UNA PISTA CICLABILE PER VILLANOVA: il Consiglio comunale di Reggiolo ha detto sì

Presto la frazione di Villanova avrà una pista ciclabile. Mercoledì 28 dicembre l’Amministrazione comunale di Reggiolo ha portato in Consiglio comunale due delibere, votate all’unanimità dai consiglieri, per l’acquisizione dei terreni, tramite accordo bonario, destinati alla realizzazione dei due stralci di pista ciclabile. 

I percorsi collegheranno il centro della frazione (davanti alla chiesa parrocchiale) con la stazione ferroviaria tramite un sottopasso pedonale.

La pista ciclabile, che per il primo tratto percorrerà 1,5 km, sarà realizzata in asfalto e con illuminazione dedicata. Per completare il percorso e arrivare a Reggiolo, l’Amministrazione ha affidato la progettazione esecutiva dell’ultimo stralcio di 1,3 km, che costeggerà la strada provinciale. Una volta terminata anche questa progettazione si potrà procedere con la realizzazione dell’intervento.

Per l’Amministrazione si tratta di un risultato importante. In questi mesi, grazie alla collaborazione dei proprietari dei terreni su cui sorgerà la nuova infrastruttura, si è riusciti a trovare tutti gli accordi bonari ed escludere qualsiasi procedura di esproprio che avrebbe protratto notevolmente i tempi di realizzazione.

“Ora possiamo partire con l’iter – ha commentato il sindaco Roberto Angeli – e arrivare il prima possibile all’inizio del cantiere. Per molti cittadini della frazione questo è un sogno che, finalmente, potrà essere realizzato. Per molti anni la cittadinanza, nel corso dei tavoli di partecipazione, aveva chiesto la realizzazione di questa infrastruttura. Difficoltà nel reperire le risorse economiche avevano poi dirottato i lavori tra le opere compensative legate all’autostrada cispadana. Oggi l’Amministrazione, grazie a una serie di accordi urbanistici e ad alcune risorse proprie, è riuscita a mettere in campo tutte le somme sufficienti per l’opera”.

“Purtroppo – ha concluso il sindaco – gli iter progettuali e burocratici sono più lunghi del cantiere. In questi anni, infatti, abbiamo a lungo lavorato per arrivare a questo risultato e ora possiamo dire di esserci riusciti”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.