SUZZARA – CIBO CIBO TONDO. Come il cibo influisce sulla globalità della nostra vita

10516684_420500511457425_38462551227606027_n

EVENTI GRATUITI

di G.Baratti

Dal 6 al 29 ottobre, mese conclusivo di EXPO, a Piazzalunga Cultura e alla Galleria del Premio di Suzzara si parlerà di cibo non in modo consueto, ma ospitando una serie di iniziative che costelleranno tutto il mese trattando l’argomento sotto vari punti di vista partendo dalla presentazione di un libro di recente pubblicazione per ampliarne le prospettive e volgersi verso esperienze più vicine a noi.

Promotore dell’iniziativa è l’Assessorato alla Cultura nella persona di Raffaella Zaldini, mentre l’organizzazione è stata affidata a Elena Prandi, responsabile dei Servizi Culturali, Valorizzazione del territorio e Sport Comune di Suzzara.

cibo,cibo“Gli eventi vogliono porre l’attenzione sulle diverse interazioni fra cibo e identità alla scoperta di quest’ultimo non solo come “carburante” per la vita, ma come elemento che crea cultura e che la determina, che segna inizi di nuovi cicli, così come il concludersi di altri. Il cibo e gli stessi atti alimentari sono elementi fondanti della nostra soggettività, del nostro senso del sé e della nostra corporeità e sono strettamente connessi alle pratiche sociali relative ad un determinato periodo storico e luogo geografico. Se gli esseri umani entrano nel mondo con la necessità di mangiare per sopravvivere, dal momento stesso della nascita i modi in cui gli individui interagiscono con altre persone e con i manufatti culturali determinano le loro risposte al cibo: il nutrimento biologico si trasforma pertanto in pratica culturale e sociale. I significati, i discorsi e le pratiche inerenti a tali tematiche si prestano pertanto ad un’analisi culturale, sociale, religiosa, economica che saranno affrontati nei vari incontri previsti durante il mese. Se il cibo è alla base della nostra vita da questo punto di vista si può pertanto affermare che ciò che ingeriamo fa di noi quel che siamo e due infatti sono gli incontri che tratteranno il cibo nel mosaico colorato e profumato di tradizioni culinarie, ricette e precetti, sacralità e simbologia che sono lo specchio di una millenaria storia di popoli e religioni quale quelli di ebrei, cristiani e musulmani e il loro rapporto con la tavola. Ma il cibo anche come presentazione dello stesso in piatti, coppe, taglieri del leggendario servizio gonzaghesco di Isabella d’Este ciascuno raffigurante una diversa scena mitologica, biblica, o letteraria, che fu dipinto nel 1524 da Nicola d’Urbino, il famoso ceramista paragonato a Raffaello per la finezza di segno, la grazia delle figure, il colore intenso. Da una donna che lo ricevette in dono si passa all’universo femminile e ai temi della creatività femminile, della relazione che ciascuna donna ha con il cibo e di come questo sia occasione per relazionarsi con se stesse, gli altri, l’ambiente quale sensibilità verso lo spreco di risorse tema dell’ultimo incontro. Il valore del cibo come rimedio per nutrire il pianeta, per imparare a fruirne invece che soltanto consumarne per cambiare quelle abitudini e quelle relazioni viziate risorse-consumi per evitare gli sprechi e imparare ad apprezzarlo”.

image

Martedì 6 ottobre – ore 18 Piazzalunga Cultura Suzzara – viale Zonta 6/a apertura degli eventi con il saluto da parte delle istituzioni e successivamente la presentazione del libro Buono e giusto: a tavola con ebrei, cristiani e musulmani (Ed. Terra Santa 2015). Vengono rivisitate le pagine dei testi sacri che parlano di cibi. Fra differenze, riti e tratti comuni.

Interventi degli autori Claudia Milani, docente di ebraismo presso l’Istituto di Scienze Religiose di Torino, Paolo Branca, docente di islamistica presso l’Università Cattolica di Milano e Claudio Paravati, Direttore della rivista Confronti. A seguire degustazione di cibi offerti dal Centro Interculturale Islamico di Suzzara e dalla Comunità Ebraica di Mantova.

280_0_3695591_40798

Sabato 10 ottobre – ore 17 Museo Galleria del Premio Suzzara – via Guido 48

In collaborazione con le Associazioni degli Amici del Museo Galleria Premio Suzzara e del Premio Suzzara Una “credenza istoriata” per Isabella d’Este. Il servizio di Nicola d’Urbino interpretato da Ester Mantovani. Nel 1524 Eleonora Gonzaga invia da Urbino a Mantova, in dono alla madre Isabella d’Este, una “credenza” di ceramiche appositamente create dal più grande ceramista dell’epoca, Nicola d’Urbino. I ventiquattro pezzi della credenza originale, autentici capolavori oggi sparsi nei musei e nelle collezioni private di tutto il mondo, sono stati accuratamente riprodotti da Ester Mantovani, rendendo possibile ammirarli a distanza di secoli.

Presentazione a cura di Maria Rosa Palvarini Gobio Casali, storica dell’arte mantovana e curatrice del progetto e Ester Mantovani, ceramista.

Durante l’incontro saranno presentati e illustrati nelle tecniche e nei decori, alcuni piatti del servizio di Isabella d’Este.

Malacarne

Venerdì 16 ottobre – ore 18 Piazzalunga Cultura Suzzara – viale Zonta 6/a

Presentazione del libro PANHISTORIA La tradizione del pane nel Mantovano. Sacralità, simboli, suggestioni con gli interventi di Amilcare Galafassi e Alessandro Guiducci del Rotary Club Gonzaga‐Suzzara,Carlo Prandi dell’Accademia Nazionale Virgiliana, Don Roberto Rezzaghi, direttore dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Mantova e Giancarlo Malacarne, autore. A seguire degustazione di vari tipi di pane offerti dal Supermercato IperCoop di Suzzara e del vino della Cantina Sociale di Carpi.

11041700_342737612596890_5268713995374262523_n

Venerdì 23 ottobre – ore 18 Piazzalunga Cultura Suzzara – viale Zonta 6/a

Presentazione della bookzine Dispensa‐ Generi Alimentari & Generi Umani e della monografia Storie di donne e di cibo realizzata in occasione di Expo 2015 per Marina Rinaldi. Interviene Martina Liverani ‐ Curatrice del volume e direttrice della rivista Dispensa, con lei dialogala giornalista Paola Cortese.

Seguiranno i racconti di donne cuoche suzzaresi che con passione hanno alimentato la storia della cucina locale.

spreco

Giovedì 29 ottobre – ore 18 Piazzalunga Cultura Suzzara – viale Zonta 6/a

Valore e valori del cibo: lo spreco alimentare. Interventi di Luca Falasconi, presidente di Last Minute Market, Simone Arminio, giornalista economico a “Il Resto del Carlino”, Alessandra Vaccari, consulente Coop per progetti di economia sostenibile.

A seguire presentazione e degustazione di alcuni prodotti del commercio equo e solidale a cura della Coop. Mappamondo ‐ Bottega Equamente di Suzzara.

Foto di repertorio web

 

Annunci

Rispondi