BORGO MANTOVANO, FA CARTE FALSE PER PER SALVARE I PUNTI PATENTE: DENUNCIATO DAI CARABINIERI

falsa identità.jpg

I Carabinieri della locale Stazione, a conclusione di accertamenti hanno denunciato S.J. 51 anni residente a Roma, il quale, per evitare la decurtazione dei punti dalla propria patente a seguito di una sanzione da parte della Polizia Locale di Roma Capitale, inviava la prevista dichiarazione recante gli estremi del documento dell’ignaro omonimo S.J. 50enne residente a Borgo Mantovano.
Il 51enne deferito all’Autorità Giudiziaria dovrà rispondere dei reati di “Falsità ideologica commessa da privato”, “Sostituzione di persona” e “Falsa attestazione a pubblico ufficiale”.

ACQUANEGRA S/CHIESE: CARABINIERI DENUNCIANO RAGAZZO DI 19 ANNI PER LESIONI NEI CONFRONTI DI UN COETANEO

carabinieri Acquanegra con logoNella giornata di ieri, domenica 12 gennaio 2020, i militari della Stazione Carabinieri di Acquanegra sul Chiese hanno denunciato per lesioni un ragazzo, C. R., classe 2001 nato a Desenzano del Garda e residente a Castel Goffredo, per fatti avvenuti presso il locale “Madera Club” di Castel Goffredo nel mese di settembre. Continua a leggere

CRONACA NERA – RAPINA A MANO ARMATA IN ABITAZIONE A VOLTA MANTOVANA. IL LADRO SUBITO ARRESTATO DAI CARABINIERI

 

compagnia carabinieri castiglione delle stiviere.jpg

Nella notte ha visto il ladro in azione in casa e sotto la minaccia di un coltello da cucina, si è vista costretta a consegnare tutti gli averi, ma i Carabinieri prontamente arrestano il rapinatore mentre torna a casa.

dinna aggredita dal malvivente.JPG

Donna italiana sola in casa con una figlia di tre anni, residente nell’alto mantovano, stava dormendo quando viene svegliata da certi rumori provenienti dal piano terra, pensava fosse il compagno di rientrato dal turno di lavoro, ma invece, la sorpresa: come in un incubo si vede davanti un uomo incappucciato con un coltello in mano. Sotto la minaccia del grosso coltello da cucina viene trascinata per tutta la casa per farsi consegnare soldi e gioielli, e se non lo avesse fatto avrebbe fatto del male a lei e anche alla bambina. Continua a leggere

CASTEL GOFFREDO – DURO COLPO ALLO SFRUTTAMENTO e CAPORALATO. In CARCERE titolare, socio e caporale di un’Azienda agricola

L’operazione è scattata questa mattina, 14 ottobre 2019, nelle campagne confinanti con i comuni di Castel Goffredo e Asola, presso un vasto campo agricolo coltivato ad ortaggi.

CARABINIERI CASTEL GOFFREDO.jpgIl servizio rientra nell’ambito dei “CONTROLLI STRAORDINARI NEL SETTORE AGRICOLO, AGROALIMENTARE/FORESTALE E AMBIENTALE – 2018“ disposti dal Comando generale dell’Arma dei Carabinieri e finalizzato al contrasto dello sfruttamento della manodopera clandestina e del caporalato, coordinato dalla Compagnia di Castiglione delle Stiviere. Continua a leggere

CASTIGLIONE D/STIVIERE, “CINQUE CONTINENTI” – MAROCCHINA TROVATA IN POSSESSO DI UN COLTELLO, DENUNCIATA

coltelloI militari della locale Stazione Carabinieri, hanno proceduto al deferimento di M.M. 33enne di Calvisano (BS)  per possesso ingiustificato di armi o oggetti atti ad offendere.

Nella notte di domenica 6 ottobre 2019, nel corso di un controllo di routine, nel noto quartiere “Cinque Continenti”, ubicato in questa via Kennedy, i militari operanti hanno fermato una cittadina marocchina a bordo della sua autovettura, rinvenendo, occultato sotto il tappetino, un coltello di medie dimensioni. I militari hanno eseguito pertanto il sequestro dell’arma che verrà depositata presso l’ufficio corpi di reato della competente Autorità Giudizia.

VIADANA – GUIDA CON LA PATENTE SOSPESA: DENUNCIATO DAI CARABINIERI

Nella giornata di domenica 6 ottobre 2019 i militari della Stazione Carabinieri di Viadana hanno denunciato A.P. 43enne italiano per guida con patente sospesa di persona sottoposta a misura di prevenzione personale.

pattuglia Carabinieri Viadana.JPG

L’uomo, nella serata del 5 ottobre 2019, durante un controllo alla circolazione stradale messo in atto dai militari della Stazione di Viadana, veniva fermato a bordo della sua autovettura. Alla richiesta di mostrare i documenti di guida, il 43enne, già conosciuto alle Forze dell’Ordine per reati contro il patrimonio e contro la persona, esibiva un certificato medico che a suo dire lo abilitava alla guida del veicolo. Continua a leggere