ASST e Palazzo Ducale protagonisti al PA Social Day 2022

Con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti della Lombardia, Comune di Brescia e Brescia Mobilità si è svolto un convegno sulla “comunicazione digitale come opportunità di network” per la Pubblica amministrazione.

Al tavolo dei relatori Miglioli e Colombo

Finalmente in presenza nelle 19 città italiane collegate via web, e in diretta streaming su YouTube, Facebook, Twitter e LinkedIn, per 10 ore filate amministratori e comunicatori si sono confrontati sullo stato dell’arte della comunicazione e dell’informazione digitale nei vari comparti: pubblico, para-pubblico, terzo settore.

Tanti gli interventi e le case history presentate nei diversi panel, con approfondimenti tematici città per città: trasporti, servizi pubblici, sanità, ambiente, smart city, nuovi linguaggi, fake news e uso corretto del web, educazione al digitale, servizi digitali, nuovi profili professionali, nuova organizzazione della comunicazione, cultura e musei, open data e partecipazione, gestione emergenze, intelligenza artificiale, turismo.

Si sono alternati comunicatori, giornalisti, amministratori pubblici, manager, esperti di comunicazione digitale (e non) con l’obiettivo di ampliare il dibattito, sollecitare un confronto, raccogliere idee e proposte, allargare ulteriormente la rete della nuova comunicazione, dare visibilità all’ottimo lavoro portato avanti su tutto il territorio nazionale, sviluppare e incentivare la nascita di nuove esperienze e una matura cultura del digitale. 

A Mantova è toccato il panel conclusivo “la Cultura che comunica” coordinato da Elena Miglioli, responsabile ufficio stampa e comunicazione ASST Mantova. Invitato a presentare l’esperienza di Palazzo Ducale dalla prospettiva dell’Ufficio stampa, Alessandro Colombo ha evidenziato – al di là dell’utilizzo professionale dei social media e dei software relazionali, impiegati per interagire con il pubblico – l’approccio mirato della comunicazione della reggia nei confronti delle varie tipologie di utenti e stakeholder.

Una nuova app consente ai visitatori di utilizzare il proprio cellulare per orientarsi nel museo, con la possibilità di sperimentare percorsi personalizzati per singoli o famiglie; ai video della serie “Officine Ducali”, periodicamente pubblicati online, è affidato il compito di descrivere per immagini lo stato di avanzamento dei progetti in corso, aggiornando istituzioni e cittadini sui cantieri della reggia in un’ottica di informazione e trasparenza; gli incontri riservati agli “instagrammer” documentano fotograficamente scorci ed eventi del palazzo secondo insolite prospettive artistiche, promuovendolo all’esterno.

E infine, focus sul webcomic “Isavincetutto”, che attraverso un linguaggio fresco e contemporaneo avvicina un pubblico nuovo (giovani ma non solo) ai temi della cultura alta, utilizzando il fumetto per raccontare Isabella d’Este, “prima donna” del Rinascimento e influencer ante litteram. 

Prossimo appuntamento PA Social (associazione che a livello nazionale coinvolge una schiera di comunicatori digitali della Pubblica Amministrazione) il 17 settembre a Bergamo, con gli Stati Generali della Comunicazione. 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.