ECCO IL NUOVO STEMMA ARALDICO SCELTO DAI CITTADINI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO BIGARELLO

Una cospicua e sentita adesione e la volontà di partecipare alla ridefinizione di uno dei simboli della comunità nata dalla fusione dei Comuni di San Giorgio di Mantova e Bigarello: ben 1139 cittadini di San Giorgio Bigarello hanno compilato il form online sul sito istituzionale del Comune per decidere, tra tre proposte, il bozzetto che diventerà il nuovo stemma araldico comunale.

Il logo che ha registrato il maggior numero di voti è stato il secondo: 512 votanti (45% del totale) hanno scelto la rappresentazione di San Giorgio e il drago, già presenti nello stemma di San Giorgio di Mantova, che si fondono negli elementi rappresentativi del territorio di Bigarello, contraddistinto dai colori verde-oro e dalle foglie di quercia farnia della Foresta della Carpaneta. Una sintesi del tutto nuova e rinnovata per uno stemma che riassumerà le identità di entrambi i territori.

A partecipare alla votazione, con grande entusiasmo e con il coinvolgimento e la collaborazione dell’Istituto Comprensivo, i ragazzi e le ragazze delle quinte della Scuola Primaria e delle prime classi della Scuola Secondaria di primo grado.

“Tutta l’Amministrazione – ci spiega il Sindaco Beniamino Morselli – è molto soddisfatta della grande partecipazione che la scelta del nostro simbolo ha scaturito nella cittadinanza: il coinvolgimento delle scuole e l’entusiasmo dei ragazzi hanno premiato appieno l’iter intrapreso per questo progetto che vuole guardare, insieme ai “cittadini di domani” del nostro Comune, al futuro del nostro territorio.”

L’iter si concluderà con l’approvazione dello stemma selezionato da parte prima del Consiglio Comunale e poi del Servizio di Araldica Pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri, che ne dovrà approvare forma, colori, dimensioni e attinenza alle normative vigenti. Solo a questo punto il nuovo stemma diventerà ufficialmente l’emblema del Comune di San Giorgio Bigarello: ulteriori passaggi istituzionali che sanciranno la scelta dei cittadini.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.