SAN BENEDETTO PO – FESTIVAL LA FIUMA: MARIONETTE E BURATTINI TORNANO IN RIVA AL PO

La magia dei burattini, le suggestioni del teatro delle ombre, l’incantesimo di oggetti e pupazzi animati, l’arte delle marionette e l’energia del Teatro di Figura sono i protagonisti di un imperdibile weekend in uno dei borghi più belli d’Italia.

FESTIVAL LA FIUMA.JPG

La splendida cornice del complesso monastico benedettino di Polirone ospita per il terzo anno consecutivo un appuntamento da non mancare per grandi e piccini, per chi vuole divertirsi e emozionarsi grazie all’arte di maestri burattinai e attori. Sabato 26 e domenica 27 maggio le piazze, i chiostri, le sale e gli spazi del monastero ospiteranno spettacoli per tutte le età che riporteranno questa mai sorpassata forma di intrattenimento alla portata di tutti.

Il festival è organizzato dal Comune di San Benedetto Po, con il coordinamento di Pantacon, la direzione artistica del maestro burattinaio Giorgio Gabrielli, e il supporto fondamentale del Museo civico Polironiano. Per accontentare il gusto di tutti il programma del 2018 vedrà alternarsi artisti che praticano tecniche differenti: dalle marionette a filo del Teatro del Molino (Brasile) ai pupazzi animati del Teatrino a due pollici (Bologna), dai burattini tradizionali del Teatro del Corvo (Milano) ai maestri della tradizione del Teatro del Drago (Ravenna), dall’attrice e burattinaia Lucia Schierano (Padova) allo spettacolo intimo dei burattini di Luciano Gottardi (Trento), dalle figure animate di Oltreilponte Teatro (Torino), al padrone di casa Giorgio Gabrielli.

E’ così anche quest’anno San Benedetto Po si conferma come centro culturale propulsivo per l’intero Oltrepò Mantovano, sempre più orientato alla valorizzazione delle collezioni del Museo civico Polironiano, teatro magnifico di storia illustre e perfetto sfondo per rinverdire la tradizione del teatro di figura: per l’occasione il museo inaugura la mostra temporanea “Tutti in baracca” con fondali, teatrini e baracche curata da La Casa del Burattinaio di Giorgio Gabrielli.

Tutti gli eventi sono gratuiti.

PROGRAMMA

 Sabato 26 maggio 

  • ore 9.00-12.00 – Scriptorium Museo civico Polironiano LA MANO PARLANTE – laboratori delle classi IV della scuola primaria

Si conclude con la messa in scena nel gran Teatro dei Burattini del Museo l’esperienza del laboratorio dedicato al teatro di figura per i bambini delle scuole locali: dalla costruzione del burattino alla sceneggiatura all’animazione in baracca.

  • ore 17.00 – Piazza Matilde di Canossa LUCIA SCHIERANO  – Una allegra arlecchinata

Spettacolo dove Arlecchino alle prese con la sua atavica fame, coinvolge il pubblico con la sua goffaggine e lo fa diventare subito protagonista. Incontra la bella Colombina e dopo essersi dichiarato la salva dal Mostro Puzzone meritandosi un bacio che lo farà svenire. Tra le bastonate e gli equivoci, per grandi e piccini il divertimento è assicurato.

  • ore 18.00 – Sala Consigliare chiostro dei Secolari TEATRINO A DUE POLLICI  – La zuppa di sasso

Lo spettacolo, liberamente tratto dall’omonima fiaba popolare vuole mettere in risalto, attraverso l’utilizzo di grandi animali in stoffa, come la semplice condivisione di un piatto di  minestra possa permettere di valicare le barriere della diffidenza, del pregiudizio e dell’individualismo, facendo incontrare sconosciuti o acerrimi nemici.

  • ore 19.00 – Piazza Teofilo Folengo TEATRO DEL MOLINO  – Storie d’ incantesimo

Spettacolo di teatro di marionette, dove il gioco e la poesia sono gli ingredienti principali. Un insieme di piccole storie che propone  un dialogo muto dove la parola è sostituita dalla musica e dal movimento. Storie come quella di un ragazzino e il suo aquilone, di un cavallo che conquista la sua libertà sono alcuni temi di questo spettacolo.

GiorgioGabrielli

  • ore 21.30 – Piazza Matilde di Canossa GIORGIO GABRIELLI – Legno, diavoli e vecchiette

Dopo tanti anni passati viaggiando e facendo spettacolo con una piccola baracca montata sulle spalle e due burattini il saltimbanco si ferma a ricordare e a raccontare la sua storia. Alcuni dei soggetti più bizzarri costruiti in giro per il mondo diventano i suoi nuovi personaggi con i quali ha montato uno spettacolo. Narra del suo percorso dall’inizio ad oggi, da quando proprio come Geppetto ha pensato di costruirsi una marionetta che gli permettesse di andarsene in giro per il mondo guadagnando un pezzo di pane e un bicchiere di vino.

Domenica 27 maggio

  • ore 16.00 – Piazza Teofilo Folengo TEATRO DEL CORVO  – Macedonia

L’amicizia, la sfida, l’amore, la rabbia, l’astuzia e la paura: questi sentimenti che si trovano alla base dello spettacolo “Macedonia”: un insieme di storie brevi che a partire da una danza tra Pulcinella e Teresina ci conduce a un esilarante duetto tra papere per poi arrivare a una tigre soggetta a crisi di identità fino ad incontrare Gelindo, un buffo animale di razza indefinita che, grazie alla sua elasticità, può cambiare forma a piacimento.

  • dalle ore 17.00 – Piazza Teofilo Folengo I BURATTINI DI LUCIANO GOTTARDI  – Do the right thing ep.1

Il pubblico entra in una piccola tenda rotonda. Solo poche persone alla volta. Cala il buio profondo. Le luci illuminano debolmente la scena. Le musiche e i rumori introducono gli spettatori nel mondo incantato dei pupazzi ed inizia il sogno, la poetica visione di un breve spettacolo (6′ circa) che racconta frammenti di vita quotidiana, ipotetiche visioni dell’uomo, sguardi sul sé e sull’altro. Lo spettacolo si replica fino alle 19.00.

  • ore 18.00 – Sala Consigliare chiostro dei Secolari OLTREILPONTE TEATRO  – Il Principe Bestia

Da una novella popolare italiana del 1500, la storia di un principe che, per un incantesimo pronunciato da tre fate, invece di nascere come tutti gli altri bambini, viene al mondo sotto forma di porcello, il cui unico desiderio è rotolarsi nel letame. Tornerà umano solo dopo che avrà ricevuto il bacio di una sposa. In scena un narratore che, circondato da pupazzi e figure, restituisce vita a un racconto antico che ruota attorno a un tema sempre attuale: l’essere sé stessi nonostante le apparenze.

  • ore 19.00 – Piazza Matilde di Canossa TEATRO DEL DRAGO – Il rapimento del Principe Carlo

Spettacolo di burattini tradizionali emiliano-romagnoli dalla trama molto semplice, proviene da un vecchio canovaccio della metà dell’800. La storia inizia alla reggia di un vecchio Re a cui è stato rapito il figlio. Viene dato ordine ai servi e ai soldati di andare a cercare il Principe Carlo in tutte le terre del regno; alla ricerca parte anche Fagiolino aiutato dai consigli della vecchia Fata Circe. Presto lo trova nel bosco della Rogna nelle mani del terribile e potente brigante Spaccateste e del suo gigante. Fagiolino dopo un lungo duello bastona senza pietà i cattivi e riporta sano e salvo il Principe Carlo a suo padre il Re. In onore di Fagiolino sarà fatta una grande festa.

Nel corso delle due giornate saranno presenti alcuni artisti di strada ad animare ulteriormente le piazze cittadine.

LUCIA SCHIERANO (PD) Attrice padovana di cinema, teatro e televisione. Forte personalità e carriera poco convenzionale, scopre il teatro a 23 anni a Torino presso l’Accademia d’Arte Drammatica di Carla Pescarmona. Frequenta La Bottega di Vittorio Gassman, a Padova l’Accademia d’Arte Drammatica diretta da Arnoldo Foà, a Venezia invece il Corso di Formazione Professionale organizzato dal Teatro Stabile del Veneto. Negli anni ha maturato molteplici esperienze affrontando i diversi generi teatrali. Dal 2004 porta in scena monologhi che vanno dal comico al drammatico. Da 10 anni inoltre, fa riviere l’antica arte dei burattini mettendo in atto le sue capacità di mimo e trasformista.

TEATRINO A DUE POLLICI (BO) La compagnia TEATRINO A DUE POLLICI nasce nel 2005 a Napoli grazie all’incontro di  Valentina Paolini (burattinaia) e Roberto Vacca (musicista). Nel 2009 si trasferisce a Bologna dove fonda il Teatro-Atelier di Piazza dei Colori, luogo in cui vengono rappresentati spettacoli e attivati laboratori sulle diverse forme del teatro di figura. Il repertorio spazia dalle forme tradizionali dei burattini a guanto e delle marionette a tavoletta fino ad allestimenti con pupazzi, ombre e marionette ispirati ad albi illustrati e narrativa contemporanea.

TEATRO DEL MOLINO Eduardo Lopes è nato in Brasile e vive e lavora in Italia dal 1994. Si è formato professionalmente al “Centro Animaçoes” di Cutitiba (Parana), partecipando come attore, manipolatore e creatore di pupazzi e spettacoli con varie tecniche dal 1987 al 1993. In questo periodo ha lavorato in teatri, Festival e scuole rappresentando i suoi spettacoli e conducendo laboratori di costruzione e animazione di marionette e burattini. Nel 1994 si è trasferito in Italia. Dice: “i risultati degli spettacoli che allestisco sono molto plastici e a volte poetici, e dopo tanto tempo che ci lavoro questo potrebbe definirsi come la mia caratteristica essenziale. Presento i miei spettacoli ovunque e cerco di portarli in posti sempre diversi perché l’artista deve andare dove c’è la gente!”

GIORGIO GABRIELLI (MN) Giorgio Gabrielli ha una trentennale esperienza nelle varie tecniche di co­struzione, ideazione e realizzazione di spettacoli di Teatro di Figura. Tra le sue produzioni vi sono spettacoli di marionette, burattini, ombre di narra­zione e di tecniche miste, rivolti ad adulti e bambini. Nel settembre 2015, grazie alla collaborazione con il Museo civico Polironiano, di San Benedetto Po, fonda “la Casa del burattinaio” uno spazio adibito a laboratorio/teatro e un atelier espositivo dove è possibile vedere il suo lavoro ed assistere a spettacoli e visite guidate.  Gabrielli è anche consulente del museo per la collezione di marionette e burattini nonchè direttore artistico delle varie iniziative di teatro di figura.

TEATRO DEL CORVO (MI) Il Teatro del Corvo ha base a Milano, dove si è formato nel 1992. Predilige il pubblico delle strade e delle piazze, ma si trova a suo agio anche in teatri, scuole, biblioteche, cortili, boschi e in qualsiasi altro posto sia possibile piazzare un teatrino, suonare e, se possibile, camminare sui trampoli. Damiano Giambelli si è diplomato in Scenografia presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, Milano, con una tesi sul lavoro del burattinaio, “Dentro e fuori la baracca” per poi avvicinarsi al teatro di animazione dopo l’incontro con il burattinaio Albert Bagno nel 1980. Ha collaborato con diversi gruppi teatrali come scenografo, tecnico, burattinaio e musicista. Dal 1991 collabora con il Bread and Puppet Theater,lo storico gruppo statunitense famoso per l’impiego di pupazzi di ogni dimensione, alla cui attività partecipa a tutt’oggi, lavorando in spettacoli, tourneè internazionali e laboratori.

I BURATTINI DI LUCIANO GOTTARDI (TN) La compagnia “I Burattini” di Luciano Gottardi è attiva dal 1992 ed ha realizzato numerosi allestimenti di spettacoli di burattini tradizionali. All’attività di spettacolo Luciano Gottardi alterna l’attività didattica nelle scuole e nei corsi di aggiornamento per insegnanti. Nel 2005 ha realizzato, in collaborazione con il Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina di San Michele all’Adige, lo spettacolo di narrazione con pupazzi “Fiabe e Leggende delle Dolomiti”. Nel 2008 ha allestito lo spettacolo “Le Dita di Fuoco” tratto dall’omonima raccolta di fiabe di Giuseppe Šebesta, realizzando le copie dei pupazzi originali ed ha messo in scena “Truffaldino e il dottor Faust” da un inedito copione per burattini di Tullio Kezich. Con questo spettacolo la compagnia è stata invitata al World Festival of Puppet Art che si è svolto a Praga nel maggio 2009 dove Luciano Gottardi è stato premiato come “Best Actor”.

OLTREILPONTE TEATRO (TO) Oltreilponte Teatro è una compagnia teatrale fondata a Torino nel 2004 che nasce dall’incontro tra teatro d’attore e teatro di figura, secondo un percorso di confronto e contaminazione reciproca. Ricorrendo infatti alla tecnica dell’animazione a vista si tenta di svincolare il burattino dalle forme tradizionali, alla ricerca di particolari drammaturgie che permettano una sempre diversa fusione di attore e figura. Fondatore e direttore artistico è Beppe Rizzo, attore, musicista e drammaturgo piemontese che, dopo un lavoro intrapreso nel 1999, crea una rete di collaborazioni che danno vita a un modo nuovo di pensare al ruolo dei burattini e delle figure nel linguaggio teatrale, assieme a nuove possibilità espressive nella costruzione delle figure. Il nome Oltreilponte è ispirato all’omonimo canto partigiano scritto da Italo Calvino nel 1958 e musicato da Sergio Liberovici.

TEATRO DEL DRAGO (RA) Teatro del Drago è la compagnia di una delle più antiche Famiglie d’Arte di spettacolo attiva nel settore dei burattini e delle marionette dalla prima metà del XIX secolo: la Famiglia Monticelli. Infatti i fratelli Mauro e Andrea (gli attuali Direttori Artistici), rappresentano la quinta generazione, proseguendo un filone artistico basato sul linguaggio del teatro di figura sia tradizionale (burattini in baracca) che contemporaneo (pupazzi,ombre, animazione a vista). La compagnia è riconosciuta e sovvenzionata dal Ministero dei Beni e delle Attivita’ Culturali e dalla Regione Emilia-Romagna per la produzione e promozione sul Teatro di Figura. Nel corso di 34 anni di attività sono stati prodotti 30 spettacoli rappresentati all’estero nei più importanti festival del settore.

programma -fiuma2 copia.jpg

Durante l’intera giornata ci saranno stand gastronomici.

In caso di maltempo gli eventi si svolgeranno negli spazi coperti del monastero Polironiano  

Informazioni e programma: www.museocivicopolironiano.it; www.pantacon.it; Tel. INFO POINT San Benedetto Po (MN) 0376 623036

 

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.