STELLA BASSANI TORNA CON IL NUOVO DISCO “HA YIKKAR l’essenziale in studio”. SU TUTTE LE PIATTAFORME DIGITALI

Ritorno discografico per Stella Bassani, icona contemporanea dell’ebraismo musicale pop, che – classe 1970, mantovana – ci regala 7 tracce nuove. Sette canzoni, dunque, tutte in ebraico che spaziano dalla tradizione dell’antico testamento per raggiungere i songwriter del Novecento, celebrando la Storia e le storie di un popolo controverso e spesso tragicamente perseguitato.

«Ha Yikkar» che sottotitola « l’essenziale in studio » è un album « ponte », o meglio di passaggio, rigorosamente unplugged (quasi solo voce e chitarra, con qualche arricchimento sonoro solo nel brano d’apertura) che ha lo scopo di trasportare l’ascoltatore nella Erez Israel (la terra promessa) in tutta la sua essenza e semplicità.

Inoltre ci piace leggere tra le righe che l’essenziale, la cosa fondamentale,e il minimalismo sono i binari di ripartenza per un mondo che, travolto da Covid e lockdown, riparte dalle radici per ricostruire l’albero e il giardino della vita.

Capolavori di bellezza come «Hine keinei avadim» e «Rachem», si affiancano a tre omaggi dedicati all’indimenticabile Naomi Shemer («Lu Yehi», «Od Lo Avavti Dai», «Al Kol Eleh») per celebrare il KInneret con la tradizionale «Eretz Eretz Eretz» e la Storia del popolo ebraico con « Ava Nagila ».
Dal 10 ottobre 2021, in distribuzione sulle maggiori piattaforme digitali.

Stella (Iolanda Elena) Bassani inizia fin da bambina a girare con il nonno Cesare Galli, polistrumentista e direttore d’orchestra, nonché fondatore della Fisorchestra di Verona, respirando musica e diventandone piano piano parte integrante. Gira con lui l’Italia, la Svizzera, la Francia e altri paesi, ben presto imparando anche il significato del palco, del musicista e del pubblico. Crescendo inizia a scoprire il pianoforte, il solfeggio, la chitarra e soprattutto la voce. Soprano, con un’inclinazione naturale verso le note lunghe, inizialmente viene introdotta al canto lirico che, però ben presto, abbandona perché troppo competitivo e rigido.

Stella ama anche la danza, il movimento fisico, il ballo.

Infatti, attraverso le feste tradizionali della Comunità organizzate dal padre Italo (attivissimo a livello locale, nazionale e internazionale) conosce la MUSICA TRADIZIONALE EBRAICA, antica e religiosa, ma soprattutto laica e vivace, tipica della terra mediorientale che ha conosciuto in Europa e nel mondo diverse contaminazioni.

Dopo la scomparsa del nonno e anche del padre (il quale, dopo essere scampato al genocidio della shoah e che nel dopoguerra diventò Presidente della Comunità Ebraica di Mantova dal 1973 al 1985, all’età di soli cinquant’anni restò gravemente paraplegico a causa di un ictus) Stella Bassani – dopo essersi occupata per oltre dieci anni della cura del papà – decide di intraprendere un viaggio spirituale, e materiale, di conoscenza verso il suo popolo, facendosi da sola.
Israele, l’Olocausto, il dolore ancestrale e la rabbia per ogni tipo di genocidio e discriminazione, la portano verso la sua lingua (l’ebraico) e la canzone popolare.

Nel gennaio 2012, riceve una targa a Roma per l’impegno sociale, al Campidoglio, in occasione dell’evento ambientalista “UN BOSCO PER KJOTO” e viene invitata a numerose manifestazioni per LA GIORNATA DELLA MEMORIA.

Nel gennaio 2013 pubblica il suo primo album, intitolato I GIARDINI DI ISRAEL, ed è subito un successo.
Le maggiori associazioni e riviste ebraiche accolgono il progetto come importante e coraggioso, in un momento estremamente complicato dal punto di vista internazionale.
L’album viene presentato nelle maggiori città italiane come Milano, Roma, Siena, Brescia, Mantova e Parma.
Il repertorio di Stella Bassani è però ben più ampio: è stata invitata nelle maggiori feste tradizionali e ricorrenze. Come ad esempio a Verona – Giornata Europea della Cultura Ebraica 2013 e al Festival della Canzone Ebraica a Milano nel 2014.

Il 9 novembre 2014 è uscita la ristampa di “I GIARDINI DI ISRAEL” con un nuovo titolo “TRA PACE E MEMORIA”, dedicato al 25° anniversario della CADUTA DEL MURO DI BERLINO.
Nel 2015 ha partecipato al Festival Ascoli Holy Music, festival internazionale della musica per la preghiera, duettando con il trio gospel Anno Domini.

Nel 2019 ha realizzato il singolo ” Vi hu da leolam teshev”, cover del brano originale israeliano, riproponendo in versione dance con arrangiamento di Dave Rodgers, presentandolo in tour in molte città d’Italia. Il 10 ottobre 2021, dopo aver incontrato l’Ambasciatore di Israele a un evento dedicato all ‘Alyiah Bet ligure, partecipa alla Giornata Europea della Cultura Ebraica di Sabbioneta (MN) con lo show concept “Dialoghi musicali” presentando il suo secondo album “Ha Yikkar”, prodotto da Long Digital Playing Srl e distribuito sulle piattafome on line in oltre 200 Stati del mondo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.