Sperimentazione approccio montessoriano al Nido comunale “Girotondo” di Gonzaga e alla Scuola dell’Infanzia “Maraini” di Palidano

Il progetto di sperimentazione dell’approccio montessoriano al nido comunale “Girotondo” e alla scuola dell’infanzia “Maraini” di Palidano persegue la finalità di creare un polo scolastico dell’educazione montessoriana a Gonzaga, nei luoghi che Maria Montessori scelse per applicare il suo rivoluzionario metodo educativo, oggi seguito in tutto il mondo.

Voluto da Comune di Gonzaga, GAM e Istituto Comprensivo Gonzaga, il progetto promuove il rilancio a Gonzaga di un’offerta formativa di ispirazione culturale-pedagogica montessoriana e di continuità sulla fascia 0-6 anni, in linea con le disposizioni normative relative al DL 65/2017, che ha istituito il sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita sino ai sei anni. La ricerca scientifica più avanzata, che integra la biologia, la neuroscienza e la psicologia, conferma infatti, direttamente o indirettamente, l’importanza dei principi scientifici dell’educazione montessoriana.

Il progetto è stato presentato da Elisabetta Galeotti, sindaca di Gonzaga, Carla Ferrari, vice sindaca di Gonzaga e assessora comunale alle politiche scolastiche, Rossella Auriemma, dirigente Istituto Comprensivo Gonzaga, Stefania Bisi, responsabile settore Servizi alla Persona Comune di Gonzaga, Barbara Bussolotti, educatrice montessoriana, Michele Dal Trozzo, responsabile materiali Montessori GAM.

  • 1/LA SPERIMENTAZIONE: INCONTRI

Nella sua fase iniziale, la sperimentazione prevede l’avvio di corsi per docenti e di incontri di orientamento per genitori che, in vista dell’anno scolastico 2023-2024, dovranno iscrivere i propri figli al nido e alla scuola dell’infanzia. La partecipazione agli eventi, realizzati da Comune e GAM, è gratuita.

Il primo appuntamento, in programma sabato 19 novembre dalle ore 9 alle ore 11 nella sede GAM, è un incontro introduttivo al metodo Montessori per Asilo Nido e Scuola dell’Infanzia rivolto a genitori e educatori/docenti. Sarà condotto da Sonia Cagnata, educatrice e formatrice dell’Opera Nazionale Montessori con pluriennale esperienza in Italia e all’estero, che presenterà l’argomento illustrando i tratti più salienti di uno dei metodi educativi più apprezzati al mondo.

“Laboratori Montessori” è il titolo del secondo appuntamento, in agenda sabato 10 dicembre dalle ore 9.30 alle ore 11.30, che prevede lo svolgimento di laboratori per bambini da 2 a 5 anni, durante i quali i piccoli avranno la possibilità di svolgere attività con materiali Montessori, guidati da insegnanti specializzate. Contestualmente i genitori avranno la possibilità di assistere alla presentazione di materiali Montessori dei quali verranno illustrate finalità e modalità di utilizzo.

Sarà inoltre possibile visitare il museo Montessori MEMO, alla scoperta della vita di Maria Montessori, dei suoi materiali e della sua presenza a Gonzaga.

  • 2/LA SPERIMENTAZIONE: PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO ’22-’23

Nel Piano per il diritto allo studio ’22-‘23 elaborato dall’Amministrazione Comunale sono stati inseriti due progetti finalizzati a sostenere la sperimentazione.

Il primo interessa la scuola dell’infanzia “Maraini” di Palidano, dove è previsto l’acquisto di materiale di sviluppo montessoriano e l’allestimento di spazi strutturati rispondenti alle 5 aree di sviluppo di matrice montessoriana: Attività di Vita Pratica, Materiale Sensoriale, Psicoaritmetica, Psicogrammatica, Educazione Cosmica.

Il metodo montessoriano opera infatti affinché il bambino apprenda sperimentando la libera scelta, l’autonomia e l’indipendenza, e l’insegnante possa dare massima fiducia all’interesse spontaneo del bambino: nell’educazione montessoriana non è il bambino che si adatta all’adulto, ma l’adulto che si adatta al bambino, nel rispetto dei suoi bisogni. In funzione di questa prerogativa, la maestra montessoriana è particolarmente attenta e preparata nell’osservare ogni singolo bambino ed i piccoli gruppi che si formano spontaneamente. Nella scuola di Palidano è già presente una docente con specializzazione della differenziazione didattica Montessori per insegnanti di scuola dell’infanzia. La scuola inoltre è circondata da un ampio parco che consente a bambine e bambini di sperimentare il contatto diretto con la natura, altro principio fondamentale dell’educazione montessoriana.

Il secondo progetto riguarda il Nido comunale “Girotondo” e consiste nella realizzazione di un percorso formativo pedagogico teorico-pratico di introduzione ai principi del metodo montessoriano, rivolto alle educatrici. Il corso sarà tenuto da Sonia Cagnata, formatrice Opera Nazionale Montessori, su argomenti quali i principi fondamentali del metodo Montessori, l’ambiente nido Montessori e la sua organizzazione in funzione dello sviluppo del bambino, lo stile di intervento degli educatori, le attività di linguaggio in un nido.

  • IL LEGAME DI MARIA MONTESSORI CON PALIDANO E GONZAGA

Nei primi anni del ‘900 la Scuola dell’Infanzia “Maraini” di Palidano nasceva come Casa dei Bambini, fortemente voluta dalla Contessa Maria Maraini che aveva stretto amicizia solidale con Maria Montessori e che era affascinata dal suo metodo. Nel 1911 Maria Montessori commissiona i suoi primi materiali didattici alla falegnameria Bassoli di Gonzaga. Uno dei dipendenti più giovani, Cesare Baroni, collabora personalmente con Maria Montessori. Nel 1963 Baroni è cofondatore della ditta “Baroni e Marangon”. Nel 1975 la “Baroni e Marangon” diventa la cooperativa “Gonzagarredi” e produce materiali di sviluppo montessoriano.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.