WAINER MAZZA

Wainer Mazza è di Motteggiana sulla riva dx del Po.

Dal 1975 nel Fogolèr è poeta dialettale e in lingua, cantastorie e animatore oltre che organizzatore di eventi quali il Concorso nazionale “Daffini” per cantastorie, la Cena degli Artisti Mantovani, Il festival degli scrittori della bassa di Pegognaga , La Festa in Piaseta a Mantova.

Un impegno costante che arriva alla soglia dei cinquant’anni che lo vede ancora  in campo sia in ambito locale che nazionale.

Una decina di pubblicazioni a suo favore sempre con riferimento alle tradizioni, alla mantovanità e al dialetto.

A Don Doridc Bertoldi

An pretin şa destinà
a n ‘eterna puertà
là tra i fos ad Vilagròsa
tra cicin e’na qual ciòsa.

Lű ch’al gnea da Quistel
cun gravus al sŏ furdèl
la salŏt sènpar precària
e al nas senpar par aria.

Par vardàr da cal ciel
rivès şò an quaI bicer
u dli ròbi da magnà
par cla fam sensa pietà.

Sia par lő che i ső vinant
cuntadin e purcaràmt
biulch, mundini, ma anca padrùn
sènpar prunt a far di cunt.

Che mişeria. che tristesa
sensa stűi e sensa breta,
ma in al cőr cla pueşia
a s-ciarir an po’ la via.

Ch’l’ha det ben tra la sŏ gen
par ciapar an cunplirnent
purta a cà an qual scartos
par drisar an po’ i ső òs.

Ma che prct, ma che element
Senpr’ in serca d’asident
senpar in gir par admandà
sussistensa e dignità.

Cun la musa paisana
spèrsa inmèşa ala canpagna
sucia1isti a fagh paűra
par cla lòta şa madura.

Ècul chè al nostar pàdar
d’an dialet şa mès in quàdar
d’na pueşia frèsca e scèta
ch’l’è ancur buna ricèta.

Cal Don Doride “Anfibio”
chc ala rana al gh ha dat piglio
franşi e stràci ad pueşia
ch’a ris-ciàra ancòr la via.

Ad pocti e rimadùr
che i dis ch’i’è. brav sòl lor
dal pretin gh’è d’inparà
al dialet e l’űmiltà.


Al fòch di dialét

Al fòch di dialét
al s’inpésa e al sa şmorsa
cum li fïàmi dal cőr
cui mastér a dla gent
cul pasàr dal tenp
ch’al daşmenga li vèci paròli
par inventars’n ad nŏvi
a ogni giúran ch’a pasa.

Al parlàr di dialét
l’è an po’ cume l’aqua
‘na vò1ta pulida
e celèsta admè al ciel
adès şmòrta e grişa
cume an giuran ad fumana.

I dialét i sa sparpàgna
in sli teri dal mond
e i mèt li rais
e i crès fin a dar
i früt dal parlà.

Cume a fa’na màdar cul fiől
in i discurs di pűdlèt
tra marè e muiér
tra nòni e neù.

Tŏt par tégnar dacàt
an ben ch’l’è ad tőti
e ad nisűn
e ch’as pògia alşèr
indúa a nas l’arnùr,
l’amùr par la véta.


Al Rio l’è bel

Al Rio l’è bel
al par an büdèl
e dèntar ògni tant
agh casca an süpèl.

Ma sèmpar l’è bèl
e ad senti an quadrèl
ch’a casca şò in dl’acqua
par vèdar se almén
agh n’è armàs an qual s-cèl.

Bügandéri uramài
ta n’védi gnanch öna
e sòta l’asfalt
al pruföm l’è ad fògna.

Ma ògni tant al respìra
pasand sòta a chi punt
e dü lach lö l’ünés
sensa far cunfüşiùn.


Al Po a dà spetàcul

Öi ve mò
Öh, la ve adré Po la gent
e a s’agh càta al temp
da da ‘n’uciaàda e da pensàr
a töta cl’aqua.

Aqua grişa, spurca e rabida
ch’la sa şlarga senza ritégn
e forse la riva, la rivarà
indua l’è mai rivàda.

E lòr, òm
i va sü e şò
cun li man in bisàca
e i varda avanti
i dòcia indré
cume si pudées far quél.

Po’ i püsè vèc
i cumincia a cuntàr e a ricurdàr
li pieni ad i an pasà
la paüra, i rés-c, i dişàstar
cuş l’è dabùn al Po
e cuş l’è bun da far.

E adés quaşi igh parla
il nòmina
cume s’al fés ün d’lòr
cun cl’idéa in tésta
ad cunvinsal
da mia far dal mal
e, se propria,
andàl a far da ‘n’antra part.

Écu incö che al Po l’è in piena
e al dà spetàcul, ma al fa paüra,
incŏ, i òm is fa védar
par tégnach cinpagnia
cume par dmandàr scüşa
se fina a iér
i l’ha lasà ad par lö
come an can abandunà.
An can rabi e delüş
che quél bisogna ch’al mòşga.


IL 22 APRILE A MOTTEGGIANA INAUGURA LA STATUA DEDICATA AL CANTASTORIE

Wainer Mazza ovvero il poliedrico artista mantovano o anche il cantastorie del Po ha ideato un progetto per la valorizzazione della figura del cantastorie.

Un progetto che si è tradotto nella realizzazione di un monumento che è stato inaugurato lo scorso 22 aprile a Motteggiana. La statua creata con grande stile e raffinatezza dallo scultore mantovano Andrea Jori è stata posta nel giardino dell’abitazione del poeta e autore di brani musicali e di libri locale.

Il cantastorie, un artista libero dagli schemi che ha la strada come palcoscenico e gli eventi della quotidianità come musa ispiratrice delle sue incursioni tra le note del pentagramma. Una personaggio che nonostante il tempo abbia completamente rivoluzionato, in ambito tecnologico e del linguaggio, il concetto di musicista e interprete ed anche, per alcuni versi, di testimone della storia, mantiene inalterato il proprio fascino. Come non bastasse, con questo semplice gesto, punta a radicare sempre più le proprie radici nella cultura e nella tradizione popolare.

Un’opera, quella uscita dalle mani di un artista quale Andrea Jori, davvero efficace nella sua forza espressiva che fa leva su alcuni degli elementi più caratteristici del cantastorie, vale a dire il cappello e la chitarra.

Wainer Mazza, emozionato, ma orgoglioso di quanto realizzato, con Andrea Jori e un gruppo di amici ed appassionati del genere musicale popolare, ha tolto i veli al monumento.

Nel corso della cerimonia il cantastorie del Po ha sottolineato che tra gl’intenti del suo progetto vi è pure quello di proporre una testimonianza di come anche in terra mantovana e nello specifico lungo il corso del Grande Fiume, esistano personaggi simili.

A tal proposito ha ricordato Giovanna Daffini alla quale per anni è stato dedicato un concorso che ha raccolto ampi consensi a livello nazionale.

Dopo il taglio del nastro tricolore e l’esecuzione dell’Inno di Mameli, l’artista Wainer Mazza ha letto tra gli applausi dei presenti, una sua poesia dedicata al cantastorie.