GIANPIETRO OLIVETTO AL PREMIO SALGARI DI NEGRAR PRESENTA IL LIBRO “LA DOLCE VITA DI FRAKA”

Nuovo appuntamento della rassegna di incontri organizzata dal Premio Letterario Emilio Salgari di Letteratura Avventurosa, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Negrar di Valpolicella, l’UTL Università del Tempo Libero di Negrar, la Biblioteca Civica di Verona, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Verona, l’Associazione e rivista “Ilcorsaronero”, con il sostegno e in collaborazione con Valpolicella Benaco Banca, la casa editrice Oligo di Mantova e l’Azienda Agricola Cantina Corte San Benedetto.

Venerdì 6 maggio 2022, alle ore 18.30, il giornalista Gianpietro Olivetto presenterà il suo libro “La dolce vita di Fraka. Storia di Arnaldo Fraccaroli, cronista del Corriere della Sera” (All Around, 2019), con prefazione di Gian Antonio Stella, presso la Cantina Corte San Benedetto, in via Casa Zamboni 8 ad Arbizzano di Negrar di Valpolicella (VR). Dialogherà con l’autore Claudio Gallo.

“Fraka inventore della dolce vita, cronista che sapeva fotografare con le parole, filosofo, poeta, commediografo, umorista e curioso delle donne.

Questo è stato il veronese Arnaldo Fraccaroli (Villa Bartolomea 1882-Milano 1956), per quasi 50 anni inviato del Corriere della Sera. Grazie alla sua versatilità, Fraka – così amava anche firmarsi – produsse migliaia di articoli d’ogni genere e oltre cento tra romanzi, libri di viaggi, novelle, saggi, lavori teatrali e biografie (tre sull’amico Puccini). Aveva prima di tutto  classe da vendere e una capacità straordinaria di passare dal reportage di guerra alla commedia brillante. Inventò inoltre l’espressione “dolce vita”, così titolando una sua opera. Fu inotre, durante il primo conflitto mondiale, uno dei migliori corrispondenti dal fronte. Rese celebre la frase “meglio vivere un’ora da leone che cent’anni da pecora” e per il suo comportamento in battaglia ottenne una croce e una medaglia al valor militare. È stato uno dei primi cronisti a volare su dirigibili e aeroplani e a visitare Hollywood. Scoprì e fece conoscere l’America degli “anni ruggenti” e il jazz. Dal 1920 al 1940, girò tutti i continenti, svelando agli italiani il mondo e le novità del secolo” (dal sito dell’Editore)

Gianpietro Olivetto, nato nel 1950 a Lonigo (VI), vive a Sacrofano (Roma). Giornalista professionista. Già caporedattore Rai. Inviato, caposervizio e vaticanista a Il Mattino di Napoli (per 15 anni) e a L’Informazione. Ha seguito grandi fatti di cronaca e una quarantina di viaggi di Giovanni Paolo II. Redattore a L’Eco di Padova, Il Diario, Il Gazzettino, Il Giornale di Vicenza. Dal 1996 al 2014 in Rai: cronista alla struttura per il Giubileo del 2000; conduttore dei giornali radio della notte, dell’alba e del pomeriggio/sera; redattore capo a Gr Parlamento. Collaboratore per anni del settimanale Oggi.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.