MANTOVA – “LA GUERRA SPIEGATA AI POVERI” ARRIVA a PALAZZO D’ARCO con TEATRO MINIMO

Mercoledì  4 luglio alle ore 21,30  ritorna la prosa alla stagione teatrale estiva “Sere d’estate a Palazzo D’Arco” organizzata dall’Accademia Teatrale Campogalliani con il sostegno e il patrocinio del Comune di Mantova e della Fondazione D’Arco.

La storica compagnia Teatro Minimo di Mantova rappresenterà il divertente ed ironico testo di Ennio Flaiano “LA GUERRA SPIEGATA AI POVERI” (di E. Flaiano) per la regia di Sergio De Marchi.

Teatro Minimo  -  La guerra spiegata ai poveri - 59 -  da sin. Gabriella Ferramola, Ivonne Paltrinieri   .jpgGli interpreti sono:

Ivonne Paltrinieri , Sergio De Marchi , Fiorenza Bonamenti,

Angela Fornacciari,  Pierangela Giavazzi , Amedeo Dì Michele,

Gabriella Ferramola, Bruna Campi, Olga Kashchuk,  

Tes Lazzarini, Sandro Boninsegna

Hanno collaborato all’allestimento dello spettacolo Valter Delcomune  e Franco Ubezio.

Nato nel 1966 su iniziativa di Bruno Garilli , il Teatro Minimo deve il suo nome al numero limitato dei suoi componenti nonché alla minuscola originaria sede di Via Isabella d’Este., poi trasferita dal  1994 in via Gradaro, 7/A. Nel corso della sua più che quarantennale attività il “Minimo” ha privilegiato una scelta di testi drammatici, o comunque impegnati, proponendo nuove tendenze teatrali, quali il teatro dell’Assurdo, il teatro documento, o quello di autori emergenti, tra cui il mantovano Angelo Lamberti. Il gruppo successivamente è anche approdato ai classici e più recentemente si è orientato verso il teatro classico-moderno, presentando diverse opere di Luigi Pirandello, tra cui, ultima fatica, “La ragione degli altri”, nonché testi di Ugo Betti Harold Pinter e Diego Fabbri.

Ennio Flaiano, scomparso prematuramente nel 1972, fu un autore molto prolifico ed  eclettico, che  spaziò in una grande varietà di campi, passando con facilità dal giornalismo alla prosa e alla scrittura umoristica, dalla critica teatrale e cinematografica al teatro e al cinema vero e proprio, come sceneggiatore a fianco di registi di chiara fama. Tutta la sua produzione, indipendentemente dal genere, si caratterizza per lo stile chiaro, colorito e forbito. Il suo genio multiforme sapeva cogliere gli aspetti più paradossali della vita e della realtà del tempo, che egli interpretò e descrisse con una vena ironica e satirica e un grande senso del grottesco. Dietro il riso, a volte amaro, che le sue farse, le sue affermazioni e i suoi aforismi suscitano vi è tuttavia, sempre, la profondità di un pensiero realistico, privo di illusioni e improntato ad un forte senso morale.

Esordì come autore drammatico nel 1946, con l’atto unico “La guerra spiegata ai poveri”. Altri atti unici vennero rappresentati nel 1960: “La donna nell’armadio” e “Il caso Papaleo”. Del 1960 è pure la versione teatrale di “Un marziano a Roma”, racconto omonimo del 1954. L’ultima opera teatrale “Conversazione continuamente interrotta” fu messa in scena a Roma, nel 1972, poco prima della morte dell’autore.

47 - in primo piano da sin. Sergio De Marchi e Amedeo De Micheli. Sullo sfondo Angela Fornacciari e Tes%2.jpg

Scrisse  “La guerra spiegata ai poveri” in pochissimo tempo e la fece rappresentare nel maggio dello stesso anno all’Arlecchino di Roma, un teatrino d’avanguardia. Definita da un critico “brillante saggio di umorismo caustico e irriverente nei confronti dei miti della società borghese”,  l’opera è una presa di posizione in chiave ironica, e più spesso farsesca e grottesca, contro la guerra e i suoi fautori ad ogni costo. La trama è molto semplice. Un gruppo di alti “papaveri” capeggiati da un Presidente e da un Generale sono riuniti per pianificare le strategie per una guerra appena iniziata. Nel corso dell’incontro essi esprimono la loro visione della guerra, che concepiscono come evento rassicurante e vantaggioso. Giunge ad un certo momento un giovane, che si rifiuta di andare alla guerra perché non sa che cosa sia. Tutti si danno da fare per spiegargliela e per esaltarne la bellezza e la poesia. Passa il tempo. La guerra sta finendo, ma il gruppo è ancora lì. Questa volta in attesa di progettare il prossimo conflitto.

La maggior parte dei personaggi è “sopra le righe”. I loro discorsi, infarciti di assurdità incredibili, dimostrano fino a che punto possono arrivare la cecità e la stupidità umana. Progettare la guerra e giocare con la vita degli altri sono per loro una specie di passatempo da perpetuare e nel quale indulgere.

Flaiano ci propone una riflessione amara, ma non priva di ironia e arguzia sui tanti perché della guerra. L’opera si snoda infatti sul filo di un grottesco che sfiora l’assurdo e che non manca di suscitare un sorriso.

Fiorenza Bonamenti e Sergio De Marchi.jpg

La regia di Sergio De Marchi ha volutamente accentuato gli elementi satirici e grotteschi del testo, puntando sul contrasto tra la serietà con cui i personaggi discutono e la vacuità delle loro considerazioni. L’azione si svolge in un ambiente pieno di giocattoli, una specie di sala giochi e, per evidenziare gli aspetti ludici della situazione, i personaggi si trastullano con i vari oggetti, mentre discutono di piani, di armamenti e di vite umane da sacrificare.

I posti non sono numerati  e i biglietti verranno messi in vendita la sera dello spettacolo a partire dalle ore 20.

In caso di pioggia, lo spettacolo sarà rimandato alla sera successiva.

(info : www.teatro-campogalliani.it)

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.