GIANGILBERTO MONTI – IN TUTTE LE LIBRERIE “ROMANZO MUSICALE DI FINE MILLENNIO”

RomanzoMusicaleFineMillennio.jpg

Mercoledì 1 GIUGNO sarà disponibile in tutte le librerie “ROMANZO MUSICALE DI FINE MILLENNIO” (Miraggi Edizioni), il nuovo libro del cantautore milanese GIANGILBERTO MONTI. Un libro che racchiude trent’anni di cultura pop del nostro paese, raccontati da un “clown”, che ne è stato testimone e protagonista, sul palco e dietro le quinte.  

ROMANZO MUSICALE DI FINE MILLENNIO” verrà presentato da Giangilberto Monti nelle seguenti date: mercoledì 1 giugno al GV Pane e Caffè di Torino (Via Gian Battista Tiepolo), giovedì 2 giugno allo Spirit de Milan di Milano (via Bovisasca, 59) insieme al giornalista Luca Trambusti e sabato 4 giugno alla Libreria Utopia di Milano (Via Marsala, 2) con il giornalista Roberto Caselli.

Durante le presentazioni Giangilberto Monti eseguirà live alcuni brani del suo repertorio accompagnato dalla sua band, composta da: Andrea Cavallo alle tastiere, Paolo Rigotto alle percussioni, Massimo Villa e Roberto Zorzi alle chitarre.

ROMANZO MUSICALE DI FINE MILLENNIO” è un’autobiografa di un’epoca e di un modo di essere del mondo dello spettacolo. Spesso ironico, ma con affetto, l’Autore non fa sconti a nessuno, compreso se stesso. Perché la qualità prima del clown – come veniva e viene chiamato – è il dir la verità.  Gli incontri con i grandi nomi e i luoghi fondanti della musica e del cabaret italiani – e non solo – diventano un romanzo denso di ironia e disincanto che mischia il pragmatismo meneghino alle origini napoletane dell’autore, facendo rivivere quel gran varietà di artisti e comparse attratti dal sogno della fama, che abbiamo ascoltato e con cui abbiamo riso: la gioventù stessa di un intero paese, un’Italia che è cambiata, ma in cui siamo cresciuti e in cui ci siamo riconosciuti.

OPINIONI DA CLOWN” (Egea Music/ed. Warner Chappell) è l’ultimo disco di inediti del cantautore milanese GIANGILBERTO MONTI, che riassume trent’anni di attività dell’artista, tra cantautorato e comicità.  Composto da 13 brani, nel disco si annoverano importanti collaborazioni musicali tra cui quella di Mauro Pagani, Sergio Conforti (il Rocco Tanica di Elio & Le Storie Tese) e il bluesman piacentino Ubi Molinari. Importanti sono anche le presenze di alcuni comici noti tra cui Nino Formicola, Raul Cremona e Giovanni Storti (del trio Aldo, Giovanni & Giacomo).

Giangilberto Monti_foto di Daniele Poli_2_b.jpg

Chansonnier e scrittore, Giangilberto Monti compone le prime canzoni a metà degli anni Settanta, pubblica i primi dischi e intraprende una parallela attività teatrale: studia canto con Cathy Berberian, recita con Dario Fo e Franca Rame, e durante gli anni Ottanta scrive testi per diversi comici che frequentano lo Zelig di Milano. G.G.Monti vanta anche una lunga collaborazione con la Radio Svizzera Italiana per cui realizza trasmissioni culturali e radiodrammi, vincendo il Prix Suisse nel 2004. Dopo aver messo in scena con la jazzista Laura Fedele il repertorio musicale di Dario Fo (1999-2000), sviluppa un’attività di scrittore e saggista con Garzanti, per cui pubblica il Dizionario dei Cantautori (2003-2005), firmato con Veronica Di Pietro, il Dizionario dei Comici e del Cabaret (2008) e La vera storia del cabaret (2012), quest’ultimo scritto con Flavio Oreglio. Negli stessi anni rievoca il periodo sessantottino nello spettacolo “Un po’ dopo il piombo” e nell’album di brani inediti “Ce n’est qu’un début”, a cui seguirà il CD “Comicanti” – entrambi pubblicati con Carosello Records – nel quale duetta con una quindicina di artisti comici, interpretando i migliori brani della comicità musicale italiana, da Ettore Petrolini a Dario Fo. Nel 2013 Giangilberto Monti pubblica per Egea Music “Comicanti.it”, un doppio album contenente l’intero disco precedente corredato da molti altri brani del cantautorato ironico e un libro che racconta la storia della canzone comica, demenziale e di protesta, firmato con Enzo Gentile. Riassume la sua passione per la canzone francese in libri, dischi e spettacoli – traduce brani di Boris Vian, Léo Ferrè e Serge Gainsbourg – e lungo il 2014 conduce al fianco di Jenny Alessi la trasmissione storico-musicale Les Chansonniers, negli studi di Lugano della RSI.

Rispondi