GAZOLDO D/IPPOLITI – ALL’ASSOCIAZIONE POSTUMIA TORNANO GLI APPUNTAMENTI CON L’ARTE, LA SCRITTURA e LA MUSICA

FOTOGRAFIA.jpg

Domenica 3 settembre alle 16,30 all’Associazione Postumia di Gazoldo degli Ippoliti (piazzetta Postumia 2), inaugurazione della mostra L’IMMAGINE FOTOGRAFICA Le “macchine” di Piergiorgio Innaciotti, Storia ed evoluzione della fotografia e dell’apparecchio fotografico – presentano Francesca Paoletti della Fototeca del Centro Baratta e Giovanni Fortunati, con il patrocinio del Comune di Porto Mantovano.

«Sono nato, poco prima della seconda guerra mondiale, in Piemonte, in Valsesia ai piedi del Monte Rosa. Figlio di operai, il diploma di perito elettrotecnico l’ho conquistato con viaggi quotidiani in treno a Novara, dall’alba al tramonto inoltrato. Alternavo negli anni Cinquanta la frequenza dell’oratorio parrocchiale con la conquista di vette alpine.  In quel periodo è nata anche la passione per la fotografia, con la prima Comet Bencini a 14 anni per documentare le mie ascensioni. Dopo il diploma mi attendeva subito la Cartiera Burgo, dove lavoravano papà, mamma e tanti zii e cugini. Nel 1962 mi trasferisco a Mantova come assistente di fabbricazione della nuova cartiera progettata da Nervi. Sposo Adriana nel 1965; arrivano due diletti figli, Andrea e Francesco, bravi negli studi e negli affetti; la vita è un turbillon di interessi, tra i quali naturalmente la fotografia, con prestigiose nuove macchine (l’Exakta fra tutte), il laboratorio di stampa, i primi pezzi da collezione… Dedico questa mostra ad una donna eccezionale, Adriana, la moglie e l’artista, che mi ha lasciato tre anni fa… >>

STEFANO SANTI.jpg

Inaugurazione della mostra di pittura I LUOGHI RITROVATI – La poesia dell’abbandono di Stefano Santi. Presentano Paola Artorini, storica dell’arte dell’Università degli Studi di Verona, e Vito Magnanini, fotografo.

«Il mio lavoro è il frutto di un’osservazione ostinata dei territori in cui vivo, luoghi che conosco bene e che posso trasporre cogliendone l’anima. Studio il soggetto attraverso foto e decine di disegni preparatori… Mi affascina l’effetto che produce la luce sui muri delle case, che esalta il pieno e il vuoto, il contrasto tra il vecchio e il nuovo….>>
STEFANO SANTI è architetto in Castel Goffredo.

Massimo Maria Tucci presenta “La porta dell’inferno” e “Silenzio, sfila la morte” INDIES g&a editore due “noir” metropolitani ambientati nella “satanica” Torino
MARIO MADELLA dialoga con l’autore

Massimo  Tucci, ex magistrato tributario, è professore universitario e avvocato internazionalista. Ha girato il mondo ricavandone la convinzione che i sentimenti dell’uomo, buoni o cattivi, sono uguali a qualsiasi latitudine. È autore, tra l’altro, di numerosi testi scientifici. Il ricavato della vendita dei libri verrà devoluto a due associazioni umanitarie: la Fondazione Maria Bonino di Biella e la “Debra Italia” per la ricerca sull’Epidermolisi Bollosa.

sisto-palombella.jpg

Sisto palombella e la sua magica fisarmonica in  “Sisto e la piccola musa, ovvero la musette”. Accompagnerà musicalmente tutti gli eventi della grande giornata di riapertura della sede sociale.

Sisto Palombella, nativo di Molfetta, dal 1999 è residente a Sorbara di Asola. Protagonista in prestigiosi festival di musica etnica in Italia e all’estero è stato il primo in Italia a laurearsi al DAMS con una tesi sui musicisti di strada (relatori Gino Stefani e Roberto Leydi).


 

Annunci

Rispondi