INCONTRO E ABBRACCIO nella Scultura del Novecento da Rodin a Mitoraj, PADOVA, Palazzo del Monte di Pietà fino al 9 febbraio

Mostra d’arte a sviluppo tematico – tra le poche in Italia – “Incontro e Abbraccio” esplora, attraverso una potente rassegna di ben 120 sculture del Novecento, le molteplici singolarità della condizione umana.

Centoventi opere, spesso capolavori, di Auguste Rodin, Vincenzo Gemito, Arturo Martini, Pietro Canonica, Jacques Lipchitz, Agenore Fabbri, Virgilio Guidi, Luciano Minguzzi, Fernad Legèr, Henry Moore, Marcel Duchamp, George Segal, Salvator Dalì, Lorenzo Quinn, Igor Mitoraj fino alle tendenze iconiche di fine secolo. Continua a leggere

MANTOVA – CASA DEL MANTEGNA: ARTE IN PRESA DIRETTA, VISITA GUIDATA E CONFERENZA

Walter Marchetti Musica da camera n 132b

Appuntamento venerdì 23 marzo alle ore 17 alla Casa del Mantegna (via Acerbi 47) a Mantova per una visita guidata alla mostra “Arte in presa diretta, da Franz Marc a Marcel Duchamp, da Kosuth a Pistoletto”.

Ad accompagnare i visitatori alla scoperta di oltre 160 opere, con straordinari inediti di artisti di fama internazionale, sarà il professor Roberto Pedrazzoli che illustrerà la mostra, evidenziandone gli aspetti che la rendono unica e imperdibile. Il tour guidato sarà abbinato a una conferenza, tenuta sempre da Pedrazzoli su “L’arte moderna e contemporanea tra pensiero e officina”. Continua a leggere

MANTOVA-CASA DEL MANTEGNA: “ARTE IN PRESA DIRETTA”, esposizione di 160 opere da Franz Marc a Marcel Duchamp fino a Michelangelo Pistoletto

ARTE IN PRESA DIRETTA: da Franz Marc a Marcel Duchamp e da Kosuth a Pistoletto apre alla Casa del Mantegna a Mantova (Via Acerbi) dal 3 marzo al 25 aprile 2018. Inaugurazione sabato 3 marzo ore 17.

In esposizione 160 opere, più o meno note, di famosi artisti, da Franz Marc a Marcel Duchamp fino a Michelangelo Pistoletto e ai più grandi artisti del nostro tempo, che si alterneranno con interessanti inediti: opere personalmente consegnate dagli autori agli attuali proprietari con cui spesso avevano rapporti diretti di amicizia. La mostra si configura così assolutamente unica sia per la presenza di opere mai esposte prima sia perché la collezione, per la curatela del prof. Antonio d’Avossa, docente dell’Accademia di Brera di Milano, viene per la prima volta proposta nella sua interezza. Continua a leggere