DELTABLUES – QUESTO WEEKEND  15-16-17 GIUGNO, IN ATTESA DELLA NOTTE DEGLI ALLIGATORI: 23 GIUGNO 2018 TAGLIO DI PO

Si inizia il venerdì 15 a Corte Bariani di Arquà Polesine con l’originale ensemble polesana degli Ukulele Lovers in cui spiccano le tre brave vocalist Annika Borsetto, Barbara Fortin e Ilaria Mandruzzato.

Ukulele Lovers.jpg

Si prosegue sabato 16 giugno nel parco di Villa Marchiori dei Cappuccini Lendinara dove saranno protagonisti i Betta Blues Society alle 21.15 e a seguire alle 22.30 le Foxy Ladies che si esibiranno di questa bella villa lendinarese costruita nel Cinquencento.

Betta Blues Society.jpg

Betta Blues Society tornano alla trentunesima edizione del Deltablues dopo essersi aggiudicati nell’edizione dell’anno scorso il primo posto nelle selezioni nazionali italiane per la Finale di Memphis 2018 dell’ “International Blues Challenge”, il più importante evento mondiale di promozione dei gruppi blues emergenti, tenutosi dal 22 al 26 gennaio 2018 dove si sono qualificati tra i finalisti. I Betta Blues si distinguono proponendo un mix di blues delle origini e di brani originali, suonati prevalentemente con strumentazione tipica del genere come dobro, ukulele, contrabbasso e percussioni, sotto la guida della brava e grintosa frontwoman Elisabetta Maulo.

le Foxy Ladies1.jpg

La conclusione della serata sarà affidata alle sorelle Federica, Ambra e Sara Baccaglini: le Foxy Ladies. Si può dire che la black music, ossia il soul, il gospel ed il blues abbia cresciuto sin da giovanissime le tre sorelle Baccaglini, diventate celebri grazie alla partecipazione a “Voices of Italy” 2016, ma non si deve dimenticare la loro lunga carriera come gruppo e da soliste dove spiccano collaborazioni importanti con artisti internazionali quali la cantante jazz Tammy McCann,il cantante armonicista di New Orleans, James Monque’d e la cantante gospel Cheryl Porter.

Mora & Bronski.jpg

Il secondo weekend Deltablues 2018 terminerà domenica 17 giugno con un concerto che chiuderà programma dell’ottava “Festa della Europea della musica” in Piazzetta Annonaria dove si esibiranno Fabio Mora e Fabio Ferraboschi in arte Mora & Bronski, rispettivamente voce e chitarra acustica con un repertorio musicale in bilico tra folk, blues e cantautorato italiano eseguito, come succedeva all’interno dei vecchi juke joint, con chitarre a 6 e 12 corde, banjo e steel guitar, oltre che l’ausilio di fiato, mani, piedi e schiocchi di dita.

Special Event Deltablues 2018 La notte degli “Alligatori”

La trentunesima edizione del Festival Deltablues propone agli appassionati del Blues (ma non solo) questo evento in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Taglio di Po.
Un originale connubio tra letteratura e musica che ci accompagnerà dal crepuscolo fino a notte fonda nel parco dell’agriturismo Monte Scala di Taglio di Po a due passi dalla chiesa romanica di S Basilio.  Un’occasione imperdibile per assaporare il Blues nel cuore del Delta del Po.

23 giugno 2018 – Agriturismo Monte Scala
Taglio di Po, Via San Basilio, 134

Ore 19,00 – Blues per cuori fuorilegge” di e con Massimo Carlotto, Maurizio Camardi, Francesco Garolfi
Ridding  liberamente tratto dall’ultimo capolavoro di Massimo Carlotto” Blues per cuori fuorilegge e vecchie puttane” con protagonista il personaggio letterario Marco Buratti detto l’Alligatore investigatore senza licenza appassionato della musica blues, che fa da colonna sonora alle sue inchieste.

Ore 21,30 – I “Bayou Moonshiners” Max “Alligator” Lazzarin & Stephanie Ghizzoni ci porteranno nei suoni e nelle suggestioni di New Orleans

Al termine del primo spettacolo sarà offerto, in collaborazione con Slow Food Rovigo e compreso nel biglietto, un ricco buffet con il meglio dei prodotti del Polesine ed in particolare del Delta del Po:

  • Aperitivi alcolici e non alcolici
  • pinzimonio con salsina
  • risotto: riso del Delta con verdure e caprino
  • frittatine con erbette
  • assaggi di formaggio e salame
  • paninetti al prosciutto
  • parmigiana di melanzane
  • vini del Colli Euganei e dei Lessini

Il costo della serata è di € 10,00 comprensivi dei due spettacoli e del ricco buffet proposto. Riduzione 20% per soci COOP Alleanza 3.0, Slow Food e Rovigo Jazz Club (riduzioni non cumulabili)

È gradita la prenotazione: info@deltablues.it Informazioni: www.deltablues.it –  tel. 346 6028609
Con Massimo Carlotto che riveste i panni di Marco Buratti tra romanzo e realtà, sul palco altri due personaggi della serie: Maurizio Camardi e Francesco Garolfi. Il sassofonista è noto da anni ai lettori come amico dell’Alligatore ed esperto di belle donne mentre Garolfi compare nell’ultimo romanzo e sul palco rivestono il doppio ruolo di musicisti e personaggi di carta.

Massimo Carlotto Maurizio Camardi e Francesco Garolfi.jpg

Massimo Carlotto, nato a Padova nel 1956, scrittore ma anche autore teatrale, sceneggiatore, autore di spettacoli è esponente di spicco del genere noir italiano. Ha esordito nel 1995 con il romanzo “Il fuggiasco” a cui è poi seguita una vastissima produzione di romanzi, saggi, racconti, nella quale spicca il ciclo di Romanzi dell’Alligatore con protagonista il detective Marco Buratti che indaga nel Nordest pieno di contraddizioni accompagnato dalle note del Blues.
Collabora con quotidiani e riviste. I suoi libri sono tradotti in vari Paesi e molti sono i premi letterari vinti.
Maurizio Camardi Esponente di primo piano del jazz italiano ha collaborato con Paolo Fresu, Stefano Battaglia, Enrico Rava, Claudio Fasoli, Patrizio Fariselli e molti altri. Nel campo della musica d’autore si è esibito con Ricky Gianco e Gualtiero Bertelli e, in ambito Blues con il rimpianto Cooper Terry. Al suo attivo anche la direzione artistica di importanti rassegne (tra cui “Storie di Jazz a Padova”).  Insieme al musicologo Roberto Favaro ha fondato nel 1986 la Scuola di Musica “George Gershwin” di Padova di cui è il direttore.
Francesco Garolfi è un chitarrista, compositore, arrangiatore e produttore tra i più interessanti e raffinati della scena emergente. Ha diviso il palco e registrato in Italia e all’estero con artisti di fama internazionale, interpretando svariati generi musicali con sensibilità e personalità distintive. Dal blues al rock, dalla world music alla musica d’autore, dalla musica popolare alla classica contemporanea, passando per le sonorizzazioni e la musica per il teatro e la letteratura.

Bayou Moonshiners.jpg

I Bayou Moonshiners sono Stephanie Ghizzoni (voce, percussioni) e Max “Alligator” Lazzarin (pianoforte, voce) una vita trascorsa con le band di ognuno di loro su palchi italiani, svizzeri, tedeschi, ora insieme per una missione: creare un ponte tra l’Italia e la Louisiana.
La loro musica ci fa assaporare New Orleans, una città dove tutto sembra essere possibile, un luogo con una storia unica con tante culture diverse. Un luogo con molti volti dal divertimento e dalla festa del mardi gras alle leggende oscure e blues dei fantasmi che ancora vagano nel quartiere francese insieme a bande di ottoni e maschere da carnevale.

In attività da una ventina d’anni, di cui dieci attraversando a 360° il mondo del Blues, Max “Alligator” Lazzarin ispira il suo sound, pianistico e vocale, alle atmosfere della New Orleans music, eseguendo sia brani propri che grandi classici reinterpretati. Dopo due album all’attivo, “Baron Samedì” nel 2006 Don’t Touch My Shoes nel 2009 che gli hanno regalato grandi soddisfazioni entrando in classifica in Francia e venendo trasmessi dalle emittenti specializzate belghe e canadesi, oltre che assicurargli i piu’ grandi palchi italiani specializzati nella Black Music, Max “Alligator” Lazzarin da alcuni anni porta avanti il felice sodalizio artistico “Bayou Moonshiners” con la brava e coinvolgente cantante Stephanie Ghizzoni con la quale ha vinto la finale italiana dell’Italian Blues Challenge 2016 ed ora  presenta il recente CD “Living Live”.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.