COTIGNOLA – GRANDE PARTECIPAZIONE ALLA MANIFESTAZIONE DEL 25 APRILE, “NEL SENIO DELLA MEMORIA”

Grande partecipazione alla manifestazione Partigiani d’umanità: questo il tema della sedicesima edizione della camminata della Liberazione “Nel Senio della memoria”, che si è svolta giovedì 25 aprile; un percorso dedicato ai valori della Resistenza attraverso teatro, musica, narrazione e convivialità.

La partenza è stata da Cotignola con la lettura teatrale “Ciuingam” di Denis Campitelli, Annalisa Salis, e Carlo Sella, tre attori che si sono conosciuti alla Bottega dello Sguardo, indosseranno gli occhi di Afra Bandoli, testimone preziosa nel territorio della Bassa Romagna, che ha scritto il suo ricordo di bambina ai tempi del fronte. Continua a leggere

NEL SENIO DELLA MEMORIA: IL 25 APRILE LA XVI CAMMINATA DELLA LIBERAZIONE LUNGO IL FIUME

Nel Senio della memoria - passate edizioni.jpgPartigiani d’umanità: questo il tema che regge la sedicesima edizione della camminata della Liberazione “Nel Senio della memoria”, che si terrà giovedì 25 aprile. Come di consueto, saranno due le partenze possibili, entrambe alle nove da Cotignola e Alfonsine, per un percorso dedicato ai valori della Resistenza attraverso teatro, musica, narrazione e convivialità.

Nel Senio della memoria - passate edizioni (foto di Alessandro Carnevali) (5).jpgIl ritrovo a Cotignola è dalla piazzetta Gino Zoli. Qui ci sarà la lettura teatrale intitolata Ciuingam. Denis Campitelli, Annalisa Salis, e Carlo Sella, tre attori che si sono conosciuti alla Bottega dello Sguardo, indosseranno gli occhi di Afra Bandoli, testimone preziosa nel territorio della Bassa Romagna, che ha scritto il suo ricordo di bambina ai tempi del fronte. Continua a leggere

COTIGNOLA – DAL MUSEO AL PAESAGGIO IN TREKKING: TORNA L’ESCURSIONE URBANA TRA I MURALES

Oltre venti muri dipinti, la campagna, il fiume, la Linea gotica, l’isola dell’Albaràz, l’Arena delle balle di paglia, il Canale del mulino: sabato 13 aprile alle 14.00 a Cotignola ci sarà una nuova escursione urbana (ma non troppo) per immergersi in una storia raccontata attraverso i muri dipinti. Una visita guidata al “museo a cielo aperto” che racconta il paese, i suoi abitanti, e ovviamente gli artisti che hanno contribuito e contribuiscono alla crescita del progetto “Dal museo al paesaggio”.

Visite ai murales di Cotignola (1)Il ritrovo è al parcheggio del campo sportivo di via Cenacchio. I murales di Cotignola sono realizzati dagli artisti Gola Hundun, Reve Più, Gonzalo Borondo, Signora K, James Kalinda, Collettivo Fx, Mina Hamada, Zosen Bandido, Martoz, Irene Lasivita, Marina Girardi e Rocco Lombardi. Continua a leggere

COTIGNOLA: ODOR DI PAGLIA AL TEATRO BINARIO: UNA SERATA PER PARLARE DELL’ARENA DELLE BALLE

cotignola.jpgVenerdì 22 marzo alle 21.00 al teatro Binario di Cotignola (viale Vassura 20) si inizia a pensare all’Arena delle balle di paglia 2019. Sarà una conferenza teatrale in dialogo con il pubblico, in cui saranno anticipati alcuni appuntamenti della prossima Arena, che si terrà a Cotignola dall’11 al 16 luglio 2019.

A confondere le acque ci saranno Antonio Catalano, inventore-artista del Teatro degli Alfieri di Asti, che racconterà i segreti per far volare i somari, e poi Massimiliano Fabbri della Scuola arti e mestieri di Cotignola, Alice Iaquinta e Cecilia Pirazzini dell’associazione Selvatica, che presenteranno alcune anteprime delle loro maschere di cartapesta che sfileranno il 31 marzo alla Segavecchia e in luglio all’Arena. Continua a leggere

COTIGNOLA: “ANDAR PER NEBBIE”, AVETE MAI VISTO UNA COMMEDIA IN DIALETTO? Al Teatro Binario va in scena “Tót mèt a Cassanìg”

Venerdì 22 febbraio alle 21.00 nuovo appuntamento con la rassegna culturale “Andar per nebbie” dell’associazione Primola di Cotignola.

La compagine di Cassanigo

Al Teatro Binario, in viale Vassura 20.00, va in scena una commedia in dialetto dedicata a chi non ha mai visto le commedie in dialetto: a Cassanigo nei primi anni Cinquanta nel cortile di Luigiò d’Ramona detto “E Fabar”, nasce una grande compagine di campagna che da 44 anni fa teatro e si diverte. Continua a leggere

COTIGNOLA: L’INVERNO DI PRIMOLA CON GLI APPUNTAMENTI DI “ANDAR PER NEBBIE”

Cosa ci fanno ancora le nebbie a febbraio e marzo?

Anche quest’anno l’associazione Primola Cotignola propone “Andar per nebbie”, rassegna di appuntamenti culturali senza filo conduttore, (quasi) tutti alle 21.00 al teatro Binario di Cotignola, in viale Vassura 20.

nebbie (2)

Il primo di questi appuntamenti, mercoledì 6 febbraio, è con Eraldo Baldini e Giuseppe Bellosi, che sulle nebbie hanno tanto da raccontare. I due studiosi delle tradizioni romagnole disegnano il calendario del quotidiano dell’anno, dall’800 fino ai nostri giorni, mescolato con il lavoro, la magia, i riti, le superstizioni, le stagioni. Continua a leggere

COTIGNOLA: UNA CAMMINATA D’ARTE E BELLEZZA NELLE GALLERIE DEL FIUME

Domenica 28 ottobre a Cotignola lungo gli argini del Senio ci sarà una camminata d’arte e bellezza, in compagnia di tre artisti che quest’estate hanno partecipato all’Arena delle balle di paglia dell’associazione Primola.

conigli ZAM.jpg

Il ritrovo è alle 14.30 in piazza Amendola, per la prima di tre tappe dedicate agli artisti incontrati all’Arena: Marco Zanella da Parma, Luigi Berardi da Sant’Alberto e Claudio Ballestracci da Longiano si ritrovano a Cotignola per raccontare storie che si ritrovano sul filo della paglia. Continua a leggere

COTIGNOLA – L’ESPERIENZA DI ERNESTO DE MARTINO rivive al TEATRO BINARIO con RICCARDO CIAVOLELLA

Ernesto de Martino

Che cosa ci fa un filosofo in bicicletta, sfollato nelle case di Cotignola? Venerdì 27 aprile alle 21 al teatro Binario di Cotignola, in viale Vassura 20, una serata tra narrazione, musica e storia degli anni che sconvolsero il paese, con la presentazione di due libri che nascono dall’esperienza cotignolese dell’antropologo Ernesto de Martino.

Ernesto de Martino, padre dell’antropologia italiana, visse a Cotignola per 17 mesi, dall’estate del 1943 fino al mese di novembre del 1944. Gli incontri, le case che l’hanno ospitato, le paure, le fughe, le stragi, i fascisti, i partigiani, il pensiero, il Proclama della liberazione, nel paese delle osterie dove si organizzava la Resistenza. Continua a leggere

COTIGNOLA – NEL SENIO DELLA MEMORIA: IL 25 APRILE TORNA LA CAMMINATA DELLA LIBERAZIONE LUNGO IL FIUME

Continua il progetto per la realizzazione di un album di inediti dedicati alla liberazione dei territori che si affacciano sul Senio. Coinvolti quest’anno Giacomo Toni, Moder ed Eloisa Atti

Giunge quest’anno alla quindicesima edizione la camminata della Liberazione “Nel Senio della memoria”, che si terrà mercoledì 25 aprile. Come di consueto, saranno due le partenze possibili, entrambe alle nove da Cotignola e Alfonsine, per un percorso dedicato ai valori della Resistenza attraverso teatro, musica, narrazione e convivialità.

Nel Senio della memoria, passate edizioni (3).jpgIl ritrovo a Cotignola è dalla piazzetta Gino Zoli. Qui, ci sarà una lettura dedicata a Italia Settembrini, nata un secolo fa a Cotignola, maestra, repubblicana, staffetta partigiana, che insegnava in bicicletta a San Severo; raccontò la sua storia della Resistenza, a cui Carlo Lucarelli s’ispirò per una sua narrazione. L’attore Roberto Romagnoli interpreta quel racconto, accompagnato dai musicisti Gioele Sindona (violino) e Walter Rizzo (chitarra e cornamuse). Continua a leggere

COTIGNOLA – DAL MUSEO AL PAESAGGIO IN TREKKING: UN’ESCURSIONE URBANA TRA I MURALES

Conoscere la storia di un paese attraverso i suoi muri

Sabato 7 aprile alle 14.00 ci sarà un’escursione urbana alla scoperta dei murales di Cotignola (Ravenna). Una vera e propria visita guidata a un “museo a cielo aperto“, per conoscere la storia di un paese, dei suoi abitanti, e ovviamente degli artisti che hanno contribuito al progetto “Dal museo al paesaggio”.

Il murale di Mina Hamada e Zosen Bandido a Cotignola

Il murale di Mina Hamada e Zosen Bandido a Cotignola

Il ritrovo è al parcheggio del campo sportivo di via Cenacchio, da cui partirà la passeggiata fatta di nove tappe, per scoprire altrettanti murales (anzi, qualcuno in più) realizzati negli ultimi cinque anni; all’arrivo al Parco Bacchettoni ci sarà un piccolo rinfresco a cura di Primola, prima di tornare al punto di partenza. Continua a leggere