SUZZARA – “ESPANSIONI”, LE GALASSIE di ELIO TERRENI alla GALLERIA DEL PREMIO SUZZARA

10 – 24 GIUGNO 2018

DOMENICA 10 GIUGNO alle 10:30 nella Sala Arti 48 della Galleria del Premio Suzzara, (Via Guido 48/a), SUZZARA (MN) si inaugura la mostra personale di Elio Terreni dal titolo “ESPANSIONI”. Presentazione a cura del critico d’arte Gianfranco Ferlisi.

ELIO TERRENI - ESPANSIONI

Nella presentazione di Gianfranco Ferlisi – “Elio Terreni è l’abitante speciale di un paese la cui densità culturale, in uno spazio relativamente circoscritto, ha pochi paragoni al mondo. È un alfiere del nostro policentrismo consapevole, espressione di una realtà multiforme abitata da artisti, poeti, storici dell’arte, direttori di musei, studiosi, creativi di paesaggio, originali ed eccentrici per vocazione. È un abitante esemplare della miriade di periferie che compongono una capillare rete estetica e produttiva.Ma oggi, nel villaggio globale, ha ancora senso parlare di centro e periferie? Forse no, ma esiste, indiscutibilmente, un nucleo misterioso dal quale esplodono le infinite galassie di Terreni, galassie di ossigeno ed elio; galassie in cui è possibile respirare, anche sfrontatamente, una salutare e ristoratrice tempesta d’idee d’alta quota, percepire scenaridi misteriosa bellezza, alfabeti e costruzioni enigmatiche. Sono dimensioni oniriche, i cui orizzonti si perdono in percorsi piuttosto misteriosi ma salvifici. Elio Terreni vive in un altrove difficilmente rintracciabile e raro, quello in cui gli artisti possono trovare il tempo e il modo di realizzare quanto il centro spesso non consente. […]
[…] E in ogni espressione della sua pittura affiora qualcosa di visionario, le tracce di una
figurazione occulta che predilige un piacere cerebrale, un procedere immaginoso e incantato. Il vivere nelle periferie del mondo, indagando dignitosamente la propria e l’altrui fragilità, produce così uno spettacolo di rinnovata meraviglia e di ispirato stupore per gli occhi: il vedere diventa commozione, indotta dalla molteplicità dei significati e dalle maglie plurigenerative dell’alfabeto dell’arte.”

TERRENI.jpg

Elio Terreni, all’anagrafe Cornelio Terreni, pittore e scrittore, nasce a Goito (Mantova). Dopo essersi laureato presso l’Università di Parma, inizia a insegnare negli Istituti di Istruzione Superiore. Sin da adolescente, porta avanti con passione la sua personale indagine artistica, frequenta autorevoli nomi dell’arte contemporanea, studia, disegna e sperimenta intensamente. Dal 1995 comincia ad esporre le proprie opere, dapprima solo in Italia e, poi, sia in Italia che all’estero. Nel 2000, riceve la Targa del Presidente della Regione Lombardia al Premio Nazionale “Città di Moglia” ed espone nella personale “Immagini oltre il velo di Maja”organizzata dal Comune di Goito che, nell’occasione, gli attribuisce la Medaglia di Sordello, onorificenza della città. Nel 2002, partecipa a “Artexpo New York” a Manhattan e nella personale “B-cicli”, alla Galleria 2E a Suzzara,
presenta il ciclo di dipinti “Campidiforza”, genesi di una nuova espressione artistica che porterà l’artista all’attenzione della critica nazionale.
Seguono varie mostre personali che evidenziano i continui progressi della sua ricerca, tra cui:”Dialoghi tra forma e colori” nel Museo Etrusco a Murlo (Siena), nel 2003; “Bussando alla porta dell’anima”alla Galleria del Candelaio a Firenze, nel 2006; “Universi” alla galleria “StudioC”a Piacenza,nel2007.
Dal 2008 al 2018, espone in numerose rassegne in Italia e all’estero e consegue diversi riconoscimenti, tra cui: il “Fiorino d’argento” al Premio Firenze, con mostra dell’opera premiata nel Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio. In particolare, nel 2014, partecipa alla Esposizione Triennale di Arti Visive di Roma, curata dal Prof. Daniele Radini Tedeschi e inaugurata dal Prof. Achille Bonito Oliva, presso l’Università “La Sapienza” a Roma.
Nel 2016, espone nella collettiva “Artisti italiani contemporanei a Stoccarda” organizzata su iniziativa dell’Istituto Italiano di Cultura di Stoccarda, nel Municipio della città tedesca. Nel 2017, torna alla Esposizione Triennale di Arti Visive di Roma, curata dall’Art Director Gianni Dunil. In questi anni, diverse sue opere entrano a far parte di collezioni pubbliche e private.

ORARI di APERTURADELLA MOSTRA : dal Martedì al Venerdì 09:00-13:00 |Sabato 09:30-12:30 e 16:00-19:00 | Domenica 16:00-19:00 – Entrata libera

Annunci

Rispondi