IN ATTESA DELLA RIAPERTURA, MOSTRE E MUSEI ON LINE: Torino, Venezia, Lodi, Ferrara, Padova, Monza, Ravenna, Treviso, Vicenza, Verona, Possagno e Bassano del Grappa

Organizzatori ed istituzioni attendono con entusiasmo, pari alla preoccupazione, che le porte di mostre e musei si riaprano il 18 maggio, e nell’attesa intensificano le loro azioni sui social, con l’obiettivo di “fidelizzare” chi frequenta o segue queste realtà e, allo stesso tempo, di allargare la platea dei contatti. Continua a leggere

VICENZA, RITRATTO DI DONNA. Il sogno degli anni Venti e lo sguardo di Ubaldo Oppi

L’amicizia femminile, il sogno, il doppio riflesso nello specchio, il rapporto tra il pittore e la modella, donne fiere al punto da divenire feline, la nostalgia di paradisi perduti, ma anche la crudezza della realtà, sono i temi centrali della mostra.

Dipinti meravigliosi, abiti bellissimi, gioielli, sogni di esotismo, desideri di viaggi e amori pervadono lo spazio espositivo, in dialogo bellissimo con l’architettura della basilica palladiana. L’effetto sarà magico, rievocando quegli Anni Venti in cui, come scrisse la prima critica d’arte donna, la potente Margherita Sarfatti, “la pittura appare tra tutte l’arte magica per eccellenza”. Continua a leggere

MANTOVA – “SENTIERI DI MUSICA” DEBUTTO UFFICIALE DELL’ORCHESTRA EUROPEA DISCANTO

orchestra-europea-discanto-2019Esordio nella città dei Gonzaga per il progetto “Sentieri di Musica” Percorso di arte, musica, spiritualità e territorio promosso da Fondazione Discanto di Mozzecane che si ripresenta dopo un restyling interno. Debutta a Mantova l’Orchestra Europea Discanto, formata da una quarantina di giovani provenienti da vari Paesi europei ed extraeuropei.

I concerti, con il Patrocinio della Provincia di Mantova, si terranno dal 4 all’8 settembre a Mantova, Gonzaga, Verona, Isola della Scala (VR) e Vicenza (più una prova aperta). Continua a leggere

CASTEL GOFFREDO – GESTIONE E CONTENIMENTO DELLE NUTRIE: IL MODELLO MANTOVA FA SCUOLA

nutria-Si è tenuta ieri (30 maggio) a Castel Goffredo con operatori di Regioni e Province di tutto il nord Italia una giornata di studio e di approfondimento sulla gestione della nutria. Nella sala consiliare del Comune dell’alto mantovano si è svolto l’incontro che aveva come obiettivo promuovere le modalità e le buone pratiche adottate dalle Province di Mantova e Brescia e da ISPRA per affrontare i problemi legati alla significativa presenza di nutrie nei due territori. Erano presenti tecnici degli Uffici delle Regioni Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, delle Province di Bergamo, Lodi, Bologna, Ferrara, Modena, Padova, Rovigo, Treviso, Venezia, Vicenza, delle Città Metropolitane di Bologna e Venezia e del Parco del Ticino. Continua a leggere

VICENZA e FOLRLÌ – SILVIA PETRONICI PRESENTA IL SUO NUOVO LIBRO “A PIEDI NUDI BALLANO I SANTI”

a piedi nudi ballano i santi.jpgA piedi nudi ballano i santi (Ed. Oligo) è il nuovo libro di Silvia Petronici che verrà presentato dall’autrice, Giovedì 14 febbraio alle ore 20.00 Vicenza.

L’evento rientra nell’ambito di States Of Mind _Prize a cura di Petra Cason, presso il Laboratorio Arka, Contrà Mure S. Michele, 27.

“A piedi nudi ballano i santi” è un saggio con molti elementi provenienti dalla formazione filosofica e dall’esperienza professionale come curatore indipendente della sua autrice. Da essa si deduce il valore fondamentale del rapporto tra artista e curatore, al centro di un processo da cui deriva il valore stesso dell’opera, la sua efficacia relazionale e le sue potenzialità conoscitive. Continua a leggere

VICENZA – “HARU NO KAZE – VENTO DI PRIMAVERA” COMPIE 10 ANNI

Torna a Vicenza dal 16 al 25 marzo, “Haru no Kaze – Vento di primavera – Il Giappone a Vicenza”, il festival della cultura giapponese che l’assessorato alla crescita del Comune organizza in collaborazione con l’associazione Ukigumo. La manifestazione, ricca di appuntamenti ed eventi, giunta alla decima edizione, negli anni ha fatto di Vicenza un punto di riferimento irrinunciabile per gli appassionati, i cultori delle arti e della cultura nipponica e per tutti coloro che ne sono attratti e vogliono approfondirne la conoscenza.

L’inaugurazione della manifestazione si terrà venerdì 16 marzo alle 10.30 nella sala degli Stucchi a Palazzo Trissino, alla presenza del console generale aggiunto del Giappone Makoto Tominaga.

Continua a leggere

VICENZA – LA CAMPOGALLIANI PREMIATA AL FESTIVAL NAZIONALE MASCHERA D’ORO

I PREMI ALLA MASCHERA D'ORO 2017.jpg

Con lo spettacolo “Il Trigamo”  di Piero Chiara l’Accademia Teatrale Campogalliani  trionfa al Festival Nazionale Maschera d’Oro di Vicenza aggiudicandosi il premio come miglior compagnia e il premio alle migliori attrici caratteriste assegnato a Francesca Campogalliani, Loredana Sartorello e Gabriella Pezzoli, oltre alle nomination per migliore regia a Maria Grazia Bettini, per migliore attore ad Adolfo Vaini, per miglior attore caratterista a Diego Fusari e al migliore allestimento per scene, costumi, luci e sonoro.
Continua a leggere

LA SERA E I NOTTURNI DAGLI EGIZI AL NOVECENTO alla Basilica Palladiana di Vicenza

WP_20150307_17_42_03_Prodi Mendes Biondo (giornalista)

Considerare la mostra di Goldin come se fosse un saggio accademico è l’errore che non permette l’accesso alla sua bellezza.La poetica di Tutankhamon, Caravaggio, Van Gogh. La sera e i notturni dagli Egizi al Novecento è la stessa che potremmo trovare nei testi di Bataille o negli scritti di Artaud (passeggiare per le quelle stanze sembra quasi come leggere dei passi da Eliogabalo o l’Anarchico incoronato). Ci si sposta dalla leziosità dei parrucconi per sentire l’arte in tutte le sue fibre, così come lo stesso curatore ammette quando scrive: “L’idea di questa mostra si feconda nell’approfondimento della Fenomenologia della percezione di Maurice Merleau-Ponty, libro epocale per gli studi nel XX secolo, uscito nel 1945 da Gallimard a Parigi. C’è un passo, in modo particolare, attorno a cui si è sviluppata la mia riflessione circa il tema della notte, e dal quale parte il progetto di questa esposizione: “Quando, per esempio, il mondo degli oggetti chiari e articolati si trova abolito, il nostro essere percettivo amputato del suo mondo delinea una spazialità senza cose. E’ ciò che accade nella notte. Essa non è un oggetto di fronte a me, ma mi avvolge, penetra attraverso tutti i miei sensi, soffoca i miei ricordi, cancella quasi la mia identità personale […].” Continua a leggere