LA MILANESIANA 2022: “L’ARTE DI PERDERE” con le letture di GREER, ROTELLI, HALLIDAY e concerto acustico di VASCO BRONDI – Teatro San Rocco di Seregno (MB)

LA MILANESIANA, ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi, arriva domani, martedì 21 giugno, al Teatro San Rocco di Seregno (MB) con “L’ARTE DI PERDERE”, una serata di letture con 3 scrittori di fama internazionale: Andrew Sean Greer (Premio Pulitzer 2018), Enrico Rotelli e Lisa Halliday.

A seguire si terrà il concerto in acustico di Vasco Brondi. Inizio ore 21.00. Biglietti disponibili fino ad esaurimento posti: www.eventbrite.it/e/biglietti-andrew-sean-greer-enrico-rotelli-lisa-halliday-vasco-brondi-349605478397 In collaborazione con Comune di Seregno.

L’appuntamento sarà visibile anche in streaming su Corriere.it e sul canale La Milanesiana.

Andrew Sean Greer – È nato nel 1970 a Washington. È l’autore di Le confessioni di Max Tivoli (scelto come miglior libro del 2004 da San Francisco Chronicle e Chicago Tribune e vincitore del Northern California Book Award, il California Book Award, il New York Public Library Young Lions Award, e l’O. Henry Award), Storia di un matrimonio, Le vite impossibili di Greta Wells, Less (2017, premio Pulitzer per la narrativa 2018), La via dei pianeti minori (2019) e Less is Lost (2022, in corso di pubblicazione). È direttore della Fondazione Santa Maddalena.

Enrico Rotelli. Collabora alle pagine culturali del Corriere della Sera con articoli sulla letteratura statunitense per i quali ha ricevuto il premio Amerigo 2020. È stato assistente di Fernanda Pivano di cui, tra gli altri, ha curato i volumi Diari 1917-1973 e Diari 1974-2009 ed è coautore dei libri autobiografici di Valentina Cortese Quanti sono i domani passati, da cui è tratto il film premio Nastro d’Argento Diva!; di Carla Fracci Passo dopo passo, da cui è tratto il film Carla; di Paola Turci Mi amerò lo stesso, da cui è tratto il monologo teatrale omonimo e di Gillo Dorfles, Paesaggi e personaggi. Per anni ha seguito i progetti editoriali della Fondazione Fabrizio De André. Ha inoltre tradotto Il grande Gatsby di F. Scott Fitzgerald.

Lisa Halliday è nata in Massachusetts e vive in Italia dal 2011. Ha ricevuto il Whiting Award for Fiction nel 2017. Il suo primo romanzo, Asimmetria, è stato pubblicato in venti lingue ed è stato inserito nella Top Ten Books del 2018 da The New York Times, The New Yorker e Time, tra le altre pubblicazioni; è stato anche uno dei libri dell’anno preferiti dal presidente Obama ed è stato selezionato per il Center for Fiction First Novel Award, il National Book Critics Circle John Leonard Award, il Los Angeles Times Art Seidenbaum Award for First Fiction, il Jewish Quarterly Wingate Prize, e il Prix du Premier romano.

Vasco Brondi. Ferrarese, è un cantautore e scrittore. Ha pubblicato fino ad oggi quattro album in studio, Canzoni da spiaggia deturpata (2010), Per ora noi la chiameremo felicità (2010), Costellazioni (2014), Terra (2016), una raccolta 2008-2018 Tra la via Emilia e la Via Lattea (2018) e un EP, C’eravamo abbastanza amati (2011). Nel 2015 ha firmato con Jovanotti il testo della canzone L’estate addosso. Ha pubblicato quattro libri: Cosa racconteremo di questi cazzo di anni zero (2008), la graphic novel Come le strisce che lasciano gli aerei (2010, con Andrea Bruno), Anime Galleggianti (2015, con Massimo Zamboni) e 2008-2018 Dieci anni tra la via Emilia e la Via Lattea (2018), che contiene i contributi di De Gregori, Jovanotti e molti altri. Nel 2019, con un tour, ha chiuso il progetto artistico de Le Luci della centrale elettrica.  Nell’estate 2020 ha portato in scena lo spettacolo Talismani per Tempi Incerti. Nel 2021 ha pubblicato Paesaggio dopo la battaglia, il primo album firmato Vasco Brondi, da cui è tratto l’omonimo libro.

La Milanesiana è il più grande festival itinerante che promuove il dialogo tra le arti e quest’anno torna con la sua 23esima edizione dedicata al tema OMISSIONI.

Un festival di respiro internazionale che tesse relazioni tra letteratura, musica, cinema, scienza, arte, filosofia, teatro, diritto, economia e sport e che anno dopo anno diventa sempre più protagonista delle estati italiane.

Dal 4 giugno al 3 agosto, La Milanesiana infatti arriverà in 20 città diverse con oltre 60 incontri ed eventi, accogliendo più di 150 ospiti italiani e internazionali.

Come in tutte le edizioni, l’arte ricopre un ruolo importante all’interno del Festival che quest’anno ospiterà ben 9 mostre in tutta Italia, dal 4 giugno al 15 settembre. I cataloghi delle mostre ospitate quest’anno da La Milanesiana sono editi dalla Fondazione Elisabetta Sgarbi. 

La Rosa dipinta da Franco Battiato, che fin dalla prima edizione è il simbolo de La Milanesiana, è stata rielaborata anche quest’anno da Franco Achilli.

La Milanesiana è organizzata da Imarts International Music and Arts Fondazione Elisabetta Sgarbi, con il Patrocinio del Comune di Milano e della Regione Lombardia.

Main Sponsor de La Milanesiana: Ealixir, Fondazione Cariplo, Comune di Bormio, Rotary Club Bormio Contea, Intesa Sanpaolo, Volvo, Milano Serravalle – Milano Tangenziali, ENEL, Conad, Grafica Veneta.

LA MILANESIANA 2022

#lamilanesiana2022

www.lamilanesiana.eu – www.elisabettasgarbi.it

Facebook La Milanesiana – Elisabetta Sgarbi

Instagram @lamilanesiana – @ElisabettaSgarbi

Twitter @LaMilanesiana – @ElisabettaSgarbi

YouTube La Milanesiana – Elisabetta Sgarbi/Betty Wrong

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.