SUONO GRASSO, una nuova serie di eventi internazionali per promuovere la musica e i musicisti dell’Emilia-Romagna

Si chiama “Suono Grasso”, in inglese Fat Sound, e indica il tipico suono della musica degli anni ’80. Un nome che vuole anche fare evocare la fertile terra emiliano-romagnola e la sua ricca cucina.

E’ la nuova iniziativa che nasce dalla missione condivisa di Emilia-Romagna Music Commission e di Ater Fondazione, che punta a sviluppare le connessioni internazionali dell’Emilia-Romagna organizzando piccoli e grandi eventi all’estero per sostenere la musica della nostra regione, in tutte le forme e i generi musicali.

“’Suono Grasso’ è ricco e generoso come la musica della regione stessa, che comprende una rete in continua crescita di musicisti, produttori e festival – spiega l’assessore regionale alla Cultura, Mauro Felicori. Questa iniziativa vuole supportare i musicisti emiliano-romagnoli ad allargare i propri confini, coordinandosi di volta in volta con diversi soggetti istituzionali e realtà musicali”.

La prima tappa – realizzata in collaborazione con Bologna – Città Unesco della Musica e AngelicA – Festival Internazionale di Musica – sarà Cafe Oto di Londrail 4 e il 5 ottobre, dove saranno protagonisti musicisti dell’area sperimentale, una scena storicamente ricca in Emilia-Romagna.
Il programma

Il 4 ottobre Silvia Tarozzi, con una band al completo, formata da Valeria Sturba, Cecilia Stacchiotti, Stefano Pilia ed Edoardo Marraffa, eseguirà integralmente il suo album “Mi specchio e rifletto” (Unseen Worlds).

Francesco Serra/Trees Of Mint presenterà inoltre il suo progetto solista di chitarra elettrica e rullante e Roberto Paci Dalò eseguirà “Lament” per clarinetto, clarinetto basso ed elettronica.

Il 5 ottobre, Stefano Pilia guiderà un trio con Alessandra Novaga e Adrian Utley dei Portishead, con il quale eseguirà l’ultimo lavoro di Pilia, “Spiralis Aurea”, che reinterpreta la musica liturgica medievale e il minimalismo del XX secolo attraverso concetti e tecniche inusuali.

La pluripremiata tape artist e produttrice londinese Marta Salogni si esibirà in un nuovo trio di improvvisazione con Silvia Tarozzi e Valeria Sturba, mentre Roberto Paci Dalò tornerà in duo con il musicista britannico Scanner, collaboratore di lunga data, per presentare il loro progetto “The Maya Effect”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.