SAN BENEDETTO PO – APETILIA 2015, NON SOLO MIELE

apetilia.jpg

Dal 4 al 6 dicembre “Apetilia 2015 – Terra Madre Day – L’abbazia:  scrigno della biodiversità – I giorni del miele e del tartufo” al Monastero Polironiano. Mostra mercato della biodiversità, appuntamenti a tavola, laboratori del gusto, spettacoli e concerti, attività per bambini, convegni, degustazioni e vendita prodotti tipici, cene a tema e molto altro.

asino1.jpg

Durante i tre giorni ci sarà l’ASINO BUS con gli asinelli della lentezza in giro per il mercato dell’antiquariato a cura dell’associazione Il sogno di Vasco.

 

Tutto il complesso monastico sarà arricchito dalle api colorate dei bambini della Scuola dell’infanzia e da un bosco disegnato a cura dei bambini della scuola primaria.

Sabato e domenica all’ingresso del Museo Civico angolo truck food on ape-car, inoltre, presso la sala audiovisivi del Museo proiezioni di filmati Slow Food.  Per tutti e tre i giorni nelle sale del Museo sarà allestita la mostra “Mieli dal mondo”.

Il Terra Madre Day è l’evento annuale che celebra il grande progetto a livello mondiale costituito dalla rete di tutte le Comunità del Cibo di Slow Food.

api1.jpg

Apetilia è un progetto simbiotico di territorio finalizzato alla salvaguardia della biodiversità, alla tutela delle api, dell’ambiente e del miele rafforzando le possibilità di avviare impresa sostenibile con il territorio. L’alimentazione dell’uomo sul pianeta è sempre più a rischio per l’utilizzo delle risorse in modo irrazionale e in funzione del profitto senza rispettare i cicli naturali della natura. Questo quadro preoccupante si evidenzia dai numerosi campanelli di allarme primo fra tutti le api. Esse svolgono un ruolo fondamentale nella catena alimentare, perché se non impollinassero i fiori, molti tipi di frutta e verdura non esisterebbero. Senza le api sono a rischio interi ecosistemi. Senza le api la nostra esistenza sarebbe compromessa in modo inesorabile.

Il Monastero Polironiano di San Benedetto Po diventerà “Scrigno della Biodiversità” ricordando il certosino lavoro millenario dei monaci che hanno documentato e conservato la nostra storia agricola e alimentare trasmettendoci la forza per cambiare concretamente.

mielE1.jpg

Nella tre giorni gli agricoltori e produttori presenteranno e venderanno i loro prodotti negli spazi dei chiostri dei Secolari e di San Simeone.

Negli spazi museali saranno presentati i mieli provenienti dal mondo grazie ai presidi Slow Food e quest’anno sarà rappresentata l’Etiopia.

Nelle scuole primaria, dell’infanzia e di musica si realizzeranno attività didattiche sul tema delle api e del miele.

Nella biblioteca monastica sabato 5 dicembre si terrà il convegno “Ambiente, api e biodiversità: si può fare”, dove giovani agricoltori e produttori presenteranno i loro progetti e la loro esperienza per produrre in modo sostenibile nel rispetto dell’ambiente e della biodiversità.

La manifestazione è organizzata da Slow Food Basso Mantovano, Corte Bancare, Arci Primo Maggio, Comune di San Benedetto Po con la collaborazione delle Associazioni Il Sogno di Vasco, Amici del Museo, Coro Polifonico Polironiano e Scuola di Musica.

Il progetto Apetilia è di Corte Bancare con la collaborazione dell’Associazione Apicoltori Mantovani e Consorzio Agrituristico, sostenuto in forma simbiotica anche dal Consorzio dei Comuni dell’Oltrepò mantovano, il Gal, Slow Food Basso Mantovano e altre Associazioni locali.

APPUNTAMENTI A TAVOLA

Venerdì 4 dicembre – ore 20.30

CENA: IL BUON SAPORE DEL NOSTRO TERRITORIO 

Risotto al tartufo bianco mantovano • Brasato con polenta di Storo • Torta di Rose e zabaione Selezione di vini bio – Az. Agr. Fondo Bozzole

Posti limitati solo su prenotazione / costo 35 euro

Sabato 5 dicembre – ore 20.30

CENA: DI CHE CIPOLLA SEI?

Due economie basate sulla cipolla a confronto, da un lato la Cipolla Paglierina di Sermide e Felonica, ingrediente base del Tiròt di Felonica, dall’altro, direttamente dalla Val Cosa, la friulana Cipolla Rosa di Cavasso • Tiròt di Felonica (presidio Slow Food ), accompagnato da salame mantovano (Soriani) e dalla mostarda mantovana della Comunità del Cibo (Corte Nigella) • Risotto con Cipolla Paglierina di Sermide e Felonica • Cunicici friulani con Cipolla di Cavasso in agrodolce • Degustazione di formaggi (Latteria Turnaria) con composte di frutta e Pan di Sorc (presidio Slow Food ) • Torta al limone con gelato Selezione Lambruschi bio – Corte Pagliare Verdieri Etichette friulane IGP – Az. Agr. Casula Posti limitati solo su prenotazione / costo 30 euro

Domenica 6 dicembre – ore 12.00-14.00

PRANZO: MENU À LA CARTE (senza prenotazione)

Tagliolini al tartufo bianco mantovano • Maccheroni con ragu di anatra muta • Piatto degustazione con i presidi Slow Food e i mieli del progetto Apetilia • Trippa alla Eda • Torta Sbrisolona

Per prenotazione cene: Alessio 328.5729209 – Massimo 329.3176082 – Arci Primo Maggio 0376.615628

 

 

Annunci

Rispondi