PRESEPE VIVENTE A SAN BIAGIO. NOTTE DI LUCE 25-26 DICEMBRE 2022 E 1-6-8-15 GENNAIO 2023

S. BIAGIO (BAGNOLO SAN VITO) – Saranno sei le rappresentazioni del Presepe Vivente di San Biagio, evento di rilievo nazionale che avrà come protagonisti nella Betlemme ricostruita ben 300 figuranti e sessanta figure di artigiani del tempo con la novità dell’inserimento in questo ambito anche quella del cestaio e del torciaio.

La manifestazione allestita dal gruppo di volontari denominato “La notte di Luce” con la collaborazione della Parrocchia di S. Biagio ed il patrocinio del Comune di Bagnolo San Vito, nello specifico dall’assessorato alla cultura, e dalla Provincia di Mantova vivrà i suoi momenti più coinvolgenti nelle giornate del 25 e 26 dicembre 2022 e l’1, il 6, l’8 e il 15 gennaio 2023 dalle 16 alle 18,30.

Un anteprima di questa manifestazione è avvenuto sabato 3 dicembre in sala consigliare di Bagnolo San Vito dove gli organizzatori coordinati da Maurizio Riccadonna, che aveva al proprio fianco il sindaco, Roberto Penna, e il parroco di S. Biagio, don Mirko Frignani, e in quella occasione sono stati evidenziati gli elementi principali che vivono dietro le quinte della rappresentazione.

L’aspetto centrale dei sei appuntamenti posti in calendario sarà, senza ombra di dubbio, la volontà di porre l’accento sul valore della famiglia, inteso tanto sotto l’aspetto spirituale e religioso quanto quello umano e sociale.

Per dar ancora maggior forza al messaggio che s’intende proporre, messaggio che punta a richiamare l’attenzione delle persone anche nei confronti dell’aspetto dell’integrazione, quest’anno gli organizzatori hanno deciso di inserire nel contesto anche nuclei famigliari di culture e religioni diverse.

Aspetto estremamente significativo dell’impegno profuso dai promotori dell’evento giunto alla sua 29ª edizione sarà quello che in ogni rappresentazione la Sacra Famiglia sarà rappresentata, di volta in volta, da una vera famiglia con il proprio bimbo di pochi mesi.

All’interno del villaggio di Betlemme, ricostruito in ogni minimo particolare nell’area verde adiacente la parrocchia di San Biagio, saranno allestite una sessantina di casette nelle quali una famiglia reale, alcune di queste sono del posto altre giungono da territori limitrofi, rappresenterà un mestiere del tempo e altre attività riconducibili al territorio.

Il programma della rappresentazione prevede alle 16 una fase in cui il paese di Betlemme si anima in attesa del Messia, i mestieranti sono impegnati nelle varie attività e in questa fase il pubblico potrà sentirsi protagonista attivo della scena visitando ogni angolo del villaggio.

La seconda parte prende forma all’imbrunire, verso le 17, e il cuore pulsante di questo momento sarà proprio la rappresentazione della Natività partendo dall’Annunciazione, proseguendo con la visita di Maria Elisabetta che poi lascia posto all’annunciazione dell’Angelo a Giuseppe sino ad arrivare alla Nascita di Gesù accompagnata dall’adorazione da parte dei pastori, dei Re Magi e di tutti i figuranti.

In questo caso il pubblico assisterà al tutto restando ai bordi del villaggio.

La parte conclusiva tornerà a coinvolgere il pubblico che potrà portarsi alla Capanna e come han fatto i figuranti potrà fermarsi in istante in adorazione della Sacra Famiglia.

Ancora una volta questo evento porterà il visitatore ad immergersi in un’atmosfera davvero suggestiva ed affascinante che, viste le edizioni precedenti, lascerà un segno piuttosto marcato nella memoria di ogni persona che assisterà alla rappresentazione.

Paolo biondo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.