BASSA ROMAGNA: LO SPECO ALIMENTARE AL CENTRO DELL’ULTIMO INCONTRO DI FOOD CORRIDORS

Ospiti del meeting una start-up bolognese che gestisce le eccedenze alimentari e il centro per l’innovazione “Giulio Natta”

Martedì 27 aprile si è tenuto il quarto appuntamento tematico nell’ambito del progetto europeo Food Corridors, incentrato sulla creazione di un network di città europee impegnate nella progettazione di piani alimentari sostenibili. L’incontro, con focus su “Innovazione – Incubatori e Start-Up”, ha rappresentato l’occasione per approfondire le proposte emerse nel precedente laboratorio.

Nello specifico, i partecipanti hanno elaborato idee innovative in merito allo sviluppo di uno strumento in grado di contrastare lo spreco alimentare.

Ospite del quarto focus tematico è stato Alberto Drusiani, amministratore delegato e co-fondatore di SquisEat, la start-up bolognese proprietaria dell’omonimo mercato di eccedenze alimentari che consente agli utenti di acquistare a fine serata prodotti invenduti di ristoranti, forni e servizi di catering a un prezzo scontato.

Durante l’incontro è intervenuta anche Camilla Manzoni dell’incubatore “Giulio Natta” di Giussago (Pv), fondato nel 2020 sulla base delle conoscenze acquisite in anni di ricerca e applicazione di pratiche rigenerative nel settore agro-alimentare.

Il seminario è stato facilitato dall’associazione Khora Laboratory, che guiderà tutto il ciclo di incontri sulla sostenibilità alimentare finalizzato alla messa a punto di un piano di azione integrato da includere nel progetto entro la fine del 2021.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.