LOTTA ALLE MAFIE. TRENT’ANNI DELLA DIA, Convegno a BOLOGNA con il ministro LAMORGESE. BONACCINI: “Fondamentale per colpire le mafie in modo deciso ed efficace”

L’organismo investigativo interforze di Bologna che ha competenza regionale diventa ‘centro operativo’. “Un salto di qualità per le attività di prevenzione e investigazione: un passaggio importante per l’intera territorio emiliano-romagnolo”

Il presidente di Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini

Bologna – “La Dia è stata una straordinaria intuizione che ha permesso allo Stato, in questi primi trent’anni della propria storia, di colpire le mafie in modo deciso ed efficace. E di questo dobbiamo essere grati alle donne e agli uomini che in questo tempo ne sono stati l’anima. Con un pensiero particolare a Giovanni Falcone, a cui si deve la nascita della Dia. Ma purtroppo non è finita. Dobbiamo ancora tenere alta la guardia, anche in Emilia-Romagna, perché le mafie sono cambiate nel tempo, si inseriscono sempre di più nel tessuto produttivo, economico e finanziario dei territori, danneggiandoli. Per questo l’imperativo resta quello di continuare a rafforzare gli anticorpi contro la criminalità organizzata, grazie alla collaborazione con Prefetture, Magistratura e Forze dell’ordine”.

Così il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, intervenendo al convegno dal titolo “Mafie ed appalti: la prevenzione antimafia”, che si è tenuto questa mattina in Prefettura, a Bologna, con la Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, in occasione del trentesimo anniversario dell’istituzione della Direzione Investigativa Antimafia, organismo investigativo interforze.

Il pubblico al convegno

In questi giorni c’è stato l’annuncio della decisione del Ministero di innalzare di ‘livello’ la DIA di Bologna, che ha competenza su tutto il territorio regionale, da ‘sezione operativa’ a ‘centro operativo’. “Si tratta di un passaggio importante- prosegue Bonaccini– che anche significa più uomini e più mezzi a disposizione delle Prefetture dell’Emilia-Romagna per le attività di prevenzione antimafia e dell’autorità giudiziaria per le attività investigative. Dalla Regione ci sarà sempre la massima collaborazione possibile, a partire dalla vigilanza sugli appalti, come è stato anche nella ricostruzione post sisma con la nascita del Girer, il Gruppo interforze ricostruzione Emilia-Romagna, e gli accordi con le Prefetture”.

Prima del convegno, nell’ambito delle celebrazioni per il 30^ anniversario della Direzione Investigativa Antimafia, la ministra Lamorgese ha inaugurato la mostra “Antimafia Itinerante”, allestita all’interno del Palazzo Caprara Montpensier, sede della Prefettura.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.