VIADANA – UOMO DENUNCIATO PER SIMULAZIONE DI REATO

carabinieri palettaPer contestare un’infrazione al codice della strada aveva raccontato che gli avevano clonato la targa della sua auto, una Porsche 981. La multa risaliva a gennaio scorso, ed era stata elevata dalla Polizia Locale di Viadana per un’infrazione semaforica.

L’uomo, però, un 72enne pensionato di Reggio Emilia, si era presentato alla locale stazione Carabinieri del luogo di residenza, denunciando la clonazione della sua targa, negando il fatto che potesse esserci la sua macchina nel momento dell’infrazione. Continua a leggere

VIADANA – STOP AD UN’AZIENDA CINESE DELL’ABBIGLIAMENTO: identificati 5 lavoratori di cui 1 in nero, privo di regolare contratto

In Viadana, nella giornata di martedì (22 gennaio), i militari della Compagnia Carabinieri, coordinati dal Capitano Gabriele Schiaffini, congiuntamente ai militari delle Stazioni Carabinieri di Castel Goffredo, al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova, al personale INAIL e INPS, alla Polizia Locale di Viadana, al personale dell’azienda territoriale sanitaria Valpadana, e al personale dell’ufficio tecnico del comune di Viadana, nel corso di un mirato servizio di cui alla specifica “TASK FORCE”, costituita su disposizione della Prefettura di Mantova e finalizzata alla prevenzione e repressione del fenomeno dello sfruttamento della manodopera clandestina nell’ambito del “SETTORE DEL CONFEZIONAMENTO DI ABBIGLIAMENTO”, hanno sospeso un’attività di confezionamento gestita da cinesi, nei pressi della zona industriale e precisamente in Via dei Pioppi.

carabinieri - stop lavoro in nero.jpg Continua a leggere

VIADANA – ARRESTATI TITOLARI DI DUE AZIENDE CINESI PER SFRUTTAMENTO DEL LAVORO

Due titolari cinesi di aziende di confezionamento arrestati per sfruttamento di manodopera  sono il risultato di un blitz eseguito dai Carabinieri nella mattinata odierna presso le due attività nella frazione di Casaletto di Viadana.

Cattura.JPG

L’operazione è stata condotta dai Carabinieri di Viadana, coadiuvati dai colleghi dell’Ispettorato del Lavoro di Mantova, dalla polizia locale di Viadana, dal personale dell’INPS e dell’INAIL di Mantova, dall’azienda territoriale sanitaria Valpadana di Asola. Quelle in questione erano due aziende di confezionamento nella zona centrale della frazione, gestite da cinesi, che venivano controllate per la prima volta e della quali sono subito emerse diverse violazioni. Continua a leggere