LOCOROTONDO – LOCUS FESTIVAL DAL 15 LUGLIO AL 27 AGOSTO 2016

LOCUS FESTIVAL 00.jpg

Nel cuore della Valle dItria, questanno si svolgerà la XII edizione di uno dei festival italiani più internazionali, in grado di fondere magia del territorio e un offerta musicale e culturale unica nel suo genere: il LOCUS FESTIVAL, dal 15 luglio al 7 agosto a Locorotondo.

Con l’apporto di Audi in qualità di official partner, il festival si inserisce nel laboratorio-evento #Audi Untaggable Lives: una serie di iniziative che fondono assieme arte, suono e pensiero per tracciare una visione sul futuro della musica e vivere esperienze non convenzionali sotto il segno dei quattro anelli.

Sempre di più all’avanguardia della musica, quest’anno il Locus festival guarda oltre i confini sensoriali, spaziali e temporali. Lo spazio è il tema della dodicesima edizione, che si sviluppa attraverso percorsi musicali avventurosi, l’arte e il design d’avanguardia, fra grandi performance e installazioni di luce in uno dei borghi più belli d’Italia: Locorotondo, nel cuore della Valle d’Itria, magico angolo di Puglia fra le colline non lontano da bellissime spiagge.

Locus festival 3-8-14 foto di Umberto Lopez - 01_m.jpg

Dal 15 luglio al 27 agosto, si svolgerà lo straordinario programma artistico del 2016, che conferma il Locus come uno dei festival più belli e interessanti d’Italia. Headliners come JACOB COLLIER, DJ PREMIER & THE BADDER, SNARKY PUPPY, ANDREYA TRIANA, JORDAN RAKEI, SUBMOTION ORCHESTRA, JELANI BLACKMAN, FLOATING POINTS, THEO PARRISH, KAMASI WASHINGTON… formano una line-up di alto livello internazionale e rispecchiano le tendenze più evolute ed attuali della musica mondiale di quest’anno in ambito soul, jazz, black, ed elettronico. Il programma artistico si svolgerà attraverso cinque weekend, ed è focalizzato essenzialmente in due scene musicali: New York e Regno Unito, oggi più che mai straordinariamente vitali e innovative.

Guida musicale e ispirazione della XII edizione del Locus sarà il grande Sun Ra, leggendario musicista americano (1914-1993) il cui approccio “afrofuturista” al jazz ha ispirato tanti artisti geniali in molteplici ambiti musicali. Con il suo motto “space is the place”, percepiremo il Locus (che significa “luogo”) come spazio, e lo spazio urbanistico di Locorotondo (luogo rotondo) come una rappresentazione del cerchio cosmico.

Dalle performance inaugurali fra le strade del paese allo story telling digitale, dai grandi concerti in programma sul palco alle conferenze Locus Focus… tutte le attività del Locus 2016 sono caratterizzate dal concept  #Audi Untaggable Lives: artisti d’avanguardia, multicodice e innovativi, in luoghi magici e antichi per una esperienza totale, non classificabile nelle solite categorie.

Fondamentale novità del Locus 2016 sarà #UNTAGGABLE STORIES: un progetto site specific promosso da Audi e creato da Felice Limosani, artista crossmediale di fama internazionale. Le installazioni artistiche luminose investiranno vari punti del centro storico, saranno presentate al pubblico il 15 luglio con uno speciale Grand Opening inaugurale, e resteranno accese e visitabili tutte le sere fino al 7 agosto.

L’inizio del Locus festival coincide anche con un’altra prestigiosa manifestazione untaggable: Audi OOOO rama si svolgerà nel vicino resort di Borgo Egnazia, dal 15 al 17 luglio, contribuendo così a rendere Locorotondo in quei giorni un punto di riferimento cruciale per l’avanguardia della musica mondiale.

Il programma del LOCUS FESTIVAL si articola anche con altre interessanti iniziative: le conferenze LOCUS FOCUS ci faranno conoscere meglio la musica del festival e la sua storia. Gli incontri saranno curati Ashley Kahn, celebre biografo ed esperto di jazz americano, e da Nicola Gaeta, giornalista e scrittore musicale da tempo collaboratore del Locus: le loro conferenze coinvolgeranno in prima persona tre grandi artisti presenti al Locus: Dj Premier, Michael League degli Snarky Puppy e Kamasi Washington.

Farà parte del Locus anche uno speciale incontro della serie “Lezioni di Rock”: Ernesto Assante e Gino Castaldo che terranno una speciale conferenza su David Bowie.

Il Locus Festival 2016 è organizzato da Bass Culture Srl e da Turné Srl in collaborazione con il Comune di Locorotondo e con il sostegno della Regione Puglia. La direzione artistica è curata da Gianni Buttiglione.

Quasi tutti gli eventi in piazza a Locorotondo sono ad INGRESSO LIBERO, a differenza dei due appuntamenti al Mavù Club che prevedono biglietti d’ingresso, acquistabili nel circuito bookingshow.com.

150810_AudiNight-0042_m.jpg

UNTAGGABLE STORIES – Light art by Felice Limosani

La luce nel suo significato immenso può esprimersi in molteplici forme attraverso la tecnologia e la fantasia umana. Insostanziale, mutevole e inafferrabile, la luce esiste e fa emozionare.

Con questa premessa, lo story-teller digitale Felice Limosani ha creato dei light artwork che dialogano con l’architettura di Locorotondo per connettere il pubblico in una esperienza collettiva, ricca di significati simbolici e di grande impatto visivo.

I muri del borgo si trasformano attraverso la metafora artistica in fogli bianchi su cui narrare storie con tubi fluorescenti, proiezioni architetturali e lampade cinetiche.

Un percorso suggestivo tra neon art, digital animation e sound/light design per celebrare la luce e mettere in scena le “Untaggable Stories”.

“Untaggable Stories” è un progetto di arte urbana che attraverso la luce riflette sul concetto di non taggabilità, inteso come quella particolare condizione in cui non sempre è possibile definire le attitudini individuali, le dimensioni della realtà o  i percorsi innovativi.

Le installazioni artistiche saranno fruibili liberamente nel centro storico di Locorotondo, tutte le sere dal 15 luglio fino al 7 agosto.

GRAND OPENING – Venerdì 15 luglio. Performance fra i balconi e le cummerse del Centro Storico. Con la partecipazione di Sergio Rubini, Violante Placido, Riccardo Scamarcio, Luca De Gennaro, Andy (Bluvertigo), Christina Moser.

La serata di apertura del Locus festival investirà l’intero centro storico di Locorotondo, con una serie di performance su palchi ricavati da elementi architettonici tradizionali del paese: tetti, balconi e scalinate. Una vera e propria introduzione al concept #Audi untaggable lives che caratterizzerà tutto il Locus festival così come le altre iniziative promosse da Audi in Puglia a Luglio: non-taggabile, difficilmente classificabile in quanto cross-mediale, multi-disciplinare, innovativo.

Attori, dj e musicisti celebri per la loro forte personalità ed originalità, si esibiranno in luoghi e modalità non convenzionali, mentre intorno si accenderanno le #Untaggable Stories: le installazioni artistiche di Felice Limosani che rimarranno accese e fruibili liberamente tutte le sere fino al 7 agosto, riempendo il centro storico di Locorotondo ed il Locus festival di nuovi significati e suggestioni. Di seguito il PROGRAMMA della serata.

Ore 22:30 Piazza Vittorio Emanuele: SERGIO RUBINI. Di fame di denaro di passioni – Matteo Salvatore raccontato da Sergio Rubini. Musiche dal vivo: DauniaOrchestra.

Ore 23:30 Piazza Vittorio Emanuele: VIOLANTE PLACIDO — Belvedere via Nardelli: RICCARDO SCAMARCIO e LUCA DE GENNARO — Piazza Dante: ANDY BLUVERTIGO e CHRISTINA MOSER — Largo Bellavista: Q2 Virtual Consolle

Jacob1_m.jpg

Sabato 16 luglio sarà il geniale 22enne Jacob Collier ad inaugurare i grandi live sul main stage del Locus festival, sabato 16 luglio ad INGRESSO LIBERO in piazza Moro a Locorotondo (BA), con uno spettacolo solista caratterizzato da alta innovazione tecnologica ed immenso talento musicale individuale. “Genio assoluto” (Quincy Jones), “Il futuro della musica” (Jazzwise magazine), “il nuovo messia del jazz” (The Guardian)… sono questi i toni con cui Jacob Collier ed il suo one-man-show sono stati accolti sulla scena musicale mondiale.

Nato nel 1994, il polistrumentista e vocalist londinese Jacob Collier è diventato un fenomeno su YouTube: Nei suoi caratteristici videoclip, il talento musicale purissimo e genuino viene evidenziato dalla accattivante tecnica video, che mostra Jacob in un caleidoscopio di inquadrature mentre suona tutti gli strumenti e canta tutte le voci. Il tutto è portato sul palco con uno show innovativo audio visuale, progettato in collaborazione con il MIT (Massachusetts Institute of Technology) di Boston.

La sua formula musicale utilizza elementi di svariati generi, dal jazz al gospel, accapella, soul, improvvisazione… che confluiscono con naturalezza nella “music room” di Jacob Collier. Music Room è infatti il titolo dell’album d’esordio (in uscita il 1 luglio 2016) di questo giovanissimo talento, che ha fra i suoi fans più accaniti gente come Quincy Jones, Herbie Hancock, Pat Metheny, Chick Corea, Take 6… solo per citarne qualcuno!

DJPREMIER_m.jpg

Sabato 23 luglio. Per la XII edizione del Locus festival, nel weekend dedicato alla scena musicale newyorkese, il live set del più grande producer hip hop di sempre: DJ PREMIER sul main stage con la sua band The Badder! INGRESSO LIBERO in piazza Moro a Locorotondo (BA).

Già metà storica del combo rap Gang Starr (con GURU) e attualmente impegnato nel progetto PRhyme con Royce da 5’9’’, PREMIER (all’anagrafe Christopher Martin) è il produttore/dj più importante e influente della scena rap mondiale e ha lavorato con artisti storici come Jay Z, The Notorious B.I.G., Mos Def, M.O.P., Limp Bizkit, Nas, Snoop Dogg e con giovani interessantissimi come Joey Bada$$.

Dall’unione con musicisti già noti nel panorama black, soul e jazz nasce invece “Dj Premier & The Badder”, lo show dal vivo in cui viene affiancato da Takuya Kuroda (sotto contratto con la Blue Note), Mark Williams al trombone, Brady Watts al basso e Lenny “The Ox” Reece alle percussioni. Fiati, batterie, le voci di Notorious B.I.G. e Lil’ Fame, le strumentali per GangStarr, KRS One e Biggie: il live di Preemo, dopo le prime date giapponesi, è diventato richiestissimo nei migliori festival in tutto il mondo.

Dj Premier, ed il trombettista Takuya Kuroda, saranno intervistati in pubblico prima del concerto, in un incontro Locus Focus a cura del celebre scrittore e giornalista newyorkese Ashley Kahn insieme a Nicola Gaeta, con l’ausilio di Antonio Martino come interprete. L’incontro si terrà in piazza Dante dalle 19, ad ingresso libero.

snarky_puppy-185 v2_media.jpg

Domenica 24 luglio. Il secondo prestigioso nome del weekend dedicato alla musica americana, esprime al meglio la politica musicale del Locus, con un approccio moderno alla black music che attraverso il jazz si apre alla globalità della musica: SNARKY PUPPY da New York City, live sul Main Stage del Locus domenica 24 luglio, ingresso libero in piazza Moro a Locorotondo (BA).

Originari del Texas ma oggi di base a New York, SNARKY PUPPY sono un fenomeno musicale che negli ultimi anni è cresciuto rapidamente dall’underground alla ribalta internazionale. Il loro recente album “Family Dinner vol. 2” esprime pienamente il loro approccio collettivo al jazz che si apre ad un vastissimo raggio stilistico, con una quantità e varietà impressionante di collaborazioni illustri tra cui: Susana Baca, Charlie Hunter, Salif Keita, Laura Mvula, David Crosby… e molti altri.

L’undicesimo album di Snarky Puppy, intitolato CULCHA VULCHA, esce il 29 aprile e rappresenta il primo album in studio dopo 8 anni di produzioni realizzate dal vivo. Un viaggio senza precedenti tra suoni, generi e culture, in perfetta sintonia con lo spirito del Locus festival! Prima del concerto, alle 19 in piazza Dante, il giornalista americano Ashley Kahn condurrà un particolare incontro della serie Locus Focus: il direttore musicale e fondatore di Snarky Puppy, il bassista Michael League, verrà coinvolto in un simpatico “blindfold test”: ascoltando dei brani musicali di cui non gli verrà rivelata l’origine, dovrà indovinarne gli autori, in un gioco musicale finalizzato a stimolare interessanti discussioni sulla musica.

Andreya 2_905_m.jpg

Sabato 30 luglio. Con la splendida voce di Andreya Triana, che presenta il suo nuovissimo secondo album “Giants”, e con il giovane talento soul Jordan Rakei, si apre il weekend del Locus festival dedicato alla scena musicale inglese contemporanea. Sabato 30 luglio sul main stage in piazza Moro a Locorotondo, ingresso libero.

Andreya Triana è una delle cantanti britanniche più interessanti nel panorama soul, folk, jazz, talmente interessante da essere stata scelta da Bonobo, autentico guru della scena musicale londinese, ed uno dei dj di riferimento per l’elettronica e il trip hop a livello mondiale. Dopo questa collaborazione Andreya ha realizzato per la Ninja Tune – la stessa etichetta che produce Bonobo – il primo album “Lost Where I Belong”. Il secondo album “Giants” è arrivato nel 2015, sempre prodotto da Ninja Tune e pubblicato da Counter Records.

Ma Andreya è anche e soprattutto valorizzata al massimo nei live: nel curriculum ci sono partecipazioni a importanti festival jazz (North Sea Jazz), oltre al festival britannico per antonomasia, quello di Glanstonbury. Talento freschissimo ed emergente quello di Jordan Rakei, giovane musicista, produttore, cantante ed autore con un approccio moderno al jazz, al soul ed all’hip hop. Originario di Brisbane in Australia, poco dopo il suo arrivo in UK ha cominciato ad emergere sulla scena british, con il supporto entusiasta di un talent scout come Gilles Peterson.

Submotion-Orchestra-Trust-Lust-Alium-European-Uk-Tour.jpeg.jpg

Domenica 31 luglio. Sin dalla loro formazione nel 2009 a Leeds, i Submotion Orchestra si sono conquistati un posto speciale nel sempre mutevole panorama musicale inglese. La loro fusione di bassi potenti, elettronica, jazz, soul e molto altro insieme, ha fatto amare questa band di 7 elementi sia dal grande pubblico che da autorevoli intenditori come Gilles Peterson, Trevor Nelson o Jo Whiley. Il loro live show è di casa nei più importanti festival del mondo ed in club rinomati come il celebre Koko a Londra. Il loro terzo album intitolato “Alium” (Ninjatune, Counter records) esprime pienamente il mood “espansivo” di questa band capace di muoversi con grande naturalezza tra suoni elettronici ed acustici, mentre la voce di Ruby Wood raggiunge sempre nuove dimensioni emozionali.

the-new-indies-kamasi-washington_media.jpg

Il giovane cantante e rapper Jelani Blackman è un astro nascente espresso dalla scena londinese attuale. Emerso nel 2014 con singoli di grande impatto innovativo come “Twenty” e la collaborazione con Brian Eno in “Layer”, a continuato a produrre tracce consistenti lungo tutto il 2015 con la sua accattivante fusione di soul, rap e bass music. Sicuramente “the next big thing”. Per tutti questi motivi ed altri ancora, domenica 31 luglio 2016 siamo felici di avere Submotion Orchestra e Jelani Blackman sul main stage del Locus festival, ingresso libero in piazza Moro a Locorotondo!

floating_points-1855_media.jpg

Venerdì 5 agosto. Il giovane neuroscienziato inglese Sam Sheperd, ai più conosciuto con il nome di Floating Points, si è affermato nella scena elettronica internazionale con un suono estremamente personale e intrigante.

Ormai diventato sinonimo di qualità, il suo è tra i nomi più richiesti nei club e nei festival più influenti d’Europa, e non solo.

Al Locus festival presenterà il suo particolarissimo live set, accompagnato da un folto ensemble di musicisti. Sul main stage in piazza Aldo Moro a Locorotondo (BA).

INGRESSO LIBERO – FREE EVENT

Sabato 6 agosto. Un ospite molto desiderato e atteso al Locus festival, un icona cult della club culture più pura, dell’elettronica che attinge a pieno alle radici black dell’house e della techno: il dj e producer americano THEO PARRISH per Locus Future Dance, il 6 agosto 2016 al Mavù Club. Il suo sound è contagioso e allo stesso tempo spirituale: la musica (prodotta dalla sua label “Sound Signature”) e i suoi re-edits old disco, funk e soul sono unici e rendono i suoi set in tutto il mondo all’avanguardia e assolutamente non relegati ad una sola proposta musicale, continuando ad attirare l’attenzione e ad aumentare il rispetto di DJ’s, producers, ascoltatori worldwide.

BIGLIETTI (posto unico – no sedie) In prevendita: € 16 + 2 (diritti prevendita).

Al botteghino: € 20 – Prevendita disponibile nel circuito bookingshow.it

Sabato 27 agosto. Tormaresca presenta: Space is the place Night, feat. KAMASI WASHINGTON live at Locus festival 2016.

Il suo album “The Epic” è considerato uno tra i migliori album del 2015, ed ha un’immagine di copertina ispirata fortemente all’iconografia di Sun Ra. Non poteva quindi mancare nel Locus festival di quest’anno, questo sassofonista e compositore fondamentale nel cerchio magico della black music americana d’avanguardia attuale.

Kamasi Washington supera i confini del jazz. “Non si può definire un genere. La musica è altro: qualcosa che hai dentro la testa, nel cuore”.

Evento speciale conclusivo del Locus festival, ispirato a Sun Ra: Space is the place Night! In collaborazione con Tormaresca, sponsor fornitore della linea di Vini ufficiali Locus 2016.

c/o Mavù Club, contrada Mavugliola, S.P. Locorotondo – Cisternino.

BIGLIETTI (posto unico – no sedie) In prevendita: € 16 + 2 (diritti prevendita). Al botteghino: € 20 — Prevendita disponibile nel circuito bookingshow.it

L’App ufficiale dell’evento: un’esperienza interattiva a 360° lunga 365 giorni. Locus Festival è l’App ufficiale dell’evento. A cura di Arte Amica Società Cooperativa. Da quest’anno gli utenti della manifestazione hanno a disposizione uno strumento innovativo, versatile e completo, pensato per accrescere l’esperienza del Festival e raccontare il territorio di Locorotondo. Per la prima volta, all’interno di un’App dedicata ad un Festival, sono disponibili Video a 360° e contenuti in Realtà Aumentata.

In particolare, con la feature AR l’utente può interagire con il merchandising della manifestazione: attivando la funzione e inquadrando i target predefiniti (Logo Locus), sul display del dispositivo appare un modello 3D da condividere sul proprio profilo Facebook (maglietta bianca=pianeta con orbite; maglietta verde=logo Locus 3D in movimento; maglietta nera=costellazione in movimento).

L’App Locus Festival propone un modo nuovo di fruire l’evento, più stimolante, più interattivo, più coinvolgente che rende l’utente protagonista. L’App, multipiattaforma (iOS e Android) e multilingua (italiano e inglese), accompagna l’utente attraverso il Festival e i suoi luoghi offrendogli informazioni utili e sorprese.

Il Locus è partito da una dimensione locale nel 2005, nel piccolo e accogliente centro storico circolare di Locorotondo, ma subito con una evidente ispirazione globale sviluppata con amore e dedizione lungo questi anni. Tutto nel Locus, dal nome stesso, al logo, al cartellone artistico ed al contesto territoriale è “glocal”: nella valorizzazione del luogo si apre alla globalità artistica, al turismo consapevole, al superamento dei confini geografici, anagrafici, economici, stilistici.

Rispondi