APPUNTAMENTI FUORI PORTA CON CHIARA PROIETTI

San Lorenzo in Lucina

Sabato 21 marzo ore 10.30

 ” Sotterranei di San Lorenzo in Lucina” P.zza di San Lorenzo in Lucina , 16 A

 All’interno del progetto Roma Sotterranealuoghi solitamente chiusi al pubblico e visibili  eccezionalmente solo una volta l’anno- si entrerà nei Sotterranei della Basilica di San Lorenzo in Lucina, consacrata nel IV secolo da papa Sisto III.

Si osserverà la facciata composta da un ampio portico, sei colonne in granito ,  il campanile romanico e le finestre rettangolari barocche .. all’interno, si ammirerà il capolavoro Crocifisso di Guido Reni , posto sopra l’altare disegnato da Carlo Rainaldi nel 1669, la cappella dedicata a San Lorenzo martire dove sono conservate le catene che servirono per imprigionare il Santo, e sosterà dinanzi la meravigliosa Cappella Fonseca, disegnata da Gian Lorenzo Bernini .

Si scenderà poi nei Sotterranei per scoprirne i misteri: un edificio del II secolo d.C. convertito in Insula di cui si riconosce una scala che sale al piano superiore, si osserverà un meraviglioso pavimento in mosaico bianco e nero e tracce di intonaco dipinto, si entrerà nella ” sala dei canonici” dove si scruteranno i resti della vasca circolare di un Battistero Paleocristiano, si sosterà davanti il muro perimetrale affrescato con elementi vegetali per guardare la spartizione della parete con larghe fasce dipinte. Risalendo, visita al monumento dedicato a Nicolas Poussin e la lapide commissionata da Renè de Chateaubriand con narrazione del particolare tema scelto nella descrizione della lastra dedicatoria e l’epigrafe incisa, di sorprendente qualità.

Prenotazione Obbligatoria

 

Domenica 22 marzo ore 11.30Tombe di Via Latina

” Tombe di Via Latina” Arco di Travertino 151

 All’interno del progetto Roma Sotterranealuoghi solitamente chiusi al pubblico e visibili  eccezionalmente SOLO per le nostre visite UNA volta l’anno- visiteremo il parco archeologico delle Tombe di Via Latina, il complesso di maggior rilievo del suburbio di Roma. Nel sito si conservano un tratto dell’antica Via Latina, ancora pavimentata per un lungo tratto dell’antico basolato in selce, e su entrambi i lati numerosi monumenti funebri e testimonianze storiche dall’eta’ repubblicana fino all’alto Medioevo. 

Si entrerà nel Sepolcro dei Barberini del II sec. d.C., dove si ossrverà il pavimento a mosaico e le magnifiche decorazioni architettoniche fittili in origine dipinte per continuare il percorso in direzione del Sepolcro dei Valeri e del Sepolcro dei Pancrazi, fine I sec. d.C.. Si entrerà nelle sale ipogee per ammirare le splendide volte affrescate e stuccate ed ancora perfettamente conservate : denominate la ” Cappella Sistina dell’antica Roma” Visita anche ai resti di una grande villa realizzata alla fine del I sec. d.C., per comprendere parte della sua trasformazione in Basilica, meta di pellegrinaggi fino al XIII secolo.

Prenotazione obbligatoria

 

Domenica 22 marzo ore 15.20mostra-matisse- arabesque - roma

” Matisse. Arabesque”

    Scuderie del Quirinale. Via XXIV Maggio 16

Per la prima volta in Italia, avremo il privilegio di ammirare oltre cento opere di Matisse con alcuni capolavori assoluti provenienti dai maggiori musei del mondo: Tate, Met, Moma, Ermitage, Pompidou, Orangerie per citarne solo alcuni. La splendida mostra, intende restituire un’idea delle suggestioni che l’Oriente ebbe nella pittura di Matisse: un Oriente che, con i suoi artifici, i suoi arabeschi, i suoi colori, suggerisce uno spazio più vasto, un vero spazio plastico e offre un nuovo respiro alle sue composizioni. Capiremo come Matisse abbia subito tale suggestione – Esposizione mondiale del 1900 dove scopre i Padiglioni dedicati Turchia, Persia, Marocco, Tunisia, Algeria ed Egitto – ed osserveremo i filmati dei suoi numerosi viaggi in Africa.

In visione la monumentale natura morta Gigli, Iris e Mimose dove la magia cromatica dei toni dell’azzurro e del verde è ripresa dalla ceramica ottomana e nord africana del XV e XVI secolo – accanto alle tele, sono esposti preziosi vasi islamici, delicate stoffe orientali e rare maschere africane – ed eccezionali ritratti che raccontano le trasformazione del tratto dell’artista: il Ritratto di Yvonne Landsberg, l’Italiana, Ragazza con copricapo persiano, Tre sorelle.

Le nature morte degli anni ’40, Ramo di Pruno su fondo verde e Fruttiera ed edera in fiore, accanto a ceramiche e surimono giapponesi esposte nelle teche.

Zohra sulla terrazza e Marocchino in verde esposte accanto a due grandi pareti formate da maioliche di Iznik, di tradizione turco – ottomana del XV secolo.

Gli splendidi paesaggi – La palma, L’albero presso il laghetto di Trivaux– il fascino di Odalisca blu, Due modelle che si riposano, Danzatrice spagnola e il capolavoro Pesci rossi.

Ci saranno esposti anche i costumi disegnati per i Balletti russi di Diaghilev.

LA PRENOTAZIONE E’ SEMPRE OBBLIGATORIA

Gruppo e Pagina Facebook: Visite Guidate di Chiara 

Annunci

Rispondi