FORMAZIONE IN AGRICOLTURA, BANDO ISMEA-MIPAAF: DUE GIOVANI di COLDIRETTI MANTOVA alla PRIMA “AGRIACADEMY”

Camilla Destro.jpeg

Camilla Destro di Ponti sul Mincio, e Andrea Zanotti di Asola sono i due giovani agricoltori selezionati da Ismea che parteciperanno alla prima AgriAcademy, un percorso di formazione realizzato insieme al ministero delle Politiche agricole, pensato per i giovani imprenditori agricoli, con una visione legata all’innovazione, all’internazionalizzazione e alla sostenibilità.

Andrea Zanotti

Un format didattico, recita Ismea, “che affianca le lezioni frontali con i migliori docenti e operatori sul mercato una Social Square, una piazza dove le idee e i progetti vengono sviluppati da squadre”.

Fra le materie che verranno affrontate nel corso delle lezioni per la crescita delle imprese agricole condotte da giovani ci sono tutte le chiavi per la competitività dell’agricoltura del futuro: innovazione, marketing, agricoltura 4.0, co-progettazione, export.

Sono due le sessioni didattiche in programma. La prima, per i giovani imprenditori con aziende situate nel Nord Italia, sarà a Bologna i prossimi 13, 14 e 15 luglio, con focus su formazione, laboratori, networking; fra settembre e ottobre sarà organizzata la seconda sessione, durante la quale saranno presentati i progetti delle squadre e si procederà con la premiazione di quelli ritenuti più innovativi.

“È una grande soddisfazione per Coldiretti Mantova poter inviare due dei nostri giovani imprenditori a un evento di formazione nazionale di Ismea e Mipaaf – commenta Erminia Comencini, direttore di Coldiretti Mantova -. Sono certa che sapranno poi trasmettere al gruppo dei nostri under 30 e alle donne le nuove frontiere dell’innovazione e le opportunità per migliorare la redditività delle aziende agricole e garantire qualità e salubrità ai cittadini e ai consumatori”.

Camilla Destro, 27 anni, è la delegata provinciale del Movimento Donne Impresa di Coldiretti Mantova. È alla guida dell’agriturismo Bitturelli di Ponti sul Mincio: 19 ettari a conduzione familiare coltivati a cereali e piccoli frutti. Offre ospitalità rurale e prima colazione agli agrituristi, molti dei quali stranieri. “Sono molto curiosa di poter fare questa esperienza – racconta Camilla Destro – perché ho molti progetti per ampliare l’attività agrituristica e completare il percorso della multifunzionalità aziendale. Un confronto con altri giovani imprenditori e con docenti di alto livello sarà senza dubbio stimolante e utile”.

Andrea Zanotti, 23 anni, è asolano, ma è titolare di un’azienda agricola a Fiesse (Brescia): 25 ettari coltivati a mais, grano, insalata e pomodoro da industria. In particolare, i 10 ettari di insalata è venduta per il 50% a un commerciante e in parte lavorata nell’azienda del papà ad Asola per la prima gamma, destinata ai mercati generali. “Conoscere altre realtà aziendali, confrontarsi con imprenditori coetanei, che hanno idee e progetti diversi, ma comunque tutti finalizzati a migliorare l’impresa agricola – commenta Andrea Zanotti – sarà sicuramente utile per imparare cose nuove e adattarle magari alla propria realtà imprenditoriale. Oggi è imprescindibile aprirsi a nuovi mercati e a tecnologie in grado di assicurare tracciabilità del prodotto e fornire sicurezza ai consumatori”.

(foto Coldiretti)

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.