GARDA – PAOLO DENTI RACCONTA LUCIANO BERETTA, IL RAGAZZO DELLA VIA GLUK

luciano beretta.jpg

Sabato alle 21 a Garda in piazza del Municipio, Lungo Lago Regina Adelaide, si tiene il primo appuntamento del Premio Luciano Beretta, tre serate (15-22-29 luglio) di spettacolo canoro per ricordare il grande paroliere della musica italiana  e la presentazione del libro dedicato al Ragazzo della Via Gluk, scritto da Paolo Denti.

Raccontare Luciano Beretta è stato un compito gratificante ma tutt’altro che semplice spiega l’autore del libro. – L’autore di Il ragazzo della via Gluck non è stato infatti solo il paroliere di Adriano Celentano, Caterina Caselli – per lei scrisse Nessuno mi può giudicare – e molti altri, oltre che cantante, ballerino e perfino scrittore. È stato soprattutto un uomo generoso, un artista vero che ha sempre vissuto come tale, senza maschere e in fondo un po’ alieno dalle bugie del mondo dello spettacolo e della canzone. Forse anche per questo motivo un giorno decise di ritirarsi a Garda, sul suo amato lago, in una dimensione più umana e somigliante alla sua natura gentile.”

Nel libro di Paolo Denti si ripercorrono, anche attraverso le tante immagini, i suoi momenti più intimi: riflessioni, entusiasmi, sconforti, le varianti esplosive e contrastanti, ma sempre stupefacenti che distinguevano l’uomo-artista.

Dall’infanzia nella sua Milano scomparsa alla notorietà nazionale, fino al definitivo soggiorno sulle rive del Garda, per cui scrisse il pezzo Lago di Garda gioiello d’Italy, adottato come inno del lago e del comune di Garda, che a Beretta ha intitolato anche una piazza.

Questo libro è dedicato a lui e a tutti gli amici che lo hanno conosciuto in profondità, a cui ha lasciato ricordi indelebili e qualche scintilla di sole.

Annunci

Rispondi