CASTELLUCCHIO – MOSTRA SUI BRIGANTI E POVERI DIAVOLI e RIEVOCAZIONE STORICA MEDIEVALE

Pieghevole mostra copia

In occasione della fiera annuale di Castellucchio, domenica 1° ottobre si terrà una RIEVOCAZIONE STORICA MEDIEVALE a cura della sala d’Arme Probasti Domine e l’inaugurazione di una mostra esclusiva del Museo della Armi Antiche “Fosco Baboni” presso la Torre Civica (piazza Pasotti) dal titolo “BRIGANTI, BRACCONIERI E POVERI DIAVOLI”, organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Castellucchio e dal Conservatore del Museo Ing. Alberto Riccadonna e in collaborazione con la Pro Loco.

Un passo indietro nella storia, quando la povertà era la norma per una gran parte della gente che popolava le nostre campagne e riuscire a mettere in tavola abbastanza cibo per tutta la famiglia era un esercizio non da poco…

Un tempo, nelle zone della “bassa” erano frequenti le guerre, che vedevano il passaggio
di eserciti di tutti i generi: francesi, austriaci, piemontesi ed in alcuni casi toscani, papalini e pure napoletani. Più vicino a noi, tedeschi, inglesi edamericani…

Questo, per il territorio, significava prelievi forzosi di grano, fieno, derrate alimentari ed animali per rifornire le truppe. Per gli abitanti era invece povertà, sacrificio e fame.

TORRE CIVICA.jpg

Questa mostra – spiegano gli organizzatori – vuole presentare uno degli aspetti derivanti da queste situazioni, esponendo al pubblico le armi, trasformate alla bell’e meglio in strumenti adatti alla caccia dopo essere state recuperate sui campi di battaglia nel periodo storico che va dal Risorgimento sino alla Seconda Guerra Mondiale. Questi reperti, disdegnati dai collezionisti e tenuti in scarsa o nulla considerazione, sono invece lo specchio di un’epoca che è finita forse non più di 50 anni fa. Buona parte delle armi in mostra sono state salvate dalla distruzione ed acquisite dal Museo F. Baboni in questi ultimi anni. Per usarle per scopi di caccia sono state profondamente trasformate al punto da rendere difficile capire da quale modello originale derivino. Per questo, nelle teche, quando è stato possibile, si è posto al loro fianco anche l’esemplare di fucile nelle condizioni “originali” . Tra i pezzi più significativi sono da notare un trombone “scavezzo” (col calcio pieghevole, incernierato per meglio nasconderlo sotto al tabarro) della seconda metà del ‘700 ed un Mauser del 1940 adattato per cacciare… i passeri.”

La mostra rimarrà aperta fino al 30 ottobre 2017 con il seguente orario di apertura: tutte le domeniche dalle 9 alle 12. Domenica 1° ottobre apertura straordinaria pomeridiana dalle 14,30 alle 18,30. SU PRENOTAZIONE tel.0376.4343223 il mercoledì e il sabato. INGRESSO: gratuito

Alle 16.00 presso la sala Consiliare del Comune di Castellucchio (piazza Pasotti 23), conferenza sul fenomeno storico del banditismo nella “bassa” tratta dal libro in fase di pubblicazione tenuta dai coautori:  Daniela MassaValter Bolzoni di Cortemaggiore (PC), entrambi con  l’hobby delle ricerche storiche e della scrittura.

Il prof. Bolzoni diplomato al conservatorio di Piacenza insegna musica alle scuole medie ed è il direttore della Banda di Pontenure (PC).

Daniela Massa laureata in giurisprudenza a Genova, città natale, dora la Bassa che reputa una filosofia di vita ed ha la passione per l’investigazione storica.

Il romanzo storico si intitolerà Cich-Ciach, il soprannome del bandito che imperversava nel Piacentino, così chiamato per la velocità con la quale sparava.

 PROGRAMMA

Ore 9:00/12:30 apertura mercato degli antichi mestieri e banchi didattici, libero accesso al pubblico
Ore 15:00 inizio primo percorso del cavaliere
Ore 16:00 lezione di scherma per bambini
Ore 17:00 esibizione di scherma storica a cura della sala d’Arme Probasti Domine di Mantova
Ore 18:00 percorso del cavaliere
Ore 19:00 lezione di scherma per bambini
Banchi didattici: speziale, fusione del peltro e realizzazione di oggetti in peltro,
cuoiaio, barattiere (giochi di scaltrizia e di “azzardo” medievali), scriptorium,
tessitura.

(G.B.)

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.