MANTOVA – GANDELLINI e FAVERO DAL MINCIO ALLA FOCE DELL’ISONZO IN ZATTERA

di Paolo Biondo

La passione per l’avventura e per l’essere tutt’uno con la natura, dimenticandosi per una quindicina di giorni le “comodità” quotidiane, ha fatto sì che Fabrizio Gandellini di Goito e Ivano Favero di Cassano Magnago (Va) decidessero di affrontare un’escursione fluviale d’altri tempi.

I due naviganti hanno scelto un natante davvero unico per affrontare questa “avventura”, avventura che per la verità è ormai giunta alla sua terza edizione, ovvero una zattera creata utilizzando fusti vuoti e dotata di un motore fuoribordo abilitato alla navigazione su queste acque.Su di essa troverà posto anche una tenda, da montare la sera prima per il meritato riposo e, ovviamente, tutte le attrezzature necessarie per affrontare il lungo percorso: saranno circa 600 i chilometri che dovranno affrontare per raggiungere la meta e fare ritorno al punto di partenza.

Il tutto ha preso il via sabato 2 giugno da Mantova, per la precisione dalla spiaggetta di Porta Giulia, a Cittadella, sul Lago Superiore mentre il ritorno è previsto tra una quindicina di giorni.

Prima della partenza, il presidente del Consiglio comunale di Goito, Gabriele Belfanti, ha consegnato ai due naviganti, la bandiera della Città di Goito qiale testimonianza di condivisione del progetto realizzato dal goitese Gandellini.

La prima tappa porterà i due escursionisti nella stessa giornata ad attraccare la loro zattera al porticciolo di Felonica, dopo 70 km di navigazione, dove sono attesi dal sindaco di questa cittadina, Annalisa Bazzi, per una visita al museo della Seconda Guerra Mondiale come avvenuto nell’edizione 2016.

Il percorso scelto si snoderà lungo l’Antica Idrovia Veneta e in tale ambito una delle tappe più importanti sarà quella di Padova, novità rispetto al tracciato delle edizioni precedenti.

Nella Città del Santo, Fabrizio e Ivano raggiungeranno il centro storico con la loro zattera, grazie alla rete di canali esistenti, e anche in quella occasione ad accoglierli vi sarà il locale primo cittadino.

Il progetto che è alla base di questa esperienza nasce da un idea di Fabrizio Gandellini che ha, poi, realizzato il tutto.

Di volta in volta l’imprenditore goitese è stato affiancato da persone diverse che hanno, però, condiviso l’entusiasmo che accompagna la “crociera fluviale”.

E' il momento dei saluti

Quest’anno con lui vi è Ivano Favero, imprenditore ed ex consigliere della cittadina varesina, che da subito ha risposto “presente” all’invito del promotore dell’escursione.

Sono un appassionato di questo tipo di esperienze – sottolinea il compagno di viaggio di Gandellini – e quando Fabrizio mi ha proposto di partecipare all’escursione ho risposto immediatamente di si. Mi affascina l’idea di scoprire cose nuove e al tempo stesso di conoscere contesti ricchi di storia, paesaggio e di cultura”.

Parte l'escursione.JPGSiamo attrezzati di tutto punto. – Ribadisce Gandellini visibilmente emozionato, ma al tempo stesso orgoglioso per quel che si appresta a compiere – Disponiamo di viveri per muoverci in piena autonomia, siamo inoltre dotati di un satellitare per evitare sorprese. L’unico elemento del quale dobbiamo fare rifornimento di tappa in tappa sarà l’acqua per dissetarci. Sarà un’esperienza ancora una volta ricca di fascino e di emozioni”.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.