COLDIRETTI METTE A DISPOSIZIONE 200 POSTI LETTO NEGLI AGRITURISMI PER LE PERSONE GUARITE DA CORONAVIRUS

massimo grignani 1.jpg

(16 marzo) – In Lombardia gli agriturismi Coldiretti aprono le porte e si mettono a disposizione per accogliere le persone guarite dal Coronavirus e dimesse dagli ospedali, ma che necessitano ancora di alcuni giorni in isolamento a scopo precauzionale.

Lo rende noto la Coldiretti Lombardia che sta raccogliendo le disponibilità sul territorio, nel sottolineare che sono quasi 200 i posti disponibili, in risposta all’appello delle istituzioni regionali. Continua a leggere

CORONAVIRUS, NEL MANTOVANO GIÙ LE PRENOTAZIONI NEGLI AGRITURISMI. COLDIRETTI: luoghi sicuri dove scoprire il territorio  

agriturismo

Con grande senso di responsabilità, le imprese agrituristiche sono impegnate nell’osservanza delle ordinanze regionali e comunali – commenta Massimo Grignani, presidente regionale di Terranostra – garantendo l’apertura delle strutture, laddove consentito. I comportamenti di precauzione sono necessari, soprattutto al fine di garantire la continuità dei servizi: la nostra forza è avere strutture in campagna, con spazi tali da evitare assembramenti. Chi offre servizio di pernottamento, ad esempio, spesso ha camere in alloggi indipendenti o con ingressi che non costringono ad attraversare spazi comuni”. Continua a leggere

LOMBARDIA – AGRITURISMI: 8 MILIONI A TAVOLA CON 80% PRODOTTI LOCALI

agriturismoSono circa 8 milioni le persone che ogni anno scelgono di mangiare negli agriturismi lombardi. È quanto stima la Coldiretti Lombardia commentando positivamente le modifiche apportate alla legge regionale sull’agricoltura che mette al centro i sapori del territorio. Infatti, almeno 4 prodotti agricoli su 5 (pari all’80%) serviti negli agriturismi dovranno essere made in Lombardia.

In questo modo le nostre aziende saranno ancora di più ambasciatrici delle tipicità locali – spiega Massimo Grignani, presidente di Terranostra Lombardia, l’associazione agrituristica promossa da Coldiretti –. Inoltre, in generale, pesce e vini serviti potranno essere solo di origine lombarda”. Continua a leggere