COMACCHIO – “Assalto di Colore” di Linda Brindisi

intervista Rai a Linda Brindisi

intervista Rai a Linda Brindisi

di G. Baratti (giornalista)

MILANO – LIBERATE IN VOLO “Assalto di Colore” del progetto PitturaInMovimento dell’artista Linda Brindisi. Iniziativa patrocinata dal Comune di Comacchio, Assessorato alla Cultura. Con questo nuovo lavoro l’artista farà lavorare più di 30 studenti dell’Istituto Remo Brindisi di Lido Estensi (Fe).

Dal27 al 30 marzo 2015 tra Comacchio  e Casa Museo Remo Brindisi la performance artistica prenderà vita per realizzare più di 200 aquiloni come oggetto d’arte.

Un workshop intensivo per tutti gli studenti che parteciperanno gratuitamente e riceveranno un attestato di merito della 4 giorni “intensa di colore”. Continua a leggere

Antenna EURODESK approda a Volta Mantovana

Presentazione_Antenna_Eurodesk

di Paolo Biondo (giornalista)

VOLTA MANTOVA – Saranno le Colline Moreniche e in particolare la cittadina di Volta Mantovana ad ospitare il progetto “Antenna Eurodesk”.

Un’iniziativa di natura formativa ed informativa rivolta al mondo giovanile che dispone del pieno sostegno dell’Unione Europea che l’ha inserita nell’ambito del progetto Erasmus+ e a livello locale della Provincia e del Gal Colline Moreniche.

La sede della nuova realtà, che verrà coordinata da Valentina Loddo, sarà la Fondazione Centri Giovanili Don Mazzi. Nell’intento dei promotori, Antenna Eurodesk, diventerà una significativa opportunità per moltissime persone, di disporre in termini gratuiti, nozioni utili per poter avvicinarsi ai programmi europei nelle condizioni conoscitive più adeguate. Continua a leggere

Presentazione del libro di Primo Levi “Così fu Auschwitz”

ANPI Mantova, Comunità Ebraica di Mantova,

Ordine dei medici Mantova,

Istituto Mantovano di Storia Contemporanea,

Centro culturale Einaudi

Presentazione del libro di Primo Levi “Così fu Auschwitz”, Einaudi 2015

NZO

Giovedì 5 marzo 2015 ore 17.30

presso Centro Culturale Einaudi, Corso Vittorio Emanuele II, 19 Mantova

Presenta  Luigi Benevelli, presidente ANPI Mantova

Intervengono:  Ernesto Muggia, Presidente onorario UNASAM (Unione Nazionale delle Associazioni per la  Salute Mentale), custode della memoria e Marco Collini, presidente Ordine dei medici di Mantova

Nel 1945, all’indomani della liberazione, i militari sovietici che controllavano il campo per ex prigionieri di Katowice, in Polonia, chiesero a Primo Levi e a Leonardo De Benedetti, suo compagno di prigionia, di redigere una relazione dettagliata sulle condizioni sanitarie del Lager. Il risultato fu il Rapporto su Auschwitz: una testimonianza straordinaria, uno dei primi resoconti sui campi di sterminio mai elaborati. La relazione, pubblicata nel 1946 sulla rivista scientifica «Minerva Medica», inaugura la successiva opera di Primo Levi testimone, analista e scrittore.

 Centro culturale Einaudi – Corso Vittorio Emanuele II 19 – 46100 Mantova – 0376365854

Email: einaudi.mn@tin.it  – www.libreriagalleriaeinaudi.com

MANTOVA : riapre la Camera degli sposi e donate 85 opere

Camera degli sposidi Grazia Baratti (giornalista)

MANTOVA – Venerdì 3 aprile 2015  riaprirà al pubblico la ‘Camera degli Sposi’, collocata all’interno di Palazzo Ducale, insieme ad un nuovo percorso museale che andrà a comprendere lo stesso  castello di San Giorgio.

La “Camera picta”, capolavoro di  Andrea Mantegna, è rimasta chiusa alle visite dal maggio 2012, quando venne gravemente danneggiata dalle scosse di terremoto.

La sovrintendente di Palazzo Ducale, Giovanna Paolozzi Strozzi,  ha spiegato che la Camera degli Sposi farà parte di un nuovo percorso museale che comprenderà il castello, a cui si accederà dall’omonima piazza, e alcune sale limitrofe che saranno allestite con 85 opere della collezione privata dell’imprenditore mantovano Romano Freddi, che ha dato in comodato d’uso gratuito al Ducale, tra cui il ritratto di Francesco IV Gonzaga del Rubens.
2ecks9v

(Francesco IV Gonzaga)

“Il giardino incantato” di Ai Weiwei a Palazzo Te: un dialogo immaginario a distanza

Ai Weiwei in una delle sue opere(Getty)                                                    Ai Weiwei in una delle sue opere (Getty)

di G. Baratti (giornalista)
LA MOSTA E’ STATA PROROGATA FINO AL 5 LUGIO 2015

MANTOVA – Partiranno a breve gli allestimenti a Mantova per la mostra dell’artista, designar e attivista cinese Ai Weiwei che per l’occasione ha scelto la splendida cornice di Palazzo Te per stupire ancora una volta il pubblico internazionale con la sua arte visionaria, spiazzante e pregna di rabbia e impegno civile che da anni, attraverso le sue opere e l’attivismo, lo vede impegnato in ambito sociale. Continua a leggere

GAZOLDO DEGLI IPPOLITI – MARIO TOGLIANI al M.A.M.

IL RIO_DI MANTOVA - (70X80) olio su telaIl Rio di Mantova

di G. Baratti (giornalista)

RICAMATRICI (140x150) olio su tela

 (Ricamatrici)

GAZOLDO d/IPPOLITI –Con la personale di Mario Togliani, proseguono anche quest’anno i percorsi artistici-culturali proposti dal M.A.M. di Gazoldo degli Ippoliti sotto l’egida giuda di Gianfranco Ferlisi, nuovo direttore artistico e del maestro Renzo Margonari, storico direttore e trentennale protagonista del Museo, in collaborazione con il Comune.

Un grande protagonista della pittura mantovana come Mario Togliani (1912-1978) che era in grado di coniugare gli esiti estremi dell’Art Déco con uno strutturalismo geometrizzante e dinamico di memoria futurista.

L’artista nei primi anni del dopoguerra, trovava, in poche parole, una sintesi  oltre le potenzialità della sua formazione accademica, per guardare più liberamente, al Realismo Magico innestandolo su echi liberamente interpretati del Cubismo Analitico. Continua a leggere

MANTOVA – Nel 1865 i nobili mantovani volevano erigere il Pantheon dedicato a Dante e Virgilio

per_dante

di G. Baratti (giornalista)

Alcuni, scrittori, medici e nobili intellettuali di Mantova nel 1865, durante i festeggiamenti del seicentesimo anno dalla nascita del Sommo Poeta, vollero dedicare un  “ALBO DANTESCO – Nella sesta commemorazione centenaria offerto da Mantova al nome del Poeta Nazionale Italiano – stabilimento di Luigi Segna tipografo-imprenditore – 1865”.

Al suo interno vengono riportati sonetti scritti da Dante e “mantovani”, epigrafi commemorative, dell’esistenza di tre Codici posseduti da tre famiglie nobili, dell’esistenza di due ritratti, l’uno in bassorilievo e stucco, l’altro, un frammento di vetro colorato e il desiderio di costruire un Pantheon.

Di questi ultimi tre argomenti si vuole riportare una sintesi di quanto scritto dai rispettivi autori e il primo ha per titolo Cenno intorno ai tre Codici mantovani della divina Commedia, argomento della medesima, e sonetto di Jacopo Alighieri, estratti dal Codice Dantesco Cavriani per cura di Willelmo Braghirolli” Continua a leggere

Firenze e Ravenna unite per i 750 anni dalla nascita di Dante Alighieri

di G. Baratti (giornalista)

FIRENZE – Il 14 gennaio scorso i due primi cittadini di Firenze, Dario Nardella e di Ravenna, Fabrizio Matteucci, si sono incontrati a Palazzo Vecchio per accordarsi sulle iniziative da organizzare nell’anno in corso per il 750esimo anniversario dalla nascita del Sommo Poeta.

Il primo cittadino di Firenze ha anticipato dichiarando – “sarà un programma di collaborazioni culturali, che si concentreranno dalla prossima primavera fino alla fine dell’anno e il filo conduttore è quello della promozione della lingua italiana nel mondo”. Continua a leggere

GRAZIE DI CURTATONE – L’HOBBY ARTISTICO DI ANGELO LERMA

Duomo3
di G. Baratti (giornalista)

GRAZIE (CURTATONE) – La passione se vissuta a pieno, può trasformare l’hobby in un’espressione artistica e i risultati del proprio lavoro diventano tranquillamente vere e proprie opere d’arte.

Questo è accaduto ad Angelo Lerma, un artista del traforo, che con tanta pazienza e precisione ha realizzato una copia di vari monumenti di fama internazionale che sono divenuti, per il loro fascino, oggetti da esposizione.

 

In definitiva l’hobbysta rivaltese d’origine e da anni residente a Grazie di Curtatone, ha dato sfogo alla sua fantasia e da questo ne sono usciti opere in legno lavorato con il traforo quali il Duomo di Milano, la Torre Eiffel, la Mole Antonelliana e il Parco del Valentino. Continua a leggere

Terre Matildiche in festa per i novecento anni dalla morte della Grancontessa

IMG_0520

di G. Baratti (giornalista)

Le antiche Terre Matildiche si estendono principalmente lungo l’asta del Po e per questo motivo una delegazione di portavoce dei comuni di Canossa (Re), Quattro Castella (Re), San Benedetto Po (Mn) e Sorano (Gr), in rappresentanza dei territori un tempo dominati da Matilde di Canossa, il 21 gennaio scorso a Roma ha incontrato la sottosegretaria del Ministero della Cultura, on.le Maria Ilaria Borletti Buitoni alla presenza dei parlamentari On.le Antonella Incerti e Marco Carra e della Vicepresidente della Provincia di Mantova Francesca Zaltieri. Durante l’incontro sono emersi i temi legati alle celebrazioni per il nono centenario della morte di Matilde di Canossa (1115-2015).

L’on.le Borletti Buitoni ha apprezzato il programma generale confermando la validità e la novità del progetto e auspicando che altri territori vadano in futuro nella stessa direzione. Ha poi lodato e condiviso l’apposito Protocollo d’Intesa, sottoscritto da istituzioni ed enti privati, che ha messo insieme 90 soggetti risaltando l’importanza del personaggio di Matilde di Canossa che a 900 anni dalla sua morte è ancora simbolo dell’unità dei territori che oggi si trovano in giurisdizioni appartenenti a Regioni differenti.

Continua a leggere