DIEGO BURIGOTTO, ANDREA JORI, GIULIA REALE ALLA GALLERIA MANTOVA ARTE DISEGN

La galleria MAD presenta 3 artisti DIEGO BURIGOTTO, ANDREA JORI e GIULIA REALE . Vernissage sabato 1 ottobre ore 18:00 con la presentazione di Massimo Pirotti. L’esposizione rimarrà aperta al pubblico fino al 14 ottobre 2022.

DIEGO BURIGOTTO nasce a San Donà di Piave (VE) nel 1962. Sin da pccolo dimostra una spiccata attitudine per il disegno che lo porta a frequentare l’Istituto Statale d’Arte dei Carmini di Venezia dove scopre altri materiali e tecniche artistiche che cercherà, in seguito, di approfondire autonomamente come la pirografia, la laccatura e il mosaico.

A Desenzano del Garda dal 1994, ultimamente lavora molto usando come basi dei materiali plastici.

Esposizioni personali e collettive 2019 : asta n° 8 presso la PRINCEART Gallery di Salerno  2018 : world wide art show – New York . collettiva – Flyer Art Gallery The Post Street Art – Torino – personale – galleria Rinascenza  Contemporanea 2 Faces – collettiva – Indipendent Artist – Busto Garolfo (Milano) 2017 : Art Rome – collettiva – galleria Flyer Art – Roma 2015 : CremonART – collettiva – galleria CremonaBooks
Dialogue on Death 2 – collettiva – Museo Diocesiano di Gubbio Dialogue on Death – collettiva – The Crypt Gallery of Saint Pancreas  Church – Londra Arte e Cultura in Laguna – collettiva – Cavallino Treporti (Venezia) Tra Arte e Turismo Città di Padova – collettiva  – 2014 : CollezionArte – collettiva – Museo Miit – Torino AGNA Arte – collettiva – Agna (Padova) 2013 : Epimetheus: i Teodicei reVisionari – collettiva – galleria Rinascenza Contemporanea – Pescara  Arte e Cultura in Laguna – collettiva – Cavallino Treporti (Venezia) Città di Corchiano – collettiva – Corchiano (Viterbo) 2012 : Portraits – collettiva – galleria GAMeC di Pisa – Fantasya- collettiva – Colle Val d’Elsa (Siena) Cultural Contact 3: nel Labirinto – collettiva – Alatri (Frosinone) Città di Fiuggi – collettiva – Fiuggi (Frosinone) – Premio Tassi – collettiva – Vignola (Modena) – Ombre all’ Orizzonte – collettiva – Napoli Arte in Toscana: dalla Macchia al Contemporaneo – collettiva – galleria  GAMeC di Pisa . Dal 2015 a tuttora n. 2 opere in permanenza alla galleria Maisons d’Art di Padova con esposizioni collettive a Padova, Vicenza, Venezia e Treviso  e dal 2016 a tuttora n. 7 oper in permanenza presso il Cafè Makè di San Donà di Piave (Venezia) 

GIULIA REALE – Nata a Portici, vive a Salerno dopo un lungo periodo di permanenza a Bergamo. L’interesse per l’arte, nelle sue varie espressioni, ha accompagnato e influenzato la sua formazione fin da ragazza, affinando la sua visione del mondo. 

La vita di Giulia Reale è un viaggio con la macchina fotografica al collo e la necessità di tornare nella tranquillità della casa sul golfo di Salerno per poter dipingere. E’ soprattutto in quella serenità ovattata, fatta di cielo che si perde nel mare, che trova ispirazione. 

La sua produzione artistica nasce infatti da una profonda urgenza espressiva, maturata attraverso l’osservazione, la pratica e lo studio da autodidatta, dove la donna diventa artista e “nell’esercizio sulla tela disgela la sua intimità”. 

Nei suoi dipinti infatti la Reale mette spesso la donna in primo piano, centro vitale e propulsivo di un linguaggio intimo, difficile da sostenere, ma anche l’uomo con le sue idiosincrasie. Ecco allora nel gesto pittorico trasfondere l’ardore di chi ricerca la salvezza interiore, di chi vuole sciogliere il nodo gordiano delle emozioni, dando voce ad un inconscio inesprimibile e incomprensibile. Giulia Reale comunica e interpreta nelle sue tele in modo intimo e personale, le profonde inquietudini del nostro tempo, dà continuità a quel dialogo interrotto tra uomo e donna, trasformando il suo raffinato sguardo in un’espressione artistica passionale, fatta di luce e ombre ma che, come suggerisce la poetessa Rosalia Cozza: “libera quel raggio di luce nell’oscurità dell’esistenza”.

ANDREA JORI (presentazione delle opere a pennarello per la prima volta insieme ai prototipi lenticolari e digitali NFT)

Lo studio della materia nell’epoca digitale diventa sempre più complesso, nella ricerca pluridecennale dell’opera grafica di Andrea Jori questi patterns strutturali che sono nel suo dna scultoreo interpretano la figurazione come una architettura moderna della morfologia dell’uomo e dell’animale. Dalla tridimensionalità della materia alla bidimensionalità della superficie cartacea traferisce queste strutture complesse attraverso le opere a pennarello che sono lo spartiacque tra l’opera fisica e quella digitale. La serie grafica piuttosto imponente di opere a pennarello è una sorta di progettazione che sfocia dalla carta alla digitalizzazione lenticolare che ne da profondità e movimento e quella digitale con le opere NFT di cui l’artista mantovano è stato uno dei primi della sua generazione a presentare i prototipi.

Dal fisico al digitale l’estetica dell’artista mantovano fa un balzo in avanti esplorando le infinite possibilità che il linguaggio dell’umanità futura ci riserba. / Massimo Pirotti

Andrea Jori nasce a Mantova nel 1953. Dal 1967 inizia a creare sculture polimateriche e opere policrome a pennarello su cartoncino presenti oggi in collezioni d’arte in Italia e all’estero. Laureatosi al D.A.M.S. di Bologna nel 1977, nel 1981 aprì al pubblico il proprio studio/laboratorio in via Accademia 44 a Mantova. Nel 2005 il comune di Mantova gli ha conferito il premio “Virgilio d’oro” per meriti artistici. Jori negli ultimi anni ha creato un nuovo ciclo di installazioni multimediali, tra le quali vanno ricordate: Metamorfosi e Cosmogonia (2009), Museo di Reggio Emilia, Il Ciclo della Vita (2009), Madonna della Vittoria e S. Barbara (MN), Hydrogen (2010), Spazio Arka Porto Mantovano (MN), Ulisse siamo noi (2011) Casa del Mantegna (MN) e Kosmos (2015) spazio S.Agnese (MN), Il Mondo di James Joyce , Festivaletteratura (2015), Lettori tra creatività e memoria (2016) Archivio di Stato (MN), Frontiere (2016) Museo Diocesano Francesco Gonzaga. Da qualche anno collabora con la rivista Frigidaire.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.