CIC IN TOUCH, IL PROGETTO CARTONI ANIMATI IN CORSIA RIPARTE IN VERSIONE SPERIMENTALE

Brescia, 7 luglio – Cartoni animati in corsia, progetto che l’Associazione Avisco porta avanti dal 2012 presso l’Ospedale dei Bambini di Brescia e che coinvolge i giovani pazienti nella realizzazione di piccoli film animati, riparte in modalità sperimentale e hi-tech, e diventa CIC IN TOUCH.

cic in touch spedali civili brescia.jpg

Una versione inedita e alternativa ai laboratori in presenza che, grazie ad un intenso lavoro di rimodulazione, dal 15 luglio al 30 settembre (per due volte a settimana) coinvolgerà il reparto di Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza dell’Ospedale.

Le ragazze e i ragazzi esploreranno le potenzialità espressive e comunicative dell’animazione digitale, utilizzando il tablet come un inesauribile foglio di carta, creando le immagini in movimento disegno dopo disegno e lavorando sia individualmente sia in gruppo. Grazie alla collaborazione con la start-up milanese ARIA – The AR platform i video realizzati usciranno dalle mura ospedaliere in forma inedita e assolutamente sorprendente: la realtà aumentata. Basterà infatti scaricare sullo smartphone o il tablet l’omonima applicazione gratuita ed inquadrare le immagini realizzate dai giovani pazienti, stampate su cartoline, t-shirt, adesivi, locandine per vederle in movimento, come in una vera e propria magia. Questa tecnologia all’avanguardia, ma di semplice fruizione per il pubblico, apre la strada ad innumerevoli possibilità artistiche di diffusione dei risultati, che andranno temporaneamente a sostituire il grande schermo del cinema. I percorsi laboratoriali di produzione video sono resi possibili grazie ai nuovissimi e coloratissimi IPad messi gratuitamente a disposizione da C&C SpA, Apple Premium Reseller che si distingue sul panorama nazionale anche grazie alla specializzazione in ambito Education.

Fondamentale la collaborazione con la Direzione ospedaliera e con il personale del reparto, che in un momento così delicato ha saputo mettere in campo strategie organizzative per garantire le condizioni necessarie allo svolgimento di un’attività dal carattere fortemente innovativo e sperimentale.

Il Progetto è sostenuto da Fondazione Alessandra Bono e Fondazione ASM ed è realizzato grazie alla collaborazione di Cascina Clarabella e di numerosi donatori privati. La campagna di raccolta fondi per proseguire con i laboratori anche dopo l’estate è tuttora in corso. adatullo33@gmail.com

Chi è AVISCO, acronimo di Audiovisivo Scolastico, è un’Associazione di Promozione Sociale che da oltre 30 anni promuove percorsi di ricerca, sperimentazione e aggiornamento sui linguaggi audiovisivi e le nuove tecnologie intesi come strumenti di inclusione, socializzazione ed espressione personale oltre che di partecipazione attiva al mondo dell’arte e della cultura. Cura progetti di produzione audiovisiva rivolti a bambini e giovani, con una particolare attenzione ai minori in situazione di fragilità. Organizza corsi di media education e promuove il cinema d’autore in ambito nazionale ed internazionale, con particolare attenzione al cinema d’animazione. In AviscoLAB, al MO.CA, ha allestito un laboratorio permanente di stop-motion, a disposizione dei giovani creativi che lo frequentano per realizzare i propri progetti, sia individualmente che in percorsi strutturati. (avisco.org)

Il progetto Cartoni animati in corsia. La malattia stravolge la vita quotidiana del bambino e della sua famiglia. La paura e il dolore rischiano di diventare totalizzanti e le cure impongono limiti alla libertà di azione e alla possibilità di scegliere come e dove passare il proprio tempo.

spedali civili brescia

Cartoni animati in corsia nasce con l’obiettivo di aiutare i giovani e i giovanissimi pazienti a superare questi limiti, attraverso il potere immaginifico del cinema, offrendo loro l’opportunità di diventare autori di brevi film d’animazione. Unico nel suo genere e premiato a livello internazionale, il progetto è parte integrante dell’offerta educativa e ricreativa dell’Ospedale dei Bambini, Presidio dell’ASST Spedali Civili di Brescia, dal 2012. Non prevede costi a carico delle famiglie, né della struttura ospedaliera ed è presente nei reparti pediatrici tutto l’anno, anche nel periodo estivo. Ogni anno coinvolge circa 100 bambini e ragazzi tra i 5 e i 17 anni. I partecipanti sperimentano la tecnica e il linguaggio del cinema d’animazione dando vita a storie e personaggi, assistiti da personale qualificato che mette a loro disposizione una serie di attrezzature professionali progettate per adattarsi agli ambienti di cura. Gli incontri di sonorizzazione e i percorsi di visione di cortometraggi d’autore completano l’esperienza, vissuta dai bambini come occasione di gioco, condivisione ed espressione del proprio mondo interiore. I film nati in corsia escono dall’ospedale e incontrano il grande pubblico in occasione di proiezioni al cinema, nelle scuole, nei convegni e sul web. Spesso gli autori hanno la possibilità di accompagnarli e non di rado sono invitati a partecipare come ospiti di festival cinematografici nazionali e internazionali. (cartonianimatiincorsia.org)

C&C SpA. Azienda pugliese che conta 32 negozi, tra Apple Premium Reseller, Centri di Assistenza Autorizzati Apple e Premium Service Provider, presenti in tutta Italia, da nord a sud. Il marchio C&C rappresenta il più grande di quattro APR (Apple Premium Reseller) distribuiti lungo tutto lo Stivale, e a confermarlo vi sono i suoi quasi 250 dipendenti. A dare maggiore forza al brand vi è anche il riconoscimento di Apple Authorised Education Specialist che fa di C&C la prima azienda in Italia, e la decima in Europa, per penetrazione dei prodotti Apple nella scuola e per i risultati conseguiti con i progetti Education, oltre ad essere stata insignita del premio Apple Education Rising Star 2019. (cecspa.com)

ARIA – The AR platform è una piattaforma di realtà aumentata fondata a Milano nel 2017 da Manolo Turri, Yuh Kuo Tai e Raffaella Roccella, e oggi conta più di 25.000 utenti attivi. Obiettivo di Aria Platform è di rivoluzionare la comunicazione semplificando l’accesso alla realtà aumentata per gli utenti, le istituzioni, i brand, gli eventi e i content creator, e per questo ha creato un’applicazione unica per tutte le experience di realtà aumentata concentrandosi sulla qualità dei contenuti e l’experience degli utenti.

Diverse le collaborazioni con artisti, musicisti italiani, content creators e con realtà quali Design week, BalichWorldwide,TedX, e aziende come Panino Giusto. La possibilità di collegare contenuti digitali a supporti fisici (locandine, flyer, gadgets, istallazioni) è una nuova chiave per distribuire contenuti digitali nella realtà: un vero e proprio nuovo media, la nuova internet. (ariaplatform.com)

Fondazione Alessandra Bono Onlus nasce con l’intento di promuovere e sostenere la ricerca medica affinché i malati mantengano viva la speranza e possano trovare conforto nel sapere che c’è qualcuno che sta combattendo al loro fianco. (fondazionealessandrabono.it)

Fondazione ASM è stata costituita a Brescia nel 1999 da Asm SpA, ora A2A SpA, per alimentare ed incrementare, mediante nuovi strumenti operativi, il costante e diretto rapporto che, sin dal 1908, l’Azienda Servizi Municipalizzati aveva stretto con la comunità bresciana. Nel 2005, a seguito dell’incorporazione dell’azienda di servizi bergamasca Bas all’interno di Asm SpA, la Fondazione Asm ha allargato il proprio raggio di intervento anche ai territori di Bergamo e provincia. Nel perseguimento degli scopi statutari, che si esprimono nelle finalità culturali e di solidarietà sociale, la Fondazione sostiene progetti rivolti alla crescita complessiva della cittadinanza, distinguendosi per la precisa identità e marcata sensibilità nel campo delle problematiche sociali, nella promozione delle espressioni artistiche e culturali, nel sostegno alla formazione e nella tutela ambientale. (fondasm.it/fasm/cms/asm/)

Cascina Clarabella – oltre ad essere una tipica cascina franciacortina – è un consorzio che raggruppa cooperative sociali di tipo A e B che si occupano di disabilità psichica e fisica. Le cooperative di tipo A svolgono attività socio-sanitarie mentre quelle di tipo B svolgono attività produttive finalizzate alla creazione di posti di lavoro per persone svantaggiate. Attraverso un’azione sinergica, il gruppo si occupa della persona disabile in ogni aspetto della sua vita: salute, lavoro, abitazione e socializzazione.

(consorziocascinaclarabella.it)

 

 

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.