MANTOVA 2 GIUGNO – IL PREFETTO LOMBARDI: “AUGURI DI BUON COMPLEANNO ALLA NOSTRA REPUBBLICA E A TUTTI GLI ITALIANI”

di Paolo Biondo

Con l’auspicio che il 2 giugno possa essere in ogni territorio l’occasione di una rinnovata condivisione dei principi e degli ideali repubblicani, rinnovo il buon lavoro a voi prefetti e a quanti con voi celebrano la Festa della Repubblica

Conservatorio Mantova festa della Repubblica.jpgQuesto estratto del pensiero del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha fatto, per taluni versi, da filo conduttore alle celebrazioni predisposte a Mantova per la Festa della Repubblica. Celebrazioni che hanno vissuto i loro momenti più intensi e significativi sabato 2 giugno 2018 nell’auditorium “Claudio Monteverdi” del Conservatorio “Lucio Campiani” del capoluogo virgiliano.Nell’ambito delle stesse si è tenuta anche la consegna di vari riconoscimenti tra i quali le medaglie d’onore ai familiari degli internati nei campi di concentramento durante la Seconda Guerra Mondiale e le onorificenze Omri attribuite a persone che si sono distinte in campo sociale.

festa della Repubblica 2018 Mantova.jpg

La cerimonia si è aperta con l’esecuzione dell’Inno di Mameli e del canto “Due giugno 1946” da parte del coro di voci bianche “Voci in festa Città di Mantova” dell’Associazione Culturale “P. Pomponazzo”.

Dopo la lettura del messaggio del Capo dello Stato è intervenuto il Prefetto di Mantova, dottor Sandro Lombardi, che ha ribadito con forza il significato umano e sociale di questa ricorrenza.

Non solo in questa giornata commemorativa – fa notare il Prefetto – ma ogni giorno l’Italia deve sentirsi Nazione unita e solidale e sentirsi italiani significa anche riconoscere come problemi di tutti noi quelli che preoccupano le singole famiglie, quelli che nei giovani suscitano, per effetto della precarietà e incertezza in cui si dibattono, pesanti interrogativi sul futuro. Sono passati 72 anni dalla nascita della Repubblica e come è consuetudine, questo è il giorno nel quale si deve riportare al centro della scena il valore dell’unità degli italiani; il richiamo alla responsabilità individuale e delle Istituzioni; ai sacrifici ai quali ancora siamo costretti, nonostante i segnali di ripresa dopo una difficile congiuntura economica”.

Prefetto di Mantova Lombardi.jpg

Sentirsi Nazione unita e solidale – prosegue il dottor Sandro Lombardi – significa anche condividere ancora le sofferenze delle regioni colpite dal terremoto e contribuire ad alleviare con l’impegno ininterrotto delle Istituzioni tutte e di ciascuno di noi secondo le proprie possibilità. A tal proposito, come non ricordare l’impegno del volontariato, religioso e civile, anche in tanti settori della vita delle nostre comunità”.

Unità, solidarietà e responsabilità – ribadisce il rappresentante dello Stato a livello locale – devono essere faro anche per la politica affinché il confronto fra le opposte parti non produca solo conflitto fine a se stesso, ma collochi sempre al primo posto il pubblico interesse. Parlare di unità e solidarietà significa anche affrontare il fenomeno migratorio. I fenomeni migratori sono internazionali e richiedono collaborazione e crescente unione. Siamo in un tempo che vede irreversibilmente tutti i problemi in una dimensione ampia, globale e nessuna Nazione, da sola, può affrontarli. Non credo sia possibile chiudersi ed erigere una barriera o dei muri; non c’è barriera, né muro che possa fermare un evento storico di questa portata”.

Qui di seguito l’elenco dei premiati

Elenco premiati.jpg

 

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.