CONTROLLI STRAORDINARI, IL BILANCIO DEI CARABINIERI NEL WEEK-END

A seguito dei controlli Straordinari dei Carabinieri nel week-end ci sono state sette persone denunciate, un locale pubblico, 2 persone sanzionate per inosservanza misure COVID e 2 persone segnalate alla Prefettura per possesso di stupefacenti.

Leggiamo nel dettaglio qui di seguito, quanto è accaduto:

  • Uomo sorpreso mentre tentava di vendere una bici provento di furto

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Mantova, a conclusione di una mirata attività info-investigativa, hanno denunciato un uomo residente a Brescia per ricettazione di una bici del valore di circa 1.500 euro.

Il ricettatore, trovato on-line l’annuncio per la vendita di una bici usata, proponeva all’inserzionista, dopo averlo contattato mediante una chat privata,  uno scambio con altra bici in suo possesso di valore superiore che avrebbe ceduto con l’aggiunta di 270 euro in contanti. Il venditore accettava la proposta ma, poco dopo, aveva modo di apprendere, tramite una foto postata su un social network in un gruppo di appassionati del settore, che una bici del tutto identica a quella propostagli per lo scambio era stata rubata ad un membro del gruppo qualche ora prima.

A questo punto scattava la segnalazione ai Carabinieri di Mantova che, al fine di verificare la rispondenza della bici proposta per lo scambio con quella rubata, si appostavano nel luogo prefissato per l’incontro. Giunto sul posto l’ignoto venditore, immediatamente intervenivano i Carabinieri, i quali provvedevano ad identificare l’uomo, 33enne già noto alle Forze dell’Ordine residente a Brescia, ed accertavano che il velocipede oltre ad essere del tutto identico a quello rubato, riportava sul telaio lo stesso numero di matricola. La bici, pertanto, veniva restituita al legittimo proprietario mentre l’uomo veniva deferito alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Mantova per il reato di ricettazione.

  • Quattro donne denunciate per furti nei supermercati

Nel corso dei servizi di controllo del territorio, i Carabinieri  della Sezione Radiomobile del NORM di Mantova e i loro colleghi della Stazione di Curtatone hanno denunciato complessivamente  4 donne sorprese a rubare in due supermercati di Mantova e Curtatone.

I militari, con la collaborazione del personale di vigilanza dei predetti esercizi commerciali, sorprendevano le donne dopo che avevano superato le casse occultando la merce all’interno delle loro borse da passeggio. Le azioni delittuose risultavano particolarmente gravi poiché non si trattava di generi di prima necessità ma di cosmetici e superalcolici, tra cui champagne, per un valore complessivo di circa 2.000 euro. Le donne, ora, dovranno rispondere di furto aggravato  per aver sottratto merce esposta a pubblica fede.

  • Porto ingiustificato di strumenti atti ad offendere

I Carabinieri della Stazione di Castel D’ario hanno sorpreso una 24enne, originaria dell’est Europa, con precedenti di polizia, in possesso di un coltello multifunzione con lama in apertura, occultato all’interno del bracciolo centrale dell’autovettura condotta, portato fuori dall’abitazione senza  un giustificato motivo.

Infatti, nel corso dei controlli finalizzati alla prevenzione dei reati predatori, non giustificando la sua presenza sul posto in seguito ad un controllo, la donna è stata sottoposta ad una perquisizione che ha permesso ai Carabinieri di rinvenire l’arma bianca. Il coltello è stato quindi sottoposta a sequestro e la donna denunciata alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Mantova.

  • Controlli finalizzati al rispetto delle norme anti-covid

I Carabinieri della Stazione di Castel D’ario hanno denunciato un uomo che, sebbene sottoposto dall’ATS Valpadana  alla misura dell’isolamento obbligatorio, abbandonava il domicilio per recarsi sulla  pubblica via, dove veniva sorpreso dai Carabinieri, senza alcun giustificato motivo.

L’uomo, pertanto, come previsto dalla vigente normativa, è stato segnalato all’Autorità Giudiziaria. Per il per il mancato rispetto delle misure finalizzate al contenimento della diffusione del virus, i Carabinieri hanno sanzionato un titolare di un bar di Marmirolo, per aver consentito il consumo di bevande al tavolo all’esterno dell’esercizio, e due giovani donne stranieri, residenti a Nogarole Rocca (VR), che si circolavano nella Provincia di Mantova senza alcun giustificato motivo.  

  • Contrasto al consumo di stupefacenti

I Carabinieri della Stazione di Sustinente hanno segnalato alla Prefettura di Mantova due uomini, originari dell’est-Europa, rispettivamente di 35 e di 29 anni, domiciliati a Mantova.

I due, infatti, in seguito ad un controllo per la prevenzione e la repressione di reati in materia di stupefacenti, sono stati trovati in possesso di una modica quantità di hashish finalizzata all’uso personale, condotta che secondo il Testo Unico delle Leggi sugli stupefacenti, prevede l’applicazione di una o più sanzioni in via amministrativa  che vanno dalla sospensione della patente di guida, al divieto di conseguire la licenza di porto d’armi  e fino alla sospensione del passaporto.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.