’udur dla
careşa mistürà cun quel dla pégula e di fiur. ’L è bèl
séntar la vita dia val ch’l’as parìcia par la nòt…. quand, pian
pian, vern şo ’1 silénsiu, al silénsiu dla natura cünà dal
Mens che, in dal pasà pianin, al cunta la su stòria. Na
stòria da nef e da gias; da muntagni elti, elti; da culur;
da sul e da nìuli; da dispiaşer; da ricòrdi; da paes luntan,
da pütlet cuntent, da òm… velì!

Varda in sö

In dla cunfişiun ch’agh è incö
dli volti ’l è bèl vardà in sö;
fermas a vardà li nìuli:
dli volti bianchi lüşenti,
dli volti grişi, negri
e sénpar in muiment,
sénpar cun di culur nöf.
’L è pran bèl anca vardà li stèli,
chi mila e mila lüşurin acsé luntan luntan.
Li m’ fa végnar an quèl…. an quèl
a vardali, li m’fa séntar piculin,
piculin cme ’n granlin da sàbia.
E quel ch’am ven adòs,
quel ch’am senti da déntar
al ma dà ’n gran curàgiu;
ah sé, al gh è dabun
Quèl da tant tant püsè grand
da ste òm acsé piculin!
’L è pròpia bèl, ògni tant…
vardà in sö!