A RIVALTA SUL MINCIO STANNO TERMINANDO LE RIPRESE DI “CANTO DI NATALE”

Con il “Canto di Natale” il cineoperatore Massimo Gallesi torna dietro la macchina da presa per la realizzazione del suo sesto film. Nei giorni scorsi, infatti, l’appassionato del ciak ha realizzato a Fondo Mincio di Rivalta sul Mincio, contesto unico per il paesaggio che sa esprimere in molti suoi angoli, le riprese del nuovo lungometraggio che propone la rielaborazione di uno dei più noti romanzi di Charles Dickens.

Gruppo attori.jpg

Il progetto artistico nel suo complesso è stato ideato e curato dalle responsabili dell’associazione culturale “Il vaso di Pandora” di Rodigo che ha affidato la regia del film a Daniela Gilli che inoltre, si occupa della sceneggiatura e della scelta dei costumi di scena.

Altro elemento che contribuirà sicuramente a rendere ancor più coinvolgente ogni momento della storia è dettato dal fatto che Gilli e Gallesi hanno puntato sulla scelta tecnica del bianco e nero. Formula, questa, che ancora oggi mantiene un fascino del tutto particolare tra gli appassionati della cinematografia, tanto amatoriale quanto professionistica, in quanto riesce ad esprimere con maggior forza ed intensità le atmosfere che si creano fotogramma dopo fotogramma.

BAMBINO.jpg

Parlando del cast da sottolineare che tra i personaggi principali vi è l’attore di teatro e responsabile di una casa di doppiaggio a Milano, Guido Rutta.

Al suo fianco recitano anche molti attori dilettanti tra i quali Paolo Tomaselli, Marino Gilli, Iurica Sassi e Luigi Mezzena.

Un storia quella narrata in “Canto di Natale” che, abilmente adattata da Daniela Gilli per esaltare alcuni particolari del territorio virgiliano, nello specifico il borgo rivierasco rivaltese, oltre a personaggi tipici locali, trasformerà il paesaggio mantovano e alcuni suoi angoli più caratteristici nella Londra di metà ’800.

Barcaioli.jpg

Ad esempio, nei giorni scorsi la troupe guidata da Massimo Gallesi ha realizzato alcune scene della storia trasformando il corso del Mincio che lambisce appunto Fondo Mincio e il porticciolo esistente in questa zona, in quel Tamigi che l’autore inglese ha descritto con grande intensità emotiva.

A favorire il lavoro degli attori e dei tecnici è stata anche la condizione atmosferica dove un sottile filo di nebbia ha reso il tutto ancor più affascinante.

Ripresa

Per completare il lavoro ora la troupe sposterà la propria attenzione su un altro borgo assai affascinante ovvero quello collinare di Castellare Lagusello e sul centro storico di Rodigo dove verrà realizzata la fase dedicata agli “esterni”. Gli interni, invece, sono già stati registrati tutti; una parte di questi Gallesi li ha realizzati nelle sale di Villa Balestra a Rodigo e grazie alla collaborazione instaurata con il compaesano Davide Donegà che ha messo a disposizione la propria abitazione in quanto ben si coniugava con le esigenze scenografiche.

RAGAZZA.jpg

CANTO DI NATALE patrocinato dal Comune di Rodigo, verrà proiettato in anteprima a Villa Balestra di Rodigo il 7 gennaio 2018 e successivamente al teatro SOMS di Castellucchio e in altre sale polivalenti della provincia mantovana.

di Paolo Biondo – (Foto di Piero Cazzoli)

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.