AIIP: Operatori territoriali nazionali sono asset strategico per integrità e resilienza digitale del Paese

Zorzoni, un approccio inclusivo, federato e diffuso può dare all’Italia l’impulso e il sostegno necessari per vincere le importanti sfide che dobbiamo affrontare

Il prolungato disservizio di Facebook, Whatsapp e Instagram di lunedì ha portato all’attenzione di tutti – cittadini, imprese e istituzioni – l’importanza dell’integrità e resilienza dei servizi digitali. Fattori particolarmente critici se visti nella prospettiva dello sforzo epocale di trasformazione digitale che il Paese sta affrontando e che è uno dei filoni strategici principali del PNRR.

Lo precisa, in una nota, l’Associazione Italiana Internet Provider (AIIP) confermando come sia “fondamentale che, in questa fase di avvio dei progetti del PNRR, si consideri, a fianco dei grandi cantieri nazionali quali il “Polo Strategico Nazionale” (c.d. PSN), il ruolo strategico degli Operatori territoriali, che rappresentano un ecosistema distribuito e federabile, un fattore critico di successo per l’innovazione e la resilienza digitale del Paese, oltre che elemento di prossimità territoriale essenziale per accompagnare le imprese e le pubbliche amministrazioni italiane nel loro percorso di trasformazione.

Così come 25 anni fa – continua l’Associazione – AIIP ha contribuito allo sviluppo di un mercato Internet plurale e non discriminatorio in Italia, la stessa Associazione rilancia oggi il ruolo degli associati come motore per la Trasformazione Digitale diffusa e la transizione al Cloud del Paese, in linea con l’approccio dell’Unione Europea e condividendo gli obiettivi di interoperabilità e sovranità digitale che animano progetti come Gaia-X [1].

L’Associazione Italiana Internet Provider (AIIP) crede che la strategia digitale nazionale possa trarre beneficio e valore da un ecosistema diffuso e federabile di Operatori territoriali e suggerisce che, oltre alle interfacce di interoperabilità unificate, la strategia Cloud nazionale si sviluppi tramite una pluralità di Operatori Cloud per mantenere diversificazione e resilienza, permettendo contemporaneamente il rilascio di nuovi servizi in modo unico, semplificato e riducendo il divario territoriale.

Il presidente di AIIP, Giovanni Zorzoni, ha commentato: “Distribuire le infrastrutture e i servizi digitali abilitanti tramite operatori territoriali è un modo per ridurre i rischi, aumentare la sicurezza, la resilienza e valorizzare l’innovazione diffusa riducendo il divario tra territori. Come AIIP abbiamo sempre sostenuto il valore innovativo e strategico che i nostri associati rappresentano per il Paese. Siamo certi che un approccio inclusivo, federato e diffuso possa dare all’Italia l’impulso e il sostegno necessari per vincere le importanti sfide che dobbiamo affrontare”.

L’Associazione Italiana Internet Provider (AIIP), è la prima associazione di operatori Internet a nascere in Italia (1995); da allora dà voce ai service provider italiani. Conta attualmente circa sessanta operatori di telecomunicazioni ed internet che effettuano costantemente investimenti ed offrono diverse tipologie di servizi Internet in tutta la Penisola: dalla connettività anche in Wireless e in Fibra Ottica utlrabroadband a servizi di data center, cloud ed altri servizi legati alla rete.

[1] progetto Europeo per lo sviluppo di una federazione di infrastrutture Cloud

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.