Dal 9 novembre webinar sugli esiti del progetto “Sostegno di emergenza ai migranti in Bosnia ed Erzegovina”, sostenuto dalla Regione Emilia-Romagna

La “rotta balcanica” da anni è espressione di una vera e propria tragedia umanitaria con migliaia di migranti che vivono condizioni difficilissime, persecuzioni e violenze. Tutelare i diritti umani dei migranti in transito verso i Paesi dell’Unione europea, fornire loro aiuti concreti per resistere alle condizioni estreme dei campi profughi in cui sono costretti a vivere: inadeguati e sovraffollati, senza servizi idonei e in condizioni igieniche difficilissime, è l’obiettivo del progetto “Sostegno di emergenza ai migranti in Bosnia ed Erzegovina”.

Il progetto di emergenza, è stato realizzato dalla Ong Comitato Internazionale Sviluppo dei Popoli (Cisp), in collaborazione con Istituto Pace Sviluppo Innovazione Acli – Bosnia Erzegovina (Ipsia Bih), Caritas ItalianaCaritas Bosnia i HercegovinaIscos Emilia RomagnaCrveni križ grada Bihaća (Croce Rossa della città di Bihać), Comuni di Parma e di Reggio Emilia, con il contributo della Regione Emilia-Romagna. Al webinar parteciperanno anche gli studenti del Master di Pavia in Cooperazione internazionale.

Contenuti e risultati raggiunti del progetto d’emergenza sostenuto dalla Regione Emilia-Romagna saranno illustrati nel webinar dal titolo “Un passo avanti nel contribuire ai bisogni dei rifugiati e dei migranti sulla Rotta Balcanica“, in programma domani, martedì 9 novembre a partire dalle 15. Presente la vicepresidente della Regione con delega alla cooperazione con i Paesi in via di sviluppo, Elly Schlein.

Per partecipare

Collegarsi all’indirizzo https://tinyurl.com/5f2dez9j e inserire i dati:

ID riunione: 955 1791 6059

Passcode: 227543

Il webinar si chiuderà con dei brevi approfondimenti su attività svolte ed esperienze nelle tre aree di progetto e sul contesto e transito dei migranti in BiH con le previsioni per il futuro.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.