SVILUPPO SOSTENIBILE PEWR RIPARTIRE: DAL 19 AL 21 NOVEMBRE IL PRIMO FORUM REGIONALE

MILANO – Presentare l’azione regionale per sviluppo sostenibile in una visione globale; aprire un confronto sulla Strategia di Regione Lombardia; dare visibilità all’azione dei sottoscrittori del Protocollo sulla sostenibilità; coinvolgere i nuovi soggetti lombardi.

Questi gli obiettivi del primo Forum regionale per lo Sviluppo Sostenibile che rende il via giovedì 19 novembre, a Milano. Una tre giorni per fare sistema coinvolgendo imprese e università (LIVE STREAMING SU SVILUPPOSOSTENIBILE.REGIONE.LOMBARDIA.IT/FORUM).

Il Forum, organizzato da Regione Lombardia, si svolgerà in modalità digitale e prevede eventi plenari istituzionali, eventi tematici e la presentazione di esperienze e testimonianze.

Il momento di approfondimento sarà articolato su tre giornate, dal 19 al 21 novembre: la prima è dedicata alle istituzioni, la seconda vedrà come protagonisti importanti stakeholders e rappresentanti della società civile, mentre l’ultima si concentrerà su una riflessione dedicata all’etica ambientale.

I pomeriggi invece saranno dedicati a workshop tematici.

La diretta streaming sarà accessibile a tutti dal sito www.svilupposostenibile.regione.lombardia.it/forum

“Questo Forum rappresenta un momento di riflessione importante per presentare l’azione regionale per lo sviluppo sostenibile in una visione globale, anche nel nuovo contesto che si è generato a seguito della pandemia. Lo sviluppo sostenibile va scelto, non accade per inerzia. Ed è un driver fondamentale per ripartire – spiega l’assessore all’ambiente e clima Raffaele Cattaneo – Il Forum vuole essere un momento di riflessione e proposta per il futuro, in una situazione in cui la pandemia ha messo in evidenza l’esigenza ancor più rafforzata di garantire un equilibrio stabile tra uomo e ambiente e tra uomo e natura, e dall’altro ha determinato una situazione di incertezza economica che richiede una capacità di rilancio e di ripresa immediata. Una ripresa che sarà tanto più solida quanto più sostenibile”.

Il Forum è anche l’occasione in cui rafforzare il coinvolgimento del sistema produttivo e del mondo sociale, elemento chiave della strategia di sviluppo sostenibile: “La strategia di sviluppo sostenibile – prosegue Cattaneo – ha trovato una prima concreta applicazione nel Protocollo lombardo per lo sviluppo sostenibile, che ha visto il coinvolgimento del mondo economico, delle università, delle associazioni di categoria, delle imprese e della società civile. In queste giornate daremo visibilità ad alcune azioni dei sottoscrittori del Protocollo Lombardo per lo Sviluppo sostenibile”.

Nel panorama istituzionale nazionale ed europeo, le Regioni rivestono un ruolo fondamentale nella definizione delle strategie di sviluppo sostenibile e nella concreta attuazione delle politiche e delle misure di intervento che coinvolgono enti locali, operatori e i cittadini. Il Forum guarda non solo alla Lombardia, ma all’Italia e si confronta con l’Europa, attraverso il dialogo tra i rappresentanti di diverse regioni europee, che racconteranno la propria esperienza diretta di promozione dello sviluppo sostenibile tramite azioni normative, programmatiche, di investimento, di formazione e di raccordo con il territorio.

“Il tema dello Sviluppo Sostenibile deve essere al centro della nostra riflessione e del nostro agire – conclude Cattaneo- specialmente oggi dove la ripresa dalla pandemia impone un cambiamento e l’adozione di un nuovo paradigma nelle nostre scelte. Con l’approvazione dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, gli obiettivi di sviluppo sostenibile sono diventati un riferimento universale nella definizione di politiche in campo economico, sociale e ambientale. E tema dello sviluppo sostenibile si pone come una sfida alla capacità di governare una transizione equa verso modelli di crescita più sostenibile e diffusa, sfruttando appieno le prospettive dal Green Deal promosso dalla Commissione Europea”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.