ROMA – Intervista in esclusiva a PINO PERRONE, WHISKY CONSULTANT DEL FESTIVAL SPIRIT OF SCOTLAND e dell’evento “A TUTTA TORBA”

 

Domenica 3 dicembre 2017, al Chorus Cafè (via della Conciliazione, 4) di Roma, a partire dalle ore 15:00 fino a mezzanotte arriva anche quest’anno “A Tutta Torba!”, una giornata intera dedicata interamente ai whisky torbati. (Leggi anche l’articolo https://mincioedintorni.com/2017/11/23/roma-torna-a-tutta-torba-evento-whisky-torbati-trapizzino-e-molto-di-piu/)

Pino Perrone Spirit of Scotland Rome Whisky Festival 4.JPG

Visto il prestigio della manifestazione abbiamo posto alcune domande al Consultant Pino Perrone che ne coordina ogni momento.

Una domanda per “rompere il ghiaccio”. Come mai diventare assaggiatore ed esperto di Whisky e Bourbon? Quando è iniziata questa passione?

In verità mi ritengo un appassionato colto piuttosto che esperto, parola spesso abusata. Comunque l’imprinting con il whisky – l’ho raccontato molte volte e a costo di essere ripetitivo – nasce grazie a una citazione letteraria di Manuel Vazquez Montalban e il whisky Knockando. Era il 1992 e m’incuriosì. Pensavo all’epoca che gli whisky fossero solo i blended e così l’acquistai. Parte tutto da li.

Quali sono i principali elementi per capire se il Whisky che stiamo bevendo è un buon prodotto?
Deve emozianare innanzitutto. Avere un grande ventaglio olfattivo. Deve essere persistente. L’alcool non deve bruciare, soprattutto in ritorno, dopo degludito. Mai eccessivamente amaro e con un lungo ,caldo e avvolgente finale.

Quali sono le marche sulle quali possiamo andare ad occhi chiusi e perché?
Non posso purtroppo rispondere a questa domanda in qualità di organizzatore di un festival dedicato al whisky. Consiglio però di prediligere i prodotti che abbiano gradazione alcolica, i single cask, ed evitare di appassionarsi troppo a quelli troppo morbidi e a quelli che subiscono un finishing.

Eterno dilemma del bevitore, di quello neofita a quello esperto: Whisky o Bourbon?
Lo state chiedendo alla persona sbagliata. La mia risposta è whisky tutta la vita. So di essere poco obiettivo in tal senso, ma amo ciò che si riesce ad ottenere con l’orzo maltato più che con ogni altro cereale. E come ben sappiamo il bourbon è prodotto essenzialmente con il mais. Non si tratta di Scozia o non-Scozia, ma di orzo maltato o non. Su questo sono piuttosto certo.


Quanto è importante una buona torbatura per l’ottenimento di un distillato ben fatto?
Il problema non è affatto sulla buona o sulla quantità di torbatura, se si vuole ottenere un whisky torbato. Un tempo, la torba si usava principalmente perchè era disponibile, bastava scavare, e per le sue proprietà antibatteriche. Per la birra si usa il luppolo, ad esempio. Un whisky torbato secondo me dovrebbe sempre rispettare una regola. I sentori che rilasciano la torbatura deveno essere uno degli ingredienti e non il solo e unico. Questo se si vuole accettare il principio dell’armonia e dell’equilibrio. Diversamente, va bene lo stesso, ma siamo di fronte a un prodotto sgraziato. I gusti sono gusti, del resto, c’è a chi piace il ‘sadomaso’ e a chi no.
Pino Perrone Spirit of Scotland Rome Whisky Festival.jpeg.jpgL’Italia è la patria del vino e dei suoi distillati. Per quel che riguarda il Whisky, quanto è viva la cultura della sua degustazione?
Domanda scomoda. I festival, romano e milanese, contribuiscono a farla crescere questa cultura del whisky. Anche per le loro attività che svolgono durante l’anno. La domanda è crescente e ciò ci rassicura, ma siamo tuttora il fanalino di coda per i consumi. In Francia si consuma venti volte più che da noi. Non ci lamentiamo poi, che certe chicche da noi neppure arrivino. Inoltre, continuo ad assistere a preconcetti e a errori sacrosanti, quale la convinzione che il tumbler sia il bicchiere del whisky. C’è ancora molto da fare.

L’evento, organizzato dalla direzione artistica di Spirit of Scotland – Rome Whisky Festival, il più importante festival di settore italiano la cui settima edizione si terrà a Roma il 3 e 4 marzo 2018, è a ingresso gratuito e con gettoni a consumazione, previa registrazione sul sito www.spiritofscotland.it o in loco.

(GB)

 

Un pensiero su “ROMA – Intervista in esclusiva a PINO PERRONE, WHISKY CONSULTANT DEL FESTIVAL SPIRIT OF SCOTLAND e dell’evento “A TUTTA TORBA”

  1. Pingback: ROMA – TORNA “A TUTTA TORBA!”: EVENTO WHISKY TORBATI, TRAPIZZINO E MOLTO DI PIÙ | Mincio&Dintorni

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.