MERCURIO LOI: LA SOMIGLIANZA CON UNA SCIMMIA. In fumetteria e libreria dal 24 gennaio

mercurio loi scimmia

Quante somiglianze possono esserci tra una scimmia che arriva dall’Africa e il nostro professor Loi?

“Se vogliamo trattarlo come noi, allora deve seguirci in tutte le nostre abitudini, anche le più assurde… come quella di girare vestiti!”

Può una scimmia, educata come se fosse un essere umano, adattarsi a vivere nel nostro ambiente?

È questo l’esperimento che vede coinvolto il professor Loi nel nono episodio della serie che, proprio a partire da gennaio 2018, arriverà in edicola con cadenza bimestrale.

cattura.JPG

Il nostro Mercurio viene così ospitato dall’amico Giacomo, un biologo che sta conducendo degli studi su una scimmia con la collaborazione della figlia Enrica, donna intelligente, affascinante, libera e anche…. agilissima! Del resto, secondo Giacomo la scimmia potrebbe essere niente poco di meno che il primo anello evolutivo della razza umana!

ricerca.JPG

Mercurio Loi. La somiglianza con una scimmia è un numero appassionante e bizzarro, con disegni di Andrea Borgioli, copertina di Manuele Fior e colori di Francesca Piscitelli. Protagonista della penna di Alessandro Bilotta è in questo caso Dioniso, il primate che viene cresciuto ed educato come un essere umano. Per Mercurio c’è spazio per dare sfogo alla propria curiosità e alla passione per Enrica, ma anche per specchiarsi nella singolare somiglianza fra lui e lo strano coinquilino di quella casa che, peraltro, ha una passione sorprendente: quella per i pennelli e per il disegno, proprio come la scimmia protagonista di un quadro di Chardin e di una caricatura di Grandville. E proprio un illustratore speciale, quel Rodolphe Töpffer considerato uno dei fondatori del fumetto, ha mostrato a Enrica dei racconti composti per immagini che potrebbero finalmente aiutarla a comunicare con Dioniso…

Perché l’Africa è certo un mondo sorprendente, ma anche Roma promette (e mantiene) meraviglie…

passione.JPG

Mercurio Loi è nato due anni fa tra le pagine delle Storie, grazie alla penna dello scrittore romano Alessandro Bilotta. Ma quel numero solo gli stava troppo stretto e per il suo autore è stato inevitabile seguire il professore per altre avventure, a passeggio tra le nuove pagine che andava via via a visitare. Un po’ Sherlock Holmes, un po’ Dr House, Mercurio Loi è un gentiluomo brillante e ironico, un dandy che percorre senza meta precisa le vie della città eterna come un flâneur ante litteram, per dirla con Baudelaire. È un osservatore attento, il professor Loi, e con la sua irrefrenabile curiosità finisce costantemente per essere coinvolto in vicende misteriose, macchinazioni diaboliche, società segrete e persino… fantasmi.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.