RISOT CUL PUNTEL di CASTEL D’ARIO

Un detto dice: al ris al nas in dl’acqua e al mör in dal vin.

Questo piatto veniva preparato soprattutto durante i primi mesi dell’inverno quando nelle aziende agricole veniva ucciso il maiale.

INGREDIENTI:

  • 400 gr. di riso Vialone nano
  • 850 gr. di brodo bollente
  • 30 gr di burro
  • cipolla,2 salamelle
  • Grana Padano grattugiato
  • 4 braciole (di maiale) col manico
  • 4 costine di maiale
  • olio extrav. d’oliva

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PREPARAZIONE:

Ungere con l’olio una casseruola possibilmente di coccio e versare il riso facendolo scendere da un foglio di carta in modo tale che vada a cadere dentro la pentola formando una piramite. Versare il brodo bollente (va bene anche di dado) in quantità necessaria che vada a coprire il riso fino ad 1 centimentro sotto la punta del cono.

Scuotere leggermente il recipiente fino alla copertura totale del riso.

Riportare a bollore vivo, mescolando per 5 minuti poi, coprire la casseruola perfettamente per impedire l’evaporazione, abbassare il fuoco al minimo e portare  a cottura senza più mescolare.

Nel frattempo cuocere ai ferri le braciole con il manico e le costine, imbiondite con il vino. Imbiondire nel burro un quarto di cipolla trita, aggiungere le salamelle spellate e sbriciolate facendo perdere il grasso senza renderle croccanti (devono raggiungere il colore grigiastro e morbido).

Una volta tutto cotto e pronto aggiungere il riso al condimento delle samelle e il Grana grattugiato, mescolare e versare il composto in un piatto caldo e contornarlo a “corona” con le costine e le braciole – avendo cura di lascare esposto il manico detto per l’appunto puntel.

 

Annunci