BAGNOLO S. VITO – AL GOPARK INAUGURATO UN MURALES DI 500 mq.

Foto di gruppo con alle spalle una porzione del murales

    di Paolo Biondo

Il GoParc di Bagnolo San Vito è sempre più fucina di arte, cultura, sport e tradizione. A confermare tutto ciò vi ora anche il murales inaugurato ieri mattina e realizzato da quattro giovani artisti dell’Orticanoodles, ovvero Walter Contipelli, Davide Tolasi, Alessandra Montanari e Alessandro Bassi, sulla base di un progetto degli studenti dell’Istituto d’arte Giulio Romano di Mantova, Marco Lucchini e Giacomo Arvati.

murales2

L’opera, fortemente voluta dai vertici del noto impianto sportivo bagnolese, a partire dal proprietario Luigi Bianchi e dall’amministratore delegato Dino Fioratto, rappresenta un vero e proprio circuito kart con curve e rettilinei studiati ad hoc perché riproducano la scritta Goparc, su un fondo “race” dalle sfumature del rosso e del giallo con evidenti segni di pneumatici.

FOTO CONFERENZA GOPARC-14

Visibile in tutti i presenti alla cerimonia d’inaugurazione dell’opera, che ottimamente si configura nell’intero contesto dell’area, la soddisfazione per quanto realizzato. In primis Luigi Bianchi che con il suo braccio destro Dino Fioratto ha creduto nella validità artistica e culturale prima ancora che sportiva del percorso compiuto.

Un percorso che ha coinvolto, merito, questo, anche della disponibilità garantita dall’istituto cittadino ed anche del docente Vincenzo Denti, gli studenti del “G. Romano”.

FOTO CONFERENZA GOPARC-15

Costoro, tutti presenti alla cerimonie che si è conclusa per loro con alcuni giri di pista sui go kart, hanno predisposto i vari bozzetti che poi sono stati selezionati dai vertici dell’impianto sportivo bagnolese. Una volta individuato il bozzetto migliore il tutto poi è passato nelle degli artisti che già a Mantova e a S. Giorgio avevano dimostrato di possedere le carte in regola per realizzare l’opera.

murales1

Opera che è stata creata puntando su un aspetto molto significativo, aspetto che caratterizza anche tutta l’impegno profuso da Luigi Bianchi e i suoi collaboratori, ovvero il rispetto della tradizione.

Non a caso il murale è stato creato basandosi su tecniche del rinascimento ed il risultato che ne è scaturito ha raccolto ampi consensi.

murales 3

Alla manifestazione di sabato 31 ottobre hanno presenziato pure il sindaco di Bagnolo, Manuela Badalotti, che aveva al fianco gli assessori Sandro Resta e Stefano Ferrari.

Annunci

Rispondi