OLTRE 2MILA STUDENTI IN BASSA ROMAGNA HANNO A DISPOSIZIONE EROGATORI DI ACQUA POTABILE

Con la riapertura delle scuole, oltre 2mila studenti di numerose scuole secondarie di primo grado della Bassa Romagna hanno trovato nel proprio plesso l’erogatore d’acqua potabile installato nelle settimane scorse da Romagna Acque in collaborazione con i Comuni, l’Unione e Ceas della Bassa Romagna.

Si tratta di un’azione concreta voluta per incentivare l’utilizzo dell’acqua pubblica e delle borracce nelle scuole e contestualmente evitare la produzione di rifiuti in plastica e il consumo di prodotti monouso anche negli istituti scolastici.

Gli erogatori, 12 in tutto, sono installati alla scuola media “Alfredo Oriani” di Alfonsine e a Longastrino, alla scuola “Luigi Graziani” di Bagnacavallo e a Villanova, alla scuola “Luigi Varoli” di Cotignola, alla “Renato Emaldi” di Fusignano, nelle scuole medie “Francesco Baracca”, “Silvestro Gherardi” a Lugo e nel plesso di Voltana.

La realizzazione del progetto è stata resa possibile grazie alla partecipazione di Romagna Acque Società delle Fonti spa al bando del Fondo d’ambito di incentivazione alla riduzione e prevenzione dei rifiuti istituito da Atersir ai sensi della Legge regionale 16/2015 per consentire la riduzione del consumo di prodotti monouso nelle scuole.

Altra iniziativa, frutto di una collaborazione tra Comune di Lugo, Provincia di Ravenna, Romagna Acque – Società delle fonti e Rotary Club di Lugo, ha permesso l’installazione di tre erogatori di acqua pubblica nel Liceo di Lugo, che saranno utili a 1382 studenti.

Tutti i dispositivi sono allacciati dalla rete idrica e mantengono le caratteristiche qualitative dell’acqua, lasciando inalterato il contenuto di sali minerali e le caratteristiche naturali.

Le scuole della Bassa Romagna stanno partecipando anche al progetto del Ceas Bassa Romagna “Goccia a goccia” dedicato al tema dell’acqua e del risparmio idrico: sono stati realizzati due kit didattici multimediali con una particolare cura nella selezione dei materiali e degli argomenti che gli insegnanti stanno utilizzando per lavorare con la propria classe. Hanno aderito al progetto 24 classi della Bassa Romagna (Alfonsine, Bagnara, Conselice e Lavezzola, Fusignano, Lugo, Sant’Agata sul Santerno), di cui 11 classi di primaria e 13 classi di secondarie.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.