LA MEMORIA DELLE ROCCE. PERCORSI DI ARTE RUPESTRE IN VALTELLINA

Giugno-Settembre 2021: un calendario di eventi lungo tutta l’estate

L’arte rupestre in Valtellina costituisce un patrimonio culturale di inestimabile valore. Dalla media Valle fino a Bormio sono molte le testimonianze archeologiche che permettono di ricostruire la diffusione di questo fenomeno e di comprendere i rapporti con altri territori nel corso del tempo: le statue stele, scoperte in particolare nel comprensorio di Teglio e che costituiscono l’aspetto valtellinese di un fenomeno che si diffuse in tutto l’arco alpino nel corso dell’età del Rame; la Rupe Magna di Grosio, che con più di 5.000 raffigurazioni rappresenta il gruppo di incisioni più consistente della Valle e uno dei più importanti d’Europa; grandi superfici istoriate come quelle di Castione Andevenno, di Sondrio e di Tresivio; ultima scoperta in ordine di tempo, la stele di Migiondo (Sondalo) con un allestimento di prossima inaugurazione.

Continua a leggere

COLDIRETTI MANTOVA – FRUTTICOLTURA. CARRA: “Con la globalizzazione invasione di insetti che richiedono nuovo impegno”

maculatura bruna.jpgMantova e la Valtellina sono le aree della Lombardia che più utilizzano i fondi della misura 5.1.01 del Programma di sviluppo rurale, finalizzata alla prevenzione dei danni da calamità naturali di tipo biotico, che comprendono – fra le varie emergenze – anche quella della cimice asiatica, presenza ormai preoccupante da quando ha fatto la propria comparsa in Italia, nel 2012.

cimice marmorata asiatica

Parola di Marco Boriani del Servizio fitosanitario regionale, intervenuto al convegno organizzato da Coldiretti Mantova a Quingentole e dedicato alla Frutticoltura e problemi sanitari e che rientra – ha precisato il consigliere Simone Minelli – nel percorso di incontri sul territorio della federazione provinciale che ha portato a incontrare circa 2.000 associati per la fatturazione elettronica e 1.000 agricoltori per le assemblee formative. Continua a leggere