A “LUCIO CHI SEI TU? IL FOLLETTO GENIALE” di LEONARDO METALLI il Premio Italiano Videoclip Indipendenti

Dopo il grande successo della scorsa edizione, il 30 settembre, l’1 e il 2 ottobre nelle piazze centrali di Faenza (RA) si terrà la nuova edizione del MEI – Meeting delle Etichette Indipendentila più importante rassegna della musica indipendente italiana, ideata e coordinata da Giordano Sangiorgi.

Tre giorni di concerti, forum, convegni, fiere e mostre nelle principali piazze, teatri e palazzi e palchi faentini, aggiungendo contenuti Extra MEI online, dirette streaming e contenuti esclusivi sul sito e sulle pagine social ufficiali della manifestazione che festeggia i suoi primi 25 anni.

Quest’anno il Premio Speciale PIVI – Premio italiano Videoclip Indipendente, a cura di Fabrizio Galassi e organizzato dal MEI, va a Lucio chi sei tu? Il folletto genialeil docu-film del giornalista Leonardo Metalli.

Questa la motivazione del riconoscimento “Lucio Dalla, un artista geniale, che sapeva fare tutto con un pizzico di follia e anche, talvolta, qualche bugia. Un maestro, tratteggiato in modo inusuale con un “racconto verità”, grazie a documenti inediti degli amici e di grandi personaggi dello spettacolo come Carlo Verdone e Renzo Arbore. Un documentario di Leonardo Metalli “dalla parte dell’artista”, per osservare la vera natura di Lucio Dalla, delle sue stranezze e della sua arte. Un racconto su Dalla, folletto geniale, in cui lo spettatore ha la possibilità di riflettere sulle mille vite di Lucio, sulla sua capacità di eterno bambino e sulla sua poliedricità. Un artista sempre imprevedibile che ha insegnato molto al suo pubblico e ai suoi amici come alla gente comune, le persone che più lo incuriosivano. Un musicista unico, diavoletto magico e angelo benedetto che, a dieci anni dalla morte, continua a mancare a chi lo ha seguito e amato come le mille versioni diverse delle sue canzoni, le sue spiegazioni dei misteri della vita e l’interpretazione del soprannaturale come solo lui sapeva fare. Una storia che non è finita e non finirà mai”.

A premiare il docu-film di Lorenzo Metalli  il 30 settembre alla Galleria della Molinella alle ore 18 sarà il patron del MEI Giordano Sangiorgi con il curatore del PIVI – Premio Italiano Videoclip Indipendenti Fabrizio Galassi.

Ad aggiudicarsi, invece, il Premio MEI 25 per il Miglior libro indipendente dell’anno è “Gigacapitalisti di Riccardo Staglianò (Giulio Einaudi Editore).

Questa la motivazione del premio “Riccardo Staglianò presenta “Gigacapitalisti” un libro chiaro, preciso e diretto che ci fa ben comprendere in quale tragica direzione andiamo, musica compresa, sempre più nelle mani di pochi marchi multinazionali globali monopolisti interessati solo al massimo profitto e a nessun investimento nel settore creativo. Con il rischio evidente di uccidere tutto il settore dell’innovazione musicale che non introita più alcuna risorsa economica dalle uscite in distribuzione digitale. Cosi Bezos, Musk, Zuckerberg e il resto del club degli ultraricchi valgono, da soli, più di molti Stati. E spesso contano anche di più. Ma le fortune troppo concentrate non fanno bene né al mercato né tantomeno alla società. È il momento di intervenire, prima che sia troppo tardi.

La cerimonia di premiazione avverrà l’1 ottobre alle ore 18.00 presso la Galleria della Molinella di Faenza, all’interno della mostra sulle copertine di dischi del grande disegnatore e fumettista Guido Crepax, durante una lunga serie di convegni, premiazioni e presentazioni di libri e dischi e dibattiti su diversi temi musicali in programma l’1 e il 2 ottobre a Faenza.

Fin dalla prima storica edizione, il MEI,  la manifestazione, fondata e diretta da Giordano Sangiorgi, è stata la piattaforma di lancio della nuova scena indipendente italiana con artisti che sono diventati pilastri della musica in Italia (tra gli altri DiodatoAfterhours, Bluvertigo, Marlene Kuntz, CSI, Pitura Freska, Baustelle, Caparezza, Negramaro, Brunori Sas, Perturbazione, Marta sui Tubi, Offlaga Disco Pax, e tantissimi altri) e ha premiato emergenti oggi considerati punte di diamante della nuova scena artistica del nostro Paese (come Ermal Meta, Fulminacci, Lo Stato Sociale, Ghali, I Cani, Canova, Calcutta, Zibba, Mirkoeilcane, Le Luci della Centrale Elettrica, Motta, Colapesce, Cosmo e tanti altri). Tanti sono stati anche gli artisti che hanno mosso i loro primi passi proprio al MEI, come ad esempio Daniele Silvestri che nel 1997 allestì un suo stand espositivo e più recentemente i Måneskin, che al MEI di Faenza hanno realizzato una delle loro primissime e uniche esibizioni in un festival indipendente fuori da Roma. Durante i suoi 27 anni di attività il MEI, con le sue edizioni ufficiali insieme alle tante edizioni speciali (a Bari, Roma e in altre città), ha registrato un totale di 1 milione di presenze, la partecipazione di 10 mila artisti e band dal vivo5 mila realtà musicali coinvolte in expo e convegni e 1000 giornalisti (più di 100dal resto d’Europa) che hanno parlato del MEI contribuendo a renderla la più importante vetrina della nuova e nuovissima musica italiana. Anche quest’anno il MEI trasformerà Faenza per tre giorni in una vera e propria città della musica con concerti, presentazioni musicali e letterarie, convegni e mostre, affiancati da una parte espositiva rivolta agli operatori della filiera musicale con l’obiettivo di sostenere la crescita e la diffusione di una cultura musicale indie ed emergente. Verranno selezionate le migliori realtà indie italiane grazie al circuito di AudioCoop, che rappresenta circa 200 piccole etichette discografiche indipendenti italiane, e saranno presenti, unico caso in Italia, i vincitori di oltre 100 festival e contest per emergenti provenienti da tutta la Penisola e selezionati da AudioCoop, coordinamento etichette indipendenti, dalla Rete dei Festival,dal circuito di AIA – Artisti Italiani Associati, insieme a La Squadra per la Musica, il programma in oltre 150 radio Classic Rock on Air. Quest’estate, inoltre, il MEI 25 realizzerà vari eventi in anteprima in diverse città italiane come Procida, Capitale della Cultura, Rimini e tante altre.

Il MEI 2022 è realizzato con il contributo di Comune di Faenza, Regione Emilia-Romagna, Emilia Romagna Music Commission, AFI – Associazione Fonografici Italiani, La BCC Ravennate Forlivese e Imolese, Confesercenti Ravenna, ERCultura, Camera di Commercio di Ravenna, SIAE, Nuovo IMAIE, Lazio Sound, Ministero della Cultura, Unione Romagna Faentina. Inoltre collaborano Terapia Artistica Intensiva, Esibirsi, Siedas, It-Folk, Music Day e Figurine Forever.

www.meiweb.it

www.facebook.com/MeetingDegliIndipendenti/ – www.twitter.com/MEI_Meeting

www.instagram.com/mei_meeting/

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.